Home » NEWS FUORI REGIONE » Presentato all’Auser di Venafro il libro di Rolando Attanasio “Aragosta blu” (Ed. Eracle)

Presentato all’Auser di Venafro il libro di Rolando Attanasio “Aragosta blu” (Ed. Eracle)

Venafro/Isernia. Una serata interessante domenica 20 ottobre all’Auser di Venafro, all’insegna della cultura: presentato il libro “Aragosta blu”, sottotitolo “Romanzo-poetico-teatrale” (Ed. Eracle, pp. 192, € 15,00), ultimo lavoro del napoletano Rolando Attanasio. L’incontro, introdotto e moderato da Maurizio Vitiello, sociologo, critico d’arte e docente della Fondazione Humaniter, ha visto susseguirsi, dopo il saluto di Nicandro Silvestri, Presidente dell’Auser, interventi di Amerigo Iannacone, scrittore e poeta, Carlo Spina, avvocato ed ecologista, Pino Cotarelli, articolista e critico teatrale.

In sala un pubblico scelto e raffinato. Tra gli altri i poeti e scrittori Filippo De Angelis, Giuditta Di Cristinzi, Maria Cristina Carbonelli di Letino, Maria Assunta Prezioso, Antonio Di Filippo, e poi la pittrice napoletana Maria Pia Daidone.

Dagli interventi dei relatori, interventi diversi e in qualche modo complementari, è emersa la poliedrica figura di uno scrittore di valore, positivo (Cotarelli), originale, stimolante. Uno scrittore che è anche poeta, pittore, artista digitale, sceneggiatore.

Il tema centrale del libro è Napoli, con «i suoi infiniti controsensi e contrasti», una città piena di contraddizioni da odiare e soprattutto da amare. Il libro è uno spaccato della città, dalla quale si parte per descrivere tutto il mondo che ci circonda, con i suoi aspetti e caratteristiche positive e al tempo stesso aspetti e caratteristiche negative. Attanasio ha vissuto Napoli in tutto e per tutto, l’ha vissuta con tutti i suoi paradossi possibili, ne ha vissuto la violenza e la bellezza, l’ingiustizia e la fantasia, le fughe e i ritorni, la magia e la morte, il sesso e la solitudine, l’amore e il pettegolezzo, il teatro e il paesaggio, l’inquinamento selvaggio e sfrenato, i panorami da sogno, il fatalismo che lui definisce atroce, la disarmante bontà, la sporcizia e il lusso. Una città, un luogo dove può succedere di tutto, perché in fin dei conti non è il luogo o la città che conta perché siamo noi, con le nostre sensazioni ed emozioni, che viviamo la nostra vita e a volte influenziamo anche quella delle persone che ci stanno accanto.

Nella foto un momento della presentazione del romanzo. Da sx: Amerigo Iannacone, Maurizio Vitiello e Rolando Attanasio.
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!