Home » POLITICA, PRIMO PIANO » Salute. Protesta di CasaPound: “No alle privatizzazioni nella sanità a Bordighera, Albenga e Cairo Montenotte”

Salute. Protesta di CasaPound: “No alle privatizzazioni nella sanità a Bordighera, Albenga e Cairo Montenotte”

Genova. Forte protesta di CasaPound Italia contro la decisione dell’amministrazione regionale ligure di privatizzare gli ospedali di Bordighera, Albenga e Cairo Montenotte.

In nottata sono stati affissi striscioni recanti il testo “no alle privatizzazioni nella sanità” presso due degli ospedali interessati (Bordighera e Cairo) per protestare contro il provvedimento deliberato recentemente dalla giunta regionale.

“L’idea di mettere sul mercato alcuni ospedali del ponente ligure, privatizzando di fatto parte del settore sanitario della regione, è sconcertante e ci trova fortemente contrari” afferma Giorgio Guazzini, responsabile ligure di CPI, in una nota.

“Compiendo un’operazione del genere – continua Guazzini – l’amministrazione Toti dimostra di non conoscere il senso dello stato e delle istituzioni. La sanità dev’essere pubblica e totalmente gratuita, troviamo vergognoso questo tentativo di fare profitto sulla pelle dei cittadini”.

“Come CasaPound Italia – conclude – proseguiremo nel nostro impegno per sensibilizzare la cittadinanza verso quest’opera di distruzione delle istituzioni pubbliche a vantaggio dei privati, nella sanità come in altri campi, portata avanti da una classe politica che in Liguria come nel resto d’Italia mostra di non avere a cuore i bisogni degli italiani”

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!