Home » BACHECA WEB, IMPERIA » Ventimiglia. Quest’oggi, alla Civica Biblioteca Aprosiana di Piazza Bassi,1, viene presentato il libro di Fabio Balocco “Il mare privato”

Ventimiglia. Quest’oggi, alla Civica Biblioteca Aprosiana di Piazza Bassi,1, viene presentato il libro di Fabio Balocco “Il mare privato”

Ventimiglia. “Il mare privato: lo scempio delle coste italiane, il caso dei porti turistici in Liguria, le conseguenze di cemento, speculazioni, criminalità”. È il libro, uscito la primavera scorsa, di Fabio Balocco,  – scrittore, avvocato, blogger per Il Fatto Quotidiano  – che, a cura dell’Associazione culturale XXV Aprile,  sarà presentato oggi,  sabato 12 ottobre, ore 16,30, nella sala della biblioteca civica Aprosiana di Piazza Bassi 1, a Ventimiglia.

Nella sua straordinaria analisi l’autore si avvale di importanti contributi di studiosi, attivisti e giornalisti,   e pone in rilievo un punto di vista differente da quello con cui di solito approcciamo i porti turistici, eufemisticamente detti “porticcioli”:  in realtà, essi costituiscono il grimaldello con cui privatizzare il mare e ed ulteriormente cementificare le nostre già martoriate coste.

Una storia di cemento che attraversa tutta l’Italia, ma si sofferma sulla Liguria, -  la regione regina del diporto con le sue coste già tra le più cementificate -  ed in particolare sui porti turistici della nostra provincia: da quello di Imperia e di Ospedaletti  e le loro vicende giudiziarie, a quello di Bordighera, al costruendo “porticciolo” di Ventimiglia. A differenza dei porti , che sono pubblici e al servizio della comunità, i “porticcioli” sacrificano un bene comune sull’altare dell’interesse privato, della speculazione e della ristretta cerchia che può permettersi il “diporto”. Il business  che sposa nautica e cemento è diffuso in tutta Italia, ma in Liguria – quasi 24 mila posti barca -  è eclatante.                                                                                                                                                                               Il libro non è contro la nautica, auspica interventi sensati ed equilibrati nel rispetto del paesaggio e di tutti i fruitori di un bene comune quali sono i lidi delle nostre coste, denuncia lo scempio ambientale e il fitto intreccio di rapporti tra politica, imprenditoria e – in diversi  casi – malaffare e criminalità organizzata, ‘ndrangheta in primis. Racconta perché i i porti turistici sono i cavalli di Troia che aprono la strada a complessi residenziali di lusso e ad aree commerciali. Spiega la normativa che ha permesso  ai porticcioli di proliferare a  partire dal “decreto Burlando”. Ne descrive l’impatto spesso devastante su spiagge e ambiente costiero. Svela le connessioni con la criminalità organizzata in Liguria. Un’opera dedicata a chi ha a cuore la tutela della bellezza del nostro Paese.

Dialogheranno con l’autore: Romano Lupi, giornalista e scrittore; Giovanni Gottardo dell’Associazione Salviamo il paesaggio; Giuseppe Famà dell’Associazione culturale XXV Aprile.

Organizza l’Associazione culturale intemelia XXV Aprile. Ingresso libero.
(Francesco Mulè)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!