Presentato a Massafra il marchio per la Terra delle Gravine

Scritto da Redazione Il 5 agosto 2018 @ 22:39 Nella categoria NEWS FUORI REGIONE

Massafra. È stato mostrato a Massafra il marchio d’area della Terra delle Gravine, accompagