Home » NEWS, PRIMO PIANO, SAVONA » Tutela ambientale. Operazione “Ariston”: sequestrato un complesso turistico di Andora del valore di oltre 30 milioni di euro

Tutela ambientale. Operazione “Ariston”: sequestrato un complesso turistico di Andora del valore di oltre 30 milioni di euro

Savona. Dopo l’intervento dello scorso 18 luglio,  la Guardia di Finanza di Albenga, coadiuvata dalla Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Savona, ha notificato il sequestro preventivo del noto complesso turistico alberghiero del Comune di Andora denominato Ariston, disposto dal Tribunale di Savona, su richiesta del sostituto procuratore, Giovanni Battista Ferro.

L’Ariston,  ha costituito uno dei maggiori poli turistici della riviera del ponente ligure ed è stato oggetto di un progetto di riqualificazione proposto negli ultimi anni ma mai realizzato, che prevedeva l’edificazione di un’imponente struttura costituita da un albergo con 80 posti letto, due edifici residenziali, parcheggi sotterranei, in parte pubblici ed in parte a servizio della struttura alberghiera e degli appartamenti; oltre a 300 metri quadri destinati ad altre attività commerciali, il tutto circondato da una pineta pubblica, pista ciclabile e percorsi pedonali..

Negli ultimi anni, l’area è stata via via abbandonata sino a giungere alla situazione di degrado e decadimento, riscontrata dalla Guardia di Finanza durante il blitz eseguito nell’ambito di un’importante operazione contro il fenomeno della contraffazione e dell’abusivismo commerciale.

Il sequestro riguarda l’intero complesso “ex Ariston”, dal valore stimato di 30 milioni di euro, costituito da una vasta superficie di quasi 10.000 metri quadri e dalle seguenti costruzioni e/o edifici:

-      un edificio di cinque piani dove, un tempo, sorgeva l’albergo;

-      una costruzione di un piano adibita a supermercato;

-      numerose roulotte abbandonate con annesse strutture di copertura in legno, tipiche delle unità abitative da campeggio site all’interno del villaggio turistico – anch’esso in abbandono;

-      numerose piccole costruzioni, originariamente nate come bungalow, site all’interno di una vasta pineta adiacente al villaggio.

Si tratta di un ambito urbano che si estende dalla centralissima via Aurelia sino al mare, a ridosso del  fiume Merula, che gode di una posizione di privilegio  tant’è che vige un vincolo ambientale ex art. 136 del D.Lgs 42/04 con D.M. n. 1497 del 1956 considerato “l’elevato interesse pubblico …  il punto di vista panoramico che si gode percorrendo la Via Aurelia ed il quadro naturale di bellezza d’insieme…” (questo è quanto si legge nell’inquadramento urbanistico del Comune di Andora).

Dove un tempo sorgeva il fiorente polo turistico, la Guardia di Finanza ha riscontrato l’esistenza di una vera e propria discarica di rifiuti, anche altamente tossici, a cielo aperto:

gli interni degli edifici e dei ruderi sono stati impiegati come depositi di materiali abbandonati tra i più disparati, da rifiuti derivati dalle demolizioni edili (parti di sanitari, sezioni di pannelli coibentanti, materassi abbancati alla rinfusa, porzioni di letti a doghe, ombrelloni e finestrature varie) sino a cataste di legname di varie dimensioni e derivazioni, oltre a numerosi “rifiuti speciali” derivati da centinaia di elettrodomestici, da rifiuti pericolosi quali lastre e tubi in eternit, bombole di gas ad alta pressione nonché numerosi pneumatici in disuso ed addirittura numerose slot-machine. In prossimità della riva del Rio Merula, poco distante dall’edificio principale, sono state reperite anche carcasse di autoveicoli abbandonati e due file di cabine appartenenti alla ex spiaggia privata dell’Ariston.

In tale contesto, durante il blitz, i finanzieri hanno trovato una triste realtà: l’esistenza di un vero e proprio dormitorio per decine di cittadini extracomunitari ed italiani che vivevano in condizioni di igiene precarie e di estremo degrado.

Questo il drammatico scenario che ha indotto il Tribunale di Savona a convalidare il sequestro effettuato dalla Guardia di Finanza di Albenga onde scongiurare ulteriori gravi conseguenze per la sicurezza pubblica e per l’ambiente.

I proprietari dell’area sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per gravi reati ambientali.
(C.S.)




Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!