Home » ARTE, SAVONA » Savona. L’arte in vetrina ricomincia da Altamira

Savona. L’arte in vetrina ricomincia da Altamira

Savona. In parecchie vetrine di Savona, in questo periodo, spicca il simpatico logo giallo che rappresenta il bisonte delle pitture rupestri delle grotte di Altamira, simbolo di Altamira-cooperativa. Infatti, in quelle vetrine è esposta l’opera di uno dei circa novanta artisti che partecipano alla prima manifestazione della cooperativa stessa, “Arte in vetrina”. Fino al 22 luglio, i passanti, oltre ad ammirare piatti, quadri, sculture, possono addirittura partecipare alla Caccia al tesoro e vincere una scultura del famoso Claudio Carrieri.


“Quest’anno – ci spiega Carrieri in persona – la manifestazione è appena nata ma, la prossima volta, sarà ancora più grande, coinvolgerà i negozi del circondario, esporranno artisti di tutta Italia, saranno interessati, nella caccia al tesoro, anche i monumenti, le tante nostre bellezze architettoniche, la pinacoteca… Lo scopo è di invogliare le persone comuni, quelle che  non frequentano Gallerie o mostre d’arte, a conoscere l’arte, ad apprezzarla. Per questo, abbiamo fondato la cooperativa Altamira che è “impresa di cultura”, cioè deve far ruotare l’arte intorno all’idea del lavoro, far produrre gli artisti, ma anche far capire il valore delle varie opere, in modo che, magari, le persone  le possano acquistare”.


Il Progetto è molto ambizioso: frattanto, prova a scardinare il pregiudizio che la storia dell’arte sia una materia noiosa e anche un po’ inutile,  che l’arte sia riservata a pochi, che non sia produttiva, invece che una scienza come le altre con un proprio linguaggio.


Scrive Leonardo Terzo dell’Università di Pavia:  “L’arte è una modalità della coscienza a tutti i livelli, dal più ingenuo al più sofisticato. Essa esprime nei modi più diversi lo stato di conoscenza dell’uomo in una data epoca, dal mito alla formula dell’acqua ossigenata, ma insieme, e soprattutto, mostra e dice l’atteggiamento e il valore “umanistico” che l’uomo attribuisce al suo contingente di coscienza, conoscenza e quindi di sapere a tutti i livelli compreso quello scientifico. Questo è il vero punto di contatto e continuità tra arte e scienza. La biologia ci dice cos’è l’uomo, l’arte (come un sondaggio?) ci dice che effetto fa sull’uomo la conoscenza fornita dalla biologia. Cosa che per la vita è altrettanto importante. Ma soprattutto cerca di esprimerlo e quindi di capirlo in modo inedito, cercando di dire ciò che fino a quel momento non si sapeva. Così l’arte è una modalità della scienza del capirsi (anche quando sbaglia, come la scienza)”.

Insomma, si può riflettere a lungo su cosa sia l’arte e quale sia il suo scopo ma, intanto, la Cooperativa propone attività varie e, soprattutto, destinate a tutti noi.

La prima, che partirà il 10 luglio, formerà un piccolo staff di persone capaci di condurre un “forno-drago”, cioè un’installazione che è un drago con dentro un forno e che sarà situata nei giardini della bellissima Laigueglia. Le persone così preparate gestiranno un’estemporanea di ceramica, cuoceranno gli oggetti prodotti e, infine, dalla bocca del mostro usciranno i manufatti, ammalianti come antiche maioliche. La magia del fuoco a legna, la bellezza di ciò che viene cotto con questa tecnica, lasceranno il pubblico di stucco!


Poi, è già attivo un progetto per le raffigurazioni della Madonna al Santuario di Savona. Gli artisti creeranno dei modelli per Madonne d’autore a prezzi popolari, così il pellegrino potrà acquistare un ricordo di pregio, simbolo di fede, invece dei soliti dozzinali souvenir.

Ma il dinamismo della Cooperativa non si ferma qui: sono in programma conferenze, incontri, collaborazioni con enti, scuole, persino per il recupero di alunni con difficoltà attraverso attività artistiche. Tutti gli artisti soci della Cooperativa (ora sono circa un centinaio) potranno proporre i loro Progetti, le loro idee: saranno valutati da una commissione di qualità e, se approvati, partiranno al più presto.

Maggiori informazioni si trovano sul sito www.altamira-cooperativa.it

Claudio Carrieri è il geniale “imprenditore” che anima la Cooperativa con la sua passione, la sua energia e le sue brillanti idee. Contemporaneamente, però, continua il suo importante percorso individuale: durante l’estate, le sue sculture saranno esposte nei giardini augustei di Capri, in uno scenario da togliere il fiato, giusta scenografia per i suoi lavori.  Per averne un’idea, potete visitare il sito www.claudiocarrieri.it, oppure potete fare una passeggiata nei giardini del Priamar di Savona dove già si trovano le sue “Odalische”.


A settembre, inoltre, la sua mostra “Abissi di speranza” sarà a Napoli, al Maschio Angioino: doveroso ricordo dei tanti migranti che, per cercare una vita dignitosa, la perdono per sempre affogando nel nostro mare.


Infine, se vi capita di passare da via Pia a Savona, presso il negozio gioielleria Kingposh (nella foto), potrete ammirare il suo pregevole vaso “Preghiera”.

Vicino, risalta il piatto “Le Parche” della giovanissima Serena Salino, fondatrice  della  “SinteticArte”, in cui, con una linea, si crea un corpo o una parte di esso, interpretandone le dinamiche e le sofferenze. Così, le Parche sono vicine a tutti noi in questo momento economico, politico, sociale, tanto critico mentre l’arte, almeno, è ciò che deve essere: vita della nostra vita.
(Renata Rusca Zargar)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!