Home » MUSICA, SAVONA » Venerdì 31 maggio a Finale Ligure Festa Inquietudine 2013 con ospite Max Manfredi

Venerdì 31 maggio a Finale Ligure Festa Inquietudine 2013 con ospite Max Manfredi

Finale Ligure. Venerdì 31 maggio Max Manfredi sarà l’ospite della Festa dell’Inquietudine 2013 di Finale Ligure (Auditorium Chiostri di Santa Caterina, ore 21.45) con il progetto “Dremong”, accompagnato sul palco da Marco Frattini, Elisa Montaldo, Matteo Nahum, Daniele Pinceti. Al termine del concerto seguirà un incontro con Max Manfredi condotto dal giornalista Francesco Cevasco.

Artista obliquo, trasversale nei generi, dalla musica al teatro, dalla letteratura alla didattica, Max Manfredi si può considerare un cesellatore di musica e parole.  In occasione della Festa dell’Inquietudine presenta le sue canzoni con il carbonio 14, ovvero, lette, rilette, edite, inedite, antiche e nuove, vecchie, mai. Sulla scena cultural-musicale da oltre vent’anni, Max Manfredi racconta di mare, di viaggi, città e metropoli, storie d’amore e di disincanto, schiaffi e carezze, evocazioni di scene meridiane o crepuscolari con una formazione elettrica e classica, innamorata dei suoni degli anni Settanta e di strumenti tradizionali particolari come il gu-qin cinese, l’autoharp e il glockenspiel.

Max Manfredi racconta del suo rapporto con l’inquietudine definendola «La non facile musa del mio operare poetico e musicale. – ed aggiunge – In questo caso lavoro con quattro musicisti inquieti (Marco Frattini, Elisa Montaldo, Matteo Nahum, Daniele Pincetiprovenienti da varie scuole, di svariate ed alquanto eclettiche ascendenze. -  e conclude – Il nome dell’ensemble musicale, provvisorio – sempre per inquietudine – è Dremong. Il Dremong è un inquieto ed inquietante orso tibetano dal carattere – tradizionalmente – malvagio e che tende spesso ad alzarsi sulle zampe in posizione eretta, simile agli Umani, tanto da aver dato origine, secondo alcuni, alla leggenda dello Yeti, l’Abominevole Uomo delle Nevi».

Max Manfredi ha all’attivo 5 album, il più recente in ordine di tempo è “Luna Persa” con il quale ha ottenuto importanti riconoscimenti di critica e raggiunto importanti cifre di vendita. Attualmente sta lavorando a due progetti musicali paralleli che vedranno la luce entro la fine del 2013.

Biografia dell’artista.

Max Manfredi, Artista obliquo, trasversale nei generi: dalla musica al teatro, dalla letteratura alla didattica. Giocoliere ed alchimista del dire cantando. Cesellatore di parole e musica. Poeta della scena contemporanea che, per lucida ironia e potere visionario, non ha eguali oggi in Italia.

Sulla scena cultural-musicale da oltre vent’anni, Max Manfredi racconta di mare, di viaggi, città e metropoli, storie d’amore e di disincanto, schiaffi e carezze, evocazioni di scene meridiane o crepuscolari. Ha all’attivo 5 album di musica onnivora e meteoropatica: “Le parole del gatto” (BMG Ariola / Cantare in Italiano, 1990) che si aggiudica la Targa Tenco per la miglior opera prima, “Max” (1994), “L’intagliatore di santi” (Storiedinote, 2001), “Live in Blu” (2004) e “Luna Persa” (Ala Bianca Group/Warner, 2008) Targa Tenco come miglior disco dell’anno al Premio Tenco. Ultimo album in ordine di tempo “Luna Persa” contiene come bonus track “La fiera della Maddalena” cantata con Fabrizio De André. E, tra gli altri, il brano “L’ora del dilettante” scelta come sigla del Mei (Meeting etichette indipendenti) di Faenza.

Nel corso degli anni Max Manfredi ha collezionato numerosi premi e riconoscimenti: nel 1997 viene premiato dalla Regione Liguria come “Capostipite della nuova generazione dei cantautori genovesi”; vince la prima edizione del Premio Città di Recanati (l’attuale festival di Musicultura) con il brano “Via G. Byron, poeta”; nel 2005 riceve: il Premio Lunezia, il Premio Lo Cascio ed il premio come “miglior solista italiano” al MEI (Meeting Etichette Indipendenti) di Faenza; del 2009 è il Premio Lunezia Canzone d’Autore per l’album “Luna Persa”.

Vanta importanti collaborazioni come il duetto con Sergio Endrigo nel 45 giri “Tango rosso” e quello con Fabrizio De André, ne “La fiera della Maddalena”.

Max Manfredi si è dedicato ad un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi sia in Italia, sia all’Estero – dalla Francia al Belgio, dalla Svizzera alla Germania, dalla Turchia al Brasile – proponendo i propri progetti musicali ma anche spettacoli di musica medievale, antica e folk. Collabora con il gruppo La Rionda, dedito alla rielaborazione del patrimonio musicale tradizionale ligure.

