Presentazione “Libro rosso di Taranto”. Il 15 aprile presso la Sede di Taranto di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro”

Scritto da Redazione Il 13 aprile 2015 @ 10:00 Nella categoria NEWS FUORI REGIONE

Taranto. Mercoledì 15 aprile, alle ore 9.30, presso la sede di Giurisprudenza (via Duomo, 259, Sala Convegni, piano terra) dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro”, sarà presentato il Libro Rosso di Taranto, Codice Architiano (1330 – 1604), vol. XXXVIII del Codice Diplomatico Pugliese (304 pagine, Editore Società Storia Patria Bari) di Roberto Caprara, Francesco Nocco, Michele Pepe e Ornella Valeria Sapio.

Presentazione della pubblicazione a cura dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”; Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo Società, ambiente e Culture; Società di Storia Patria per la Puglia; Dipartimento Jonico e con la collaborazione dell’Archeogruppo “E. Jacovelli” di Massafra, Archivio storico diocesano di Taranto; Elsa The European Law Student’s Association di Taranto, Fondazione Nuove Proposte – Centro Nuove Proposte Medico Scientifiche Alfonso Motolese, AICC-Associazione Italiana di Cultura Classica, Collegio dei Periti Esperti e Consulenti della Regione Puglia, Ordine degli Avvocati di Taranto e Comune di Taranto.

Porteranno i loro saluti: Antonio Uricchio, Rettore Università degli Studi di Bari Aldo Moro;  Bruno Notarnicola, Direttore Dipartimento Jonico;  Umberto Guidato, Prefetto di Taranto;  Ippazio Stefano, Sindaco di Taranto; Filippo Santoro, Arcivescovo Diocesi di Taranto; Pasquale Castellaneta, Dirigente scolastico Liceo Archita.

Il Progetto sarà presentato da Cosimo D’Angela, Presidente della Società di Storia Patria per la Puglia; 
Pasquale Cordasco, Docente di diplomatica Università degli Studi di Bari; 
Francesco Mastroberti, Coordinatore Ricerca sul Libro Rosso di Taranto.

Le relazioni saranno tenute da:
Aurelio Cernigliaro, Università degli Studi di Napoli Federico II; 
Marco Nicola Miletti, Università degli Studi di Foggia; 
Rosanna Alaggio, Università degli Studi del Molise; 
Stefano Vinci, Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

Interventi degli autori del volume: lo studioso e archeologo di grande professionalità 
prof. Roberto Caprara, Francesco Nocco (Archivio Storico della Provincia dei Cappuccini di Puglia), lo scrittore Michele Pepe e Ornella Valeria Sapio, responsabile Archivio di Stato di Taranto.

Descrizione del volume. Nel quadro dell’opera di recupero e di valorizzazione delle fonti diplomatiche portata avanti dalla Società di Storia Patria per la Puglia, la trascrizione del cd. “Codice Architiano” – fortunosamente acquisito dalla Biblioteca del Liceo Classico “Archita” di Taranto – e la sua pubblicazione nella Collana del Codice Diplomatico Pugliese colmano una vistosa lacuna che, dopo i generosi tentativi di Antonio Primaldo Coco, Stefano Adiuto Putignani e Gennaro Maria Monti, sembrava aver assunto un carattere permanente tale da porre Taranto in una ingiustificabile condizione di minorità rispetto alle altre città della Regione. È significativo che ciò si sia realizzato in concomitanza con il radicamento dell’Università a Taranto attraverso la creazione e il consolidamento del Dipartimento Jonico in “Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo società, ambiente, culture” dell’Università di Bari “Aldo Moro”, a testimonianza di un immediato e positivo incontro dell’Accademia con il “territorio”.

Nel corso della manifestazione si terrà la 6^ Edizione del Premio Cassandro e sarà conferito il “Premio Giovanni Cassandro” per gli Studi di Storia del Diritto Italiano alla memoria del prof. Francesco Paolo De Stefano.

Ricordiamo che l’evento è valido ai fini dell’attribuzione di crediti formativi.

Nella foto la locandina dell’evento.
(Nino Bellinvia)


Articolo pubblicato da: LIGURIA 2000 NEWS

URL dell'articolo: http://www.liguria2000news.com/presentazione-%e2%80%9clibro-rosso-di-taranto%e2%80%9d-il-15-aprile-presso-la-sede-di-taranto-di-giurisprudenza-delluniversita-degli-studi-di-bari-a-moro.html

Copyright © 2007-2018 Liguria 2000 News 'Testata giornalistica telematica di informazione'