Home » CALCIO, GENOVA, SAVONA » Promozione, Girone A, 28^ giornata: Albissola e Voltrese si dividono la posta

Promozione, Girone A, 28^ giornata: Albissola e Voltrese si dividono la posta

ALBISSOLA-VOLTRESE 1-1

Reti: 26’ (RIG.) Ninivaggi (A), 64′ Mori (V).

ALBISSOLA: Binello, Vanoli L., Vallerga, Orcino (80′ Suetta), Oliva, Pesce, Laiolo (90′ Cela), Sangiuliano, Ninivaggi, Salis, Calcagno. A disp.: Provato, Brondo, Dorigo, Ragone, Bonandin. All.: Repetto.

VOLTRESE: Ivaldi, Limonta, Aloisio, Termini, Virzi, Calautti, Mantero, Bruzzone F. (46′ Mori), Scatassi (78′ Siligato), Cardillo, Anzalone (76′ Siciliano). A disp.: Colombi, Di Donna, Bruzzone M., Cerasia. All.: Navone.

Arbitro: Piccinini di Chiavari (Assistenti: Mino e Torraca di Spezia).

Note: al 94′ espulso Suetta (A).

Albissola Marina. Un punto a testa tra Albissola e Voltrese ma tante occasioni mancate da parte dei ceramisti del presidente Mirco Saviozzi. Passano appena due minuti e Calcagno, per i padroni di casa, crossa per la testa di Ninivaggi che impegna alla grande il  portiere ospite. Partita a viso aperto tra due formazioni alla ricerca del risultato pieno. Al 16′ sono gli ospiti che con una bella giocata Cardillo-Mantero-Anzalone, mettono quest’ultimo nella condizione di calciare un delizioso pallonetto che accarezza la traversa di Binello.

Ma gli uomini di mister Repetto spingono di più e le grandi giocate di Ninivaggi e Salis danno il “la” al vantaggio dell’Albissola. E proprio Salis al 23′ si porta sul fondo palla al piede e crossa in mezzo dove irrompe il n. 7 Laiolo che viene sgambettato e guadagna il calcio di rigore. Batte Ninivaggi e realizza. Partita molto bella con continui rovesciamenti di fronte che non fanno pentire i quasi duecento tifosi accorsi in questa domenica quasi estiva. Al 35′ Salis riceve un lancio lungo e calibrato che controlla di sinistro e calcia a giro di destro ma è bravo Ivaldi a neutralizzare deviando in angolo. Quattro minuti dopo, sul fronte opposto, botta dal limite di Cardillo e grande intuizione di Binello che in tuffo devia in angolo.

La prima parte di gara finisce con i padroni di casa meritatamente in vantaggio. La ripresa vede subito al 46′ Calcagno servire una palla in mezzo per Ninivaggi, autentica spina nel fianco della Voltrese, che calcia sfiorando il raddoppio. Sette minuti dopo è Ninivaggi che confeziona una palla gol per Salis che di pochissimo non arriva all’appuntamento con il raddoppio.
Passano appena due minuti e ancora Ninivaggi, scatenato, serve sul piatto d’argento per Calcagno (che sostituiva oggi lo squalificato Granvillano ) la palla gol, ma il n. 11 di mister Repetto calcia clamorosamente addosso al portiere ospite che ringrazia. Al 64′ la partita cambia. Batti e ribatti in area albisolese e palla che giunge tra i piedi del nuovo entrato Mori, in chiara posizione di fuorigioco (si trovava due metri oltre la linea difensiva dei padroni di casa) che calcia e realizza il pareggio senza che il primo assistente signor Torraca, ben posizionato ed in grado di vedere l’irregolarità di posizione del calciatore, alzi la bandierina. Proteste furiose e giustificate dei padroni di casa, ma l’arbitro è irremovibile e anzi inizia a distribuire cartellini come fossero doni natalizi.

La partita si incattivisce e non c’è più gioco ma inizia una caccia all’uomo che la terna arbitrale non riesce a contenere. Ben due sarebbero dovuti essere i cartellini rossi per la Voltrese a causa di interventi molto pericolosi per l’incolumità dei protagonisti, ma il direttore di gara ha fatto orecchie da mercante. Otto gli ammoniti, quattro per parte ed un espulso per l’Albissola è il totale di una gara che dal 19′ del secondo tempo, grazie agli orrori arbitrali si è trasformata in un campo di battaglia. Al triplice fischio che sancisce il risultato di parità, si scatena una assurda e vergognosa rissa sugli spalti tra i tifosi delle opposte fazioni. Non è altro che lo specchio e lo strascico di quello che è successo in campo. In una goleada di pugni a calci una ventina di persone hanno dato vita ad una vergognosa ed inutile rissa che solo l’intervento delle forze dell’ordine è riuscito a sedare.

Così quella che era iniziata come una bella e divertente domenica di calcio, si è trasformata in una brutta e squallida rissa. L’insufficiente prestazione della terna arbitrale ha contribuito molto, in campo, a rendere gli animi tesi e ad imbruttire la gara che fino al 19′ della ripresa aveva visto un gran bel calcio. Molto contrariato il presidente dei ceramisti Mirco Saviozzi che ancora una volta vede la sua squadra derubata di tre punti a causa, dice Saviozzi, di una direzione di gara non all’altezza.
(Salvatore Barranca)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!