Home » NEWS FUORI REGIONE » Promozione della cultura della condivisione, della solidarietà, pace, giustizia sociale e volontariato con l’Associazione “A força da partilha” onlus

Promozione della cultura della condivisione, della solidarietà, pace, giustizia sociale e volontariato con l’Associazione “A força da partilha” onlus

Alcune settimane fa ci siamo incontrati con Giancarlo Passarella, artista che conosciamo per le sue tante attività (è stato il primo talent scout radiofonico, nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno programmava brani tratti da demo su cassetta, scoprendo Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi..; ed attualmente è coordinatore dell’Osservatorio Permanente sulle Passioni Giovanili di Firenze;
Web Content Editor di MusicalNews.Com;
Web Content Editor di Fanzine.Net;
Vice Presidente Nazionale della R.E.A. RadioTelevisioni Europee Associate;
Vice Presidente Nazionale di Assoartisti Confesercenti;
Solid Rock knopflerian club since October 1983; 
U.d.U. Records label manager
; ideatore e conduttore del striscia quotidiana radio show “Il Re del Gancio”, ecc.).

Nel nostro incontro abbiamo parlato non solo di musica, ma anche, e soprattutto, di solidarietà sociale.  E fra l’altro l’amico artista Giancarlo ci ha parlato (ci ha anche lasciato una copia della rivista “Note di condivisioni”) dell’Associazione “A força da partilha” (La forza della condivisione) onlus e delle sue tante iniziative che vogliamo far conoscere anche ai nostri lettori.

Nata ufficialmente nel 2003, questa associazione era già operante dal 1997 ed è diventata Onlus nel 2005. E’ di ispirazione cristiana, apolitica e senza fini di lucro, anche indiretto, che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale.

Vogliamo sottolineare ai nostri lettori che questa Associazione si propone in particolare di: a) promuovere e diffondere la cultura della condivisione, della solidarietà, della pace, della giustizia sociale e del volontariato;
b) sostenere alcune realtà nel nord-est del Brasile e in altri paesi del sud del mondo che si occupano dell’accoglienza e del recupero dei “meninos de rua” (i bambini e i ragazzi di strada abbandonati) e della promozione educativa, sociale e lavorativa di persone povere ed emarginate;
 c) promuovere iniziative per la realizzazione di progetti di solidarietà sia in Italia che all’estero, con particolare attenzione alle situazioni di svantaggio e di disagio delle popolazioni giovanili dei paesi del sud del mondo;
d) sollecitare e promuovere la collaborazione con enti ed istituzioni che si occupano dell’accoglienza, dell’educazione, dell’istruzione e della formazione professionale dell’infanzia e dell’adolescenza in situazioni di disagio;
e) sensibilizzare la popolazione locale sui problemi della povertà, dell’esclusione sociale, della disuguaglianza e dell’emarginazione in Brasile e nel sud del mondo.

L’Associazione persegue i suoi scopi mediante lo svolgimento delle seguenti attività: organizzazione di manifestazioni culturali, musicali, sportive o di altro genere, finalizzate al sostegno dei progetti seguiti, in particolare, la manifestazione musicale “Note di condivisione” che, nel 2011, si svolse a Osnago (LC); sostegno finanziario (nel 2010 38.600 €, per un totale di 526.600 € inviati) e materiale a religiosi, laici, gruppi, associazioni, istituzioni ed enti già operanti nelle situazioni di intervento; promozione e organizzazione di campi di conoscenza/lavoro volontario nei centri di solidarietà sostenuti in Brasile o in situazioni di bisogno di altri paesi (più di 100 giovani e adulti hanno vissuto questa esperienza); proposta di sottoscrizione di adozioni a distanza di bambini bisognosi, con il Progetto “Agata Smeralda” (in Brasile) e con l’ “Associazione Mehala Onlus” (in Kenya); promozione di banchetti informativi, di sensibilizzazione e di vendita di prodotti artigianali realizzati nei centri brasiliani, in particolare la Mostra Missionaria di Beneficenza “Cose dell’altro mondo”proposta, dal 2006 al 2008, a Cernusco Lomb. (LC); raccolta e invio di fondi, materiale didattico, vestiario e di altri generi di prima necessità per un intervento diretto nelle situazioni di bisogno.

