Home » PRIMO PIANO, SAVONA » Truffa. Offrivano appartamenti fantasma ad Alassio, denunciate otto persone

Truffa. Offrivano appartamenti fantasma ad Alassio, denunciate otto persone

Alassio. I carabinieri di Alassio hanno concluso un’indagine e denunciato 8 persone alla Procura di Savona per il reato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Nel mese di agosto si sono presentati, presso la Stazione carabinieri di Alassio diversi turisti con automobili cariche di valige, decisamente arrabbiati poiché truffati da un sito internet che offriva appartamenti in affitto nel periodo di “ferragosto”,  a prezzi vantaggiosissimi, forse troppo per essere veri.  I malcapitati, dopo aver versato sostanziose “caparre”, mediante bonifico estero o nazionale, si sono presentati ad Alassio il giorno e all’indirizzo concordato, per ricevere le chiavi e prendere possesso dell’alloggio,  scoprendo, che non esisteva l’indirizzo e che non c’era nessun appartamento in locazione. La tecnica utilizzata era piuttosto semplice; su internet in un sito di annunci, era stata inserita un’inserzione con fotografia di Alassio (SV) e la relativa proposta di locazione, per uso vacanze, di un appartamento per una  o due settimane,  ed un numero di telefono cellulare da contattare. Gli aspiranti turisti alassini,  dopo aver visionato la proposta e contattata l’utenza cellulare, hanno ricevuto un indirizzo “e.mail” dove poter ricevere i contratti di prenotazione di locazione transitori per finalità turistiche, da firmare e restituire, nonché dei codici IBAN dove effettuare il bonifico relativo all’anticipo.

L’attività investigativa svolta dai militari della Stazione ha permesso di poter ricostruire la dinamica della truffa: la scelta del sito di “yahoo”, sul quale è possibile registrare uno spazio per trasmettere e ricevere la posta elettronica, senza dover produrre documenti, ma solo dati che possono essere tranquillamente “inventati”; utilizzo di numeri di telefono cellulare forniti per i contatti e le contrattazioni, attivati con documenti falsi; falsi contratti di prenotazione di locazione transitoria per finalità turistiche; conti correnti esteri ove riversare e far sparire il denaro.

Le indagini hanno permesso di scoprire un’organizzazione composta da 8 persone di nazionalità rumena, albanese, singalese e un italiano (unico madrelingua che manteneva i contatti telefonici per non generare sospetti nei clienti).

Si è trattato di una truffa ben organizzata ove i membri si dividevano i compiti: alcuni delle quali procuravano le schede telefoniche (da dismettere in un secondo tempo), altri aprivano i conti correnti all’estero dove far transitare il denaro delle “caparre”, altri gestivano il sito e inviavano mail alle vittime.

Tutti gli appartenenti all’organizzazione sono stati denunciati alla Procura di Savona per il reato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, ed è plausibile ritenere che gli episodi accaduti in Alassio siano solo una  parte di una serie di truffe posta in essere in tutta Italia.



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!