Home » CULTURA » Roberto Caprara presenta il 23 agosto il nuovo libro di Giulio Mastrangelo

Roberto Caprara presenta il 23 agosto il nuovo libro di Giulio Mastrangelo

Massafra. Martedì, 23 agosto,ennesima presentazione del libro “La condizione giuridica della donna nelle leggi longobarde e negli usi matrimoniali in Terra d’Otranto” (Editore Dellisanti) di Giulio Mastrangelo, past president dell’Archeogruppo “Espedito Jacovelli” Onlus e cultore di Storia del Diritto Italiano presso l’Università degli Studi di Bari – II Facoltà di Giurisprudenza di Taranto. L’atteso eventosi terrà a Casellaneta Marina (ore 20.00) presso l’Auditorium della Parrocchia Stella Maris, curato dalla stessa parrocchia e dall’Archeogruppo “Espedito Jacovelli” con lacollaborazione della web agency dot.com.Patrocinio del Comune di Castellaneta. Relatore, sempre avvincente,è il prof. Roberto Caprara, archeologo e storico delle architetture rupestri, già docente di Archeologia Medioevale nell’Università di Sassari. Interverranno il parroco Sac. Antonio Favale e il sindaco di Castellaneta avv. Italo D’Alessandro.

Coordina Antonio Caprara, presidente dell’Archeogruppo “Espedito Jacovelli” onlus di Massafra, che in precedenza, in collaborazione con l’Associazione “La Toga”, ha presentato il volume a Massafra preso il locale teatro comunale (con il patrocinio del Comune di Massafra e della Consulta delle Associazioni) e a Mottola (con il patrocinio del Comune di Mottola) presso il Laboratorio “The Factory” (ex Caserma dei Carabinieri) con relatori il prof.Roberto Caprara e il prof. Francesco Mastroberti (Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”). A Castellaneta Marina relatore sarà ancora il prof. Roberto Caprara che in precedenza ha presentato ottimamente il volume (oltre nelle località sopra citate), anche nella Sala Consiliare del Comune di Palagianello, in una serata organizzata in collaborazione con il Museo del Territorio di Palagianello e con il patrocinio del Comune di Palagianello. Alla nuova presentazione del volume ci sarà anche l’autore Giulio Mastrangelo che, qualche mese fa, abbiamo anche ascoltato come relatore del volume “Il mio cane”, ricevendo i complimenti anche da parte dello stesso autore del libro, il prof. Danilo Mainardi.

Giulio Mastrangelo, lo ricordiamo, oltre a questo volume, è autore, tra l’altro, di tanti saggi sulla storia di Massafra, tra i quali (molto ricercati): “Contributo sull’origine dei pozzi e delle cisterne universali di Massafra”, “Brevi note storiche sul Castello, il fossato, le mura medievali, i molini baronali e la chiesa di S. Toma a Massafra”, “Su un’antica servitù di pascere, di legnare ed adacquare esercitata dai massafresi sulla Difesa di San Marco dei Lupini in tenimento di Palagiano”, “Gli usi civici a Massafra e Martina Franca”, “Tracce di istituti lombardi in Terra d’Otranto”, “Commento agli ‘Statuti’ della Collegiata di Massafra”, “La cartografia di Pietro de Marino e la questione confinaria tra Taranto e Massafra” (libro saggio pubblicato dal Rotary Club).

In “La condizione giuridica della donna nelle leggi longobarde e negli usi matrimoniali in Terra d’Otranto” (libro che sta ottenendo un largo successo), l’Autore traccia, attraverso i testi normativi dei re longobardi e i protocolli notarili di Massafra e Mottola, la lunga storia dell’emancipazione della donna tra Medioevo ed Età Moderna che (da essere “oggetto”, senza capacità di agire, sottoposta al “mundio” del padre o di altro parente maschio), diventa soggetto di diritti, capace di possedere, di acquistare e di vendere, beneficiaria di una quota di tutti i beni del marito alla morte di quest’ultimo.

Il libro (in appendice ben 21 documenti, di cui 15 inediti, che vanno dal 774 al 1810) consta di 96 pagine di testo e 16 di illustrazioni a colori fuori testo (foto di Umberto Ricci, Carmelo Greco e D. Costantino). Dopo l’introduzione del prof. Francesco Mastroberti e la premessa, l’opera si divide in due capitoli. Nel primo capitolo: La Donna nelle leggi dei longobardi – La società Longobarda – La famiglia Longobarda – Classi di donne – Il Mundio – La tutela della Donna – Obblighi di comportamento – Filia in capillo e vergine in capillis – Diritti successori – Degli sponsali e delle nozze – La traditio – La rottura degli sponsali – Le novelle di Liutprando – Faderfio e dote -  Effetti dell’attività criminosa del marito nei confronti della moglie – La vedova – Streghe masche e masciare – Le donne votate a Dio. Nel secondo capitolo troviamo: Usi matrimoniali in Terra d’Otranto – Dote e Morgengabe – L’istituto dell’antefatto – Taranto Longobarda – Massafra in epoca Longobarda -  Mottola in epoca Longobarda -  Sponsali e matrimonio a Mottola – Sponsali e matrimonio a Massafra. Seguono delle note conclusive ed un’appendice documentaria con fonti inedite e fonti edite, termini giuridici longobardi e una bibliografia. Si susseguono intanto i complimenti a Giulio Mastrangelo per questa sua opera che si può acquistare in libreria o rivolgendosi direttamente all’editore Antonio Dellisanti Editore  (info@antoniodellisantieditore.it). Informazioni si possono chiedere anche ainfo@archeogruppo.it. Nella foto la copertina del libro “Paysanne de Monte Sardo de la Province de Otranto”, stampa settecentesca di autore ignoto (in Archivio dell’Autore).
(Nino Bellinvia)



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!