Home » NEWS FUORI REGIONE » Siracusa. Femminicidio nel siracusano: ha confessato il compagno della ventenne uccisa e gettata in un pozzo artesiano

Siracusa. Femminicidio nel siracusano: ha confessato il compagno della ventenne uccisa e gettata in un pozzo artesiano

Siracusa. Ancora un femminicidio nel siracusano. La vittima, Laura Petrolito, ventenne, è morta per mano del compagno che l’ha pugnalata più volte per poi gettarla in un pozzo artesiano in contrada Tradituso, tra Noto e Canicattini Bagni.

Ha confessato il delitto Paolo Cugno, il compagno di Laura Petrolito, la ventenne accoltellata a morte e buttata in un pozzo a Canicattini Bagni, paese della provincia di Siracusa. Dopo ore di interrogatorio, il giovane, un bracciante agricolo, ha ammesso di avere assassinato la donna con cui 8 mesi fa aveva avuto una bimba. Accusato di omicidio è in stato di fermo. L’avrebbe ammazzata per gelosia. L’uomo era stato portato in caserma ieri mattina. La coppia, da tempo in crisi, sabato sera si era allontanata dalla casa del padre di Laura, lasciando a lui la bambina. Non vendendoli tornare l’uomo ha cominciato a chiamare i cellulari di entrambi senza avere risposta.

Preoccupato, ha dato l’allarme e sono scattate le ricerche terminate domenica col macabro ritrovamento del corpo della ventenne. L’assassino, dopo averla accoltellata, l’ha scaraventata in un pozzo artesiano. Sentito per ore dagli inquirenti, in serata ha confessato. Laura lascia anche un altro bambino avuto in una precedente relazione. “E’ una notizia che non vorresti mai sentire, una notizia drammatica che ha scosso tutta la comunità canicattinese. Una donna, una giovane mamma, non può morire in questo modo violento”. Lo dice il sindaco di Canicattini Bagni, Marilena Miceli a proposito dell’omicidio di Laura Petrolito, accoltellata e buttata in un pozzo.

“Tutta la città ferita si stringe attorno al figlioletto di Laura, l’altra vittima di questa assurda tragedia, e ai familiari – aggiunge Marilena Miceli -. Auspichiamo che le forze dell’ordine e gli inquirenti facciano piena luce e soprattutto rendano giustizia per la morte di una giovanissima mamma. Canicattini Bagni è una città laboriosa e tranquilla – conclude il sindaco Miceli – a distanza di quattro anni dall’uccisione di Maria Ton da parte del marito, purtroppo, torna a piangere un’altra sua figlia” . Il paese è in shock, un omicidio inatteso, nessuno ipotizzava un epilogo così tragico. Una vita difficile quella della giovane mamma, conclusasi nel peggiore dei modi.
(Lara Calogiuri

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!