Home » NEWS FUORI REGIONE » Sicurezza e qualità dei prodotti agricoli tipici in provincia di Taranto

Sicurezza e qualità dei prodotti agricoli tipici in provincia di Taranto

Taranto. Sicurezza e Qualità: questo è il motto degli agricoltori della provincia di Taranto, come risposta al ministro dell’Ambiente.

La Cia, Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto, si fa carico del problema sollevato dal ministro dell’Ambiente, investendo e attivando i livelli più alti dell’organizzazione agricola, spostando il dibattito a livello nazionale.

Molti dei nostri prodotti sono certificati da enti terzi, quindi controllati dalla produzione al consumo; il tutto è supportato dai controlli che l’ASL esegue sul nostro territorio in modo scrupoloso e con metodi scientifici.

Infatti, proprio il Direttore del Dipartimento di Prevenzione della ASL TA/1 Michele Conversano, qualche giorno fa in diretta telefonica in una trasmissione televisiva sull’emittente Studio 100 TV, ha dichiarato che i prodotti agricoli della provincia di Taranto sono tra i più controllati e che non risultano essere contaminati, anche perché proprio la eventuale presenza di polveri viene eliminata facilmente, lavando o sbucciando, a seconda i casi, il prodotto agricolo.

Vogliamo evidenziare ai consumatori e al ministro che le normative Italiane sulle produzioni agricole sono le più rigide e che sono rispettate alla lettera dai nostri  produttori.

Il comparto agricolo della provincia di Taranto, impiega circa 30.000 unità lavorative l’anno: quindi, in termini occupazionali, sicuramente è di gran lunga uno dei settori trainanti della nostra economia in questo momento di crisi.

Inoltre, nella nostra provincia, l’agricoltura sta svolgendo un ruolo di vero e proprio ammortizzatore sociale nei confronti della crisi Ilva e delle altre attività economiche, poiché numerosi operai licenziati vengono sistematicamente occupati in agricoltura.

Pertanto non permetteremo a nessuno di speculare e di spostare il problema ambiente,  su un comparto che garantisce qualità e sicurezza alimentare.

La catena alimentare nella provincia di Taranto non è mai stata a rischio, essendo sempre sottoposta a controlli delle autorità preposte sugli standard di sicurezza alimentare e di qualità che, peraltro, contraddistinguono i nostri prodotti in tutto il mondo.

Il vicepresidente della Cia di Taranto Franco Passeri fa rilevare che la nostra organizzazione difenderà i prodotti e i produttori che hanno investito in conoscenze e tecnologie e saputo portare a livelli mondiali, per qualità e sicurezza, l’agricoltura e i prodotti tipici come l’uva da tavola, gli ortaggi, gli agrumi per la catena del fresco, il vino e l’olio per quella dei trasformati, con un ritorno economico non indifferente per il territorio jonico e l’intera economia del Paese.
(Franco Gigante)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!