Home » BACHECA WEB, PRIMO PIANO » Si avvicina la pensione per i Quota 96 della Scuola, anche il Consiglio di Stato da loro ragione

Si avvicina la pensione per i Quota 96 della Scuola, anche il Consiglio di Stato da loro ragione

Roma. “Non avevamo dubbi che anche il Consiglio di Stato ci avrebbe dato ragione”. Dicono i portavoce del Comitato Quota 96 che da oltre un anno sta lottando per riparare ad una grave ingiustizia subita da migliaia di insegnanti ed operatori della scuola. Il Consiglio di Stato infatti ha stabilito, alcuni giorni or sono, con sentenza registrata il 21/12/2012, che competente per decidere del pensionamento di quel personale della scuola tralasciato dalla legge Fornero deve essere la Corte dei conti della giurisdizione regionale del Lazio. Ed entro novanta giorni dovrà esservi la pronuncia definitiva.

Il 21 marzo dunque gli oltre tremila sfortunati docenti (ma molti sono anche aiutanti tecnici e bidelli) incappati in una vicenda tragicomica che ha loro rovinato la vita, potranno vedere affermati giustamente i loro diritti pregressi. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale ha infatti accolto l’ appello, ha riformato l’ impugnata sentenza ed ha dichiarato che è giusto, così come il primo ricorso di Quota 96 aveva messo in luce, che sia proprio la Corte dei Conti di Roma a sancire il giudizio, ordinando alla pubblica amministrazione di dare esecuzione immediata alla sentenza.

“Si tratta – dicono a Quota 96 – di una nuova ed importante vittoria, seppure ancora parziale. Ora infatti tutti i ricorrenti potranno concentrare tutti i ricorsi presso un unico giudice. In passato infatti gli immediati ricorsi al Tar del Lazio del comitato civico “Quota 96”, avviati in contemporanea, anche da alcuni sindacati, avevano avuto il solo effetto di demandare al giudice del lavoro, per ciascuna provincia, la decisione, senza tralasciare tuttavia, come ha specificato l’avvocato dei ricorrenti, di investire nello stesso tempo, con un appello anche il Consiglio di Stato, che si è appunto pronunciato riconoscendo alla Corte dei Conti del Lazio il diritto di pronunciarsi sulla materia”.

Diversa la situazione per le regioni autonome dove le sentenze sono anche già passate all’attuazione. Ora grazie alla risoluzione del Consiglio di Stato tutte le istanze presentate negli uffici periferici faranno capo a Roma. L’altro aspetto assai grave della vicenda è rappresentato dal fatto che mentre sono stati calpestati diritti acquisiti dal personale della scuola, qualche esponente politico ha preteso favorire invece, con una manovra emendativa sotterranea, altri gruppi di potere assai vicini alla casta. Assurda infine, e forse studiata proprio per dividere ancor più il personale della scuola, la decisione del Governo di estendere ai soprannumerari il diritto dato a coloro che avevano maturato i requisiti al 31 dicembre 2011.
(Adalberto Guzzinati)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!