“Aiutaci ad aiutarli ad aiutarsi” è il motto dell’Associazione “A força da partilha” (La forza della condivisione) di cui è presidente don Marco Tenderini, che si può contattare telefonicamente (tel. e fax 02.66048626 – cell. 338.6579230) o per e-mail (diemmeti@tin.it).

Un’associazione da sostenere per la promozione della cultura della condivisione, della solidarietà, della pace, della giustizia sociale e del volontariato; da sostenere per i progetti in Brasile, in Kenya e in altri paesi del Sud del mondo che si occupano dell’accoglienza e del recupero dei “bambini di strada” e della promozione educativa, sociale e lavorativa di persone povere ed emarginate e, attraverso la manifestazione musicale benefica “Note di condivisione”, la promozione di campi di condivisione, le adozioni a distanza…

Per informazioni, adesioni ed invio contributi rivolgersi a: Associazione “A força da partilha” (La forza della condivisione) – Via Monza 25/27 – 23870 Cernusco Lombardo (Lecco); tel. 0399905221; 338.6579230;
e-mail: info@laforzadellacondivisione.it (web: www.laforzadellacondivisione.it ).  P: IVA e C. F.: 02744640133 (per devolvere il 5×1000). IBAN: IT 52 W 05018 01600 00000011504 – Banca Popolare Erica – Fil. Di Milano – Via Spallanzani, 16 – 20129 Milano: IBAN: IT 59 H 03359 01600 100000003876 – Banca Prossima – Fil: di Milano – Piazza P. Ferrari 10 – 20121 Milano.


Vogliamo anche invitarvi a leggere, ed riflettere su quanto dice don Marco Tenderini, su “Il senso di un’adesione…”

Chi vuol essere autenticamente uomo e, magari, si dice anche cristiano, non può rimanere indifferente di fronte a una situazione mondiale di ingiustizia, tale per cui il 20% della popolazione mondiale “arraffa” e consuma l’83% delle risorse del pianeta, a fronte dell’80% formato da persone umane, proprio come tutte le altre, che deve accontentarsi del 17% delle risorse, vale a dire delle briciole che cadono dalla nostra tavola; sì, perchè’ noi facciamo parte di quel 20% e, quindi, di questa ingiustizia mondiale siamo complici, nel nostro piccolo, anche noi!

Ora, se abbiamo una coscienza, non può andarci bene una situazione così, non possiamo restare impassibili e inerti, dobbiamo fare qualcosa, qualsiasi cosa, anche piccola, purchè’ ci permetta di vivere qualche forma di condivisione, di servizio, di volontariato, in favore di persone che magari non conosciamo ma che sono nostri fratelli! Non si può sempre “stare alla finestra”, magari a criticare o a prendersela con qualcuno; ad un certo punto e’ necessario “sporcarsi le mani” in prima persona…
Quando si ha il coraggio di aprire gli occhi su una realtà macroscopica di povertà’ (come può essere quella dei “meninos de rua” brasiliani), questo funziona da lente di ingrandimento nei confronti di quelle piccole, ma vere, situazioni di bisogno che magari accosti quotidianamente, ma di cui non ti sei mai accorto…

La solidarietà non deve essere solo una parola “di moda”, con la quale riempirsi la bocca, ma deve necessariamente incarnarsi nella forza dirompente di autentici, anche se piccoli, gesti di condivisione!

La speranza e quella di incontrare il desiderio di condivisione di tante altre persone, anche il tuo!!!

Nelle foto: il logo dell’Associazione “A força da partilha” (La forza della condivisione); il manifesto “La forza della condivisione 2013″; don Marco Tenderini e alcuni bambini.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!