Home » LA POSTA » Referendum ILVA. La posizione della CGIL di Taranto

Referendum ILVA. La posizione della CGIL di Taranto

Taranto. Alcuni giorni fa è stato approvato all’unanimità da parte del Comitato Direttivo della CGIL l’ordine del giorno sul tema Referendum ILVA.

In merito al Referendum Comunale su ILVA fissato per il 14 Aprile p.v. la CGIL di Taranto ribadisce quanto già ha da tempo sostenuto, e cioè che era ed è sbagliato proporre ai cittadini tramite referendum, ancorché consultivo, un pronunciamento su temi importanti legati a diritti fondamentali di rilievo costituzionale come la salute e il lavoro, specie se si è consapevoli che l’Amministrazione Comunale non ha poteri per agire in maniera diretta.

Si tratta quindi di un esercizio sterile, tanto più all’indomani di interventi legislativi di carattere nazionale e regionale che sono intervenuti sulla vicenda ILVA.

Ora l’AIA ( Autorizzazione Integrata Ambientale ) per l’ILVA ha valore di legge con la previsione di un percorso incisivo e accelerato di ambientalizzazione della fabbrica, prevedendo un sistema di verifiche, controlli e sanzioni molto più stringenti della normativa attuale, compresa la stima dell’impatto sanitario, grazie ad una legge regionale. Lo stesso intervento legislativo nazionale sancisce il valore strategico per l’economia nazionale dell’impianto siderurgico tarantino.

Alla luce di quanto avvenuto in questi mesi la CGIL di Taranto ritiene che è doveroso ed è possibile ambientalizzare in maniera incisiva l’ILVA, dando risposte all’esigenza di salvaguardia della salute di tutti i lavoratori e cittadini e mantenendo, al tempo stesso la capacità produttiva dell’azienda e quindi dell’occupazione diretta ed indiretta di migliaia di lavoratori, difendendo una parte fondamentale dell’economia del nostro territorio in una fase così acuta di crisi occupazionale che sta intaccando il tenore di vita di migliaia di famiglie.

La CGIL insiste nel rivendicare che per affermare questa prospettiva, è necessario che l’azienda rispetti gli impegni previsti dal crono programma AIA con un chiaro e certo piano finanziario per gli investimenti. Insieme a questo occorre mantenere alta l’attenzione del Governo Nazionale e di tutte le Istituzioni sull’ambientalizzazione della fabbrica, il rafforzamento del sistema sanitario territoriale, la bonifica il risanamento e lo sviluppo del nostro territorio.

In questa direzione va valutato positivamente l’importante accordo Sindacati – ILVA sull’utilizzo dei contratti di solidarietà finalizzati ad accompagnare e controllare il processo di attuazione dell’AIA ridistribuendo in maniera equa e maggiormente sostenibile il sacrificio sul reddito dei lavoratori.

Per queste ragioni la CGIL di Taranto con il dovuto rispetto verso un Istituto di partecipazione popolare, come il Referendum Consultivo non intende partecipare alla campagna referendaria ne dare indicazioni di voto.

Il Comitato Direttivo CGIL Taranto

Taranto, 28 Marzo 2013

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!