Home » POLITICA, PRIMO PIANO » Regione, Salute, Montaldo: ”Al via nuovi assetti nell’area ottimale metropolitana”

Regione, Salute, Montaldo: ”Al via nuovi assetti nell’area ottimale metropolitana”

Genova. Si è svolta questo pomeriggio la riunione  dell’area ottimale metropolitana della sanità presieduta dall’assessore regionale alla salute Claudio Montaldo (nella foto) con i responsabili della ASL 3 Genovese, dell’ospedale San Martino – Ist, dell’Istituto Gaslini, dell’ospedale Evangelico e dell’ospedale Galliera per definire i nuovi indirizzi assistenziali.

Odontoiatria – Si è stabilito di creare un gruppo di lavoro coordinato dal primario dell’ospedale San Martino di Genova, Mario Ziola per definire, insieme all’agenzia regionale sanitaria, indirizzi assistenziali omogenei per tutta la regione, sia per le attività svolte negli ambulatori sul territorio, sia per quelle ospedaliere.

Inoltre sarà coordinato l’impiego delle risorse umane e strumentali nell’area metropolitana genovese per ottimizzare un servizio oggi svolto da, San Martino, Ist, ospedale Galliera e ASL 3 Genovese.

Medicina Nucleare e attività Radiometabolica – E’ stato deciso di non attivare all’ospedale San Martino la degenza per quanto riguarda l’attività radio- metabolica che proseguirà solo all’ospedale Galliera. “In questo modo – ha spiegato l’assessore alla salute Montaldo – si potranno dedicare sei infermieri ad altri servizi e la struttura recentemente rinnovata al S Martino sarà riutilizzata per la medicina nucleare”. La Regione ha inoltre proposto all’Università e al Galliera di attivare un rapporto di convenzione per garantire didattica e ricerca, oltre che al San Martino anche presso l’ospedale di Carignano.

Chirurgia Vascolare – Verrà mantenuta la chirurgia vascolare all’ospedale S Martino e al Galliera e verrà chiusa al Villa Scassi. “Questo perché – ha spiegato Montaldo –  abbiamo ritenuto di chiudere la struttura con minor carico, in quanto il numero dei ricoveri è rispettivamente di 1000 al San Martino, 800 al Galliera e 500 al Villa Scassi. Questo consentirà inoltre di liberare spazi strategici per l’attività di emergenza all’ospedale di Sampierdarena”. Sulla base di quanto deciso oggi S. Martino e Galliera dovranno garantire l’attuale risposta assistenziale ai pazienti genovesi, specializzando le funzioni delle due strutture e potenziando a S. Martino l’alta complessità per recuperare le fughe fuori regione. “Inoltre – ha aggiunto l’assessore – S. Martino e Gaslini dovranno garantire, attraverso uno stretto rapporto di collaborazione, il potenziamento dell’assistenza di chirurgia vascolare pediatrica”.

Neurochirurgia – Sono state recepite le indicazioni del GORE, il gruppo operativo ristretto per l’emergenza, in base alle quali è prevista un’integrazione delle strutture del San Martino e del Galliera per garantire una turnazione a copertura del servizio di emergenza. Inoltre è stato dato mandato all’agenzia regionale sanitaria e alle due aziende di definire modalità di integrazione e specializzazione per l’attività elettiva.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!