Home » NEWS FUORI REGIONE » Riparte la Consulta delle Associazioni di Massafra

Riparte la Consulta delle Associazioni di Massafra

Massafra. La Consulta, concepita nel 2006 per dare corpo alla convinzione che <<il terzo settore rappresenti una necessaria ed utile interfaccia tra società ed istituzioni>>, si è trovata ad affrontare una “crisi” a seguito della revoca del mandato di vice presidenza alla professoressa Barbara Wojciechowska in Bianco, decisa nella riunione del 5 dicembre 2014. Lo scorso 24 febbraio ha avuto luogo un’assemblea “straordinaria” (originariamente prevista per l’undici gennaio), voluta dal sindaco Tamburrano e dall’assessore Cerbino, al fine di, come affermato da quest’ultimo, ripristinare un clima di serenità.

L’intento del sindaco è stato quello di comprendere maggiormente quanto accaduto così da ricomporre la situazione. Il primo cittadino ha chiarito come la Consulta sia uno strumento consegnato al paese e non alla politica o alle persone che in un determinato periodo ne ricoprono ruoli di responsabilità. Di conseguenza il mezzo per far funzionare al meglio tale istituzione non può che essere il confronto interno, senza, però, che venga confuso con l’atto dello sfogo, in modo da ricondurre il tutto ad una ragione. Essendo la Consulta proponente e solidaristica, la partecipazione che si attua al suo interno deve essere utile al bene di Massafra; ogni associazione che organizza una manifestazione lo fa sì mantenendo la propria identità ma è comunque calata nella realtà della città. Se l’impegno non è armonico non ha altrimenti senso e non si svolge al meglio il mestiere di cittadini, d’altro canto si deve considerare che oltre le barriere non c’è che il benessere (comune).

I lavori dell’assemblea si sono articolati con la relazione del presidente ed i successivi interventi a replica. In sintesi il presidente Pino Presicci, dopo i ringraziamenti per gli attestati di stima ricevuti, ha puntualizzato che in questi (pochi) mesi si è attenuto all’art. 9 del Regolamento di funzionamento degli Organi della Consulta, il quale al secondo comma prevede che <<E’ facoltà del Presidente predisporre opportune consultazioni con l’Amministrazione Comunale, le Associazioni, i Capogruppo Consiliari, le forze politiche e sociali, il mondo della scuola, le Organizzazioni Sindacali, le Associazioni di categoria, allo scopo di favorire la più larga partecipazione, reale e democratica, della cittadinanza alle problematiche di promozione culturale […]>>. Ha inoltre precisato che sempre il Regolamento parla di <<concertare>> e non di convocare un Direttivo per formulare l’Ordine del Giorno in previsione dell’Assemblea, così come ha ribadito che tutti i membri del Direttivo sono sempre stati convocati per le riunioni dello stesso. Il presidente ha poi continuato il suo intervento sottolineando lo spostamento del “dibattito” dal suo luogo di competenza all’agorà virtuale di facebook ed agli organi di stampa per tramite di e – mails e comunicati; se si vuole allora comunicare alla collettività le vicende della Consulta si deve far riferimento alla loro fonte, che, in ossequio al principio dello <<scripta manent>>, è rappresentata dai verbali del Direttivo e delle Assemblee : non c’è bisogno di traduttori o d’interpreti.

Tra i successivi interventi, tutti in egual misura di rilievo, sono da menzionare quelli di Nino Bellinvia, Peppe Ancona, Barbara Wojciechowska ed Emmanuele La Tanza.

Nino Bellinvia, presidente del Circolo filatelico “Rospo” e direttore della Voce, ha asserito di condividere l’invito del sindaco al presidente di ritirare le dimissioni.

Peppe Ancona, segretario della Consulta, ha rammentato di aver cercato per due mesi di ricomporre la frattura, e di ritenere che il mandato alla vicepresidente sia stato revocato in maniera impropria perché nell’O. d. G. per la riunione del 5 dicembre il punto in questione non era menzionato e quindi non si sarebbe garantita la persona oggetto della disposizione.

La professoressa Barbara Wojciechowska, la controparte della vicenda, si è detta contenta di poter dare la propria versione dei fatti e ritiene che la revoca del mandato sia una illegalità procedurale. La signora Wojciechowska ha poi detto di non aver ricevuto la convocazione alla riunione del 5 dicembre ma è anche vero che può accadere che un’e – mail non giunga a destinazione, e nonostante la sua assenza si è comunque adottato il provvedimento della revoca. Ella lamenta di non aver avuto modo di difendersi né in quella occasione né nel ravvicinato successivo consiglio sul medesimo punto, per il quale comunicò di non poter prendervi parte perché convalescente dopo un’operazione.

Infine l’ex presidente La Tanza ha ringraziato Pasquale Lasigna per aver cercato in questi giorni di riportare la discussione nei giusti binari, dopo di ciò ha ribadito i valori della Consulta e l’importanza di tutte le associazioni, grandi e piccole, dato che Massafra cresce anche grazie a queste. In aggiunta ha proposto una riforma dello Statuto e del Regolamento onde evitare nuovamente problematiche assimilabili a quella che si è sviluppata in questi ultimi tempi.

In conclusione, su proposta del sindaco, si è giunti al ripristino della situazione determinatasi in seguito alle ultime votazioni, ovvero il ritiro delle dimissioni del presidente Presicci ed il reintegro in carica della professoressa Wojciechowska.

Risolto questo incidente di percorso, ci si può ora concentrare sul rendere ancor più efficace l’ufficio della Consulta.

Nelle foto: l’assessore alla Cultura Antonio Cerbino, il sindaco Martino Tamburrano e il presidente della Consulta delle Associazioni Pino Presicci; il logo della Consulta delle Associaioni.
(Nicola Fabio Assi)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!