Attualmente, Max Manfredi sta lavorando a due progetti musicali diversi, che sfoceranno in due album. Il primo si avvale della collaborazione di Matteo Nahum, Elisa Montaldo, Fabrizio Ugas e altri musicisti. Il secondo propone una collaborazione con il musicista e produttore torinese Giorgio Licalzi, coautore del brano inedito “Amore di Dublino” diffuso sul sito de “Il Fatto Quotidiano del Lunedì” (4 marzo 2013) come anteprima di questo progetto che vede la partecipazione anche di Matteo Nahum, Alessandro Maiorino, Donato Stolfi e la giovanissima Anita Licalzi come seconda voce.

Max Manfredi non limita alla musica la sua attività di autore: nel 1994 pubblica per Vallardi il “Libro dei Limerick” con Manuel Trucco, postfazione di Stefano Bartezzaghi. Del 2002 è anche l’opera letteraria “Trita provincia” per Liberodiscrivere. Nel 2009 viene pubblicato “Nitrito in velocità” (M&M edizioni), racconto per ragazzi di Max Manfredi con illustrazioni di Serena Giordano ispirato al dipinto di Fortunato Depero, con in allegato Dvd con il racconto letto da Max.

Come attore, svolge diversi “reading” di poesie, sue e soprattutto dei suoi autori preferiti, da Dante a Gozzano. Nel 1999 mette in scena lo spettacolo-concerto “La leggenda del santo cantautore” su testi di Giampiero Alloisio. Nel 2004 tiene uno spettacolo-concerto al Teatro Duse di Genova, daltitolo “I girovaghi sedentari” (con la partecipazione dell’attore Andrea Nicolini). Nella primavera 2007 collabora, come musicista ed attore, con il Teatro della Tosse di Genova al recital “Poeti vs Cantautori”, con la regia di Tonino Conte. Nel 2008 partecipa allo spettacolo teatrale “Viaggiatori viaggianti” di Sergio Maifredi, per i Teatri Possibili, e mette in scena, in luglio, lo spettacolo “Le vie del sale” (con la partecipazione di Gianni Ansaldi) che apre la rassegna “L’Isola in collina” di Ricaldone Marco Frattini, percussioni e batteria. Comincia giovanissimo lo studio della batteria con il M° Carlo Chiarelli. Si perfeziona all’estero presso il Berklee College of Music di Boston. Collabora con numerosissimi artisti appartenenti al mondo del jazz (Howard Levy, Flavio Boltro), del rock (James Thompson, Will Weldon Robertson), della canzone d’autore (Max Manfredi, Eloisa Atti) e del teatro (Alessio Boni). Ha partecipato a vari festival nazionali ed internazionali (Bologna Jazz Festival, Premio Tenco) ed a varie trasmissioni radiofoniche e televisive (MTV, RAI). Ha all’attivo più di trenta incisioni discografiche e svariate produzioni musicali e teatrali.

Elisa Montaldo, a 9 anni inizia a studiare pianoforte, dal 1992 suona pianoforte e tastiere in gruppi che spaziano dal pop al progressive. Ha condiviso il palco con Max Manfredi, Banco del Mutuo Soccorso, Le Orme, Sotf Machine, Jethro Tull, Bernardo Lanzetti, Gianni Leone, Goblin, Van Der Graaf Generator, UK, Nanaue. Nel 2010 esce l’album di debutto Il tempo delle clessidre, progetto riconosciuto dal famoso sito americano del ProgArchives come uno dei 50 migliori dischi del progressive rock di sempre e presentato in Corea, Stati Uniti ed Europa. Ha vinto il 2° premio del concorso INAIL Donne e Lavoro con un brano scritto, arrangiato e interpretato da lei. Si sta specializzando in pedagogia musicale steineriana.

Matteo Nahum, nato nel 1973, è attivo dalla fine degli anni 90 come chitarrista, arrangiatore e compositore. Ha preso parte alla realizzazione di 23 dischi, ad oggi, ed alla composizione ed esecuzione delle musiche di una decina di spettacoli teatrali. Tra le sue collaborazioni più importanti Max Manfredi (Targa Tenco 2009), Cristiano Angelini (Targa Tenco 2011 per l’ opera prima), La Maschera di Cera (progressive rock), Nanaue (art rock), Alessandro Langiu (autore teatrale ed attore), lo Duendes (flamenco fusion), Valnades Art (etno jazz). Diplomato in chitarra classica, in composizione presso la scuola francese Polyphonies e laureato in Filosofia, è attivo anche come insegnante.

Daniele Pinceti, bassista poliedrico molto attivo sia in studio che dal vivo, tra le sue collaborazioni possiamo annoverare:Gianni Belleno-Il cuore dei New Trolls; Steve Washington band; Byrkin Tree; Esmeralda Sciascia; Indaco Band diretta dal Maestro Luca Orioli; Bassista nella colonna sonora della fiction di Canale 5 “Non Smettere di Sognare”.

Per informazioni: Ufficio stampa Top1 Communication – Stefania Schintu – Cell. +39 347 0082416; e-mail: segreteria@top1communication.eu.

Nelle foto: Max Manfredi; logo Top1.
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!