Home » POLITICA, PRIMO PIANO, SAVONA » Regione, Salute, Gasco e Melgrati (PdL):“Troppo pesanti i ridimensionamenti per il Santa Corona. Quale futuro per l’ospedale di Pietra Ligure?”

Regione, Salute, Gasco e Melgrati (PdL):“Troppo pesanti i ridimensionamenti per il Santa Corona. Quale futuro per l’ospedale di Pietra Ligure?”

Genova. “Le dimissioni del direttore di Urologia del Santa Corona prof. Corrado Pezzica sono un fatto molto grave, sintomo della situazione di abbandono e di profonda crisi che sta vivendo la Sanità nel savonese ed il Santa Corona in particolare, oggetto di pesanti tagli da parte dell’azienda sanitaria locale e della Giunta regionale. A questo punto ci domandiamo quale futuro ci sarà per il nosocomio di Pietra Ligure”. Così commentano la notizia i due consiglieri regionali del Pdl Roberta Gasco e Marco Melgrati che proseguono: “Abbiamo presentato un’interrogazione urgente per chiedere spiegazioni precise e per sollecitare un intervento immediato da parte di Montaldo che deve necessariamente risolvere questa incresciosa situazione. Stiamo perdendo i migliori medici che fuggono da una contesto che oramai è diventato ingestibile: tagli scellerati, decisioni prese solo nell’ottica del contenimento dei costi senza alcuna riflessione sulle ripercussioni negative che queste hanno su pazienti e strutture sanitarie, creano una situazione esplosiva le cui uniche vittime sono i pazienti”.

I due esponenti del Pdl continuano: “Ad oggi il documento sulla riorganizzazione del sistema sanitario regionale non è nemmeno passato in Commissione Sanità della Regione, defraudando concretamente il consiglio regionale di un suo precipuo compito. Il fatto grave è che da Novembre le aziende sanitarie della regione stanno mettendo in atto politiche di ridimensionamento pesantissime, con atti unilaterali ed arroganti. Purtroppo al di là di facili proclami da parte della maggioranza di Sinistra che, attraverso una nota stampa, aveva fatto sapere che avrebbe interessato Montaldo sulle vicende di Urologia, oggetto di pesanti ridimensionamenti sotto il profilo dei posti letto e delle attrezzature, di fatto questa struttura complessa è stata pesantemente penalizzata con la conseguenza che il professor Pezzica ha abbandonato il Santa Corona con gravi danni per l’attività di un reparto che avrebbe dovuto essere fiore all’occhiello del nosocomio”.

“Il Santa Corona è un DEA di II livello come il San Martino – aggiungono Gasco e Melgrati – ma, purtroppo, la politica genovacentrica messa in atto dalla Giunta Burlando sta fortemente colpendo un territorio, come quello del savonese, che si vede completamente depauperato di un sistema sanitario degno di essere chiamato con questo nome. Le dimissioni di Pezzica dimostrano che mancano le condizioni minime per garantire agli operatori sanitari di poter continuare a lavorare in situazioni di sicurezza e questo è inaccettabile ”.

“Non assisteremo passivi a questa politica scellerata, pretendiamo spiegazioni precise. La fuga di professionalità è un altro sintomo del malessere e del disagio che si vive nel nostro territorio, si inserisce in un momento già molto complesso per la sanità ligure che non fa altro che incentivare le fughe dei pazienti in altre regioni, quali ad esempio il Piemonte e rendere ancora più difficile la gestione sanitaria del comprensorio dell’Asl2”, concludono Gasco e Melgrati.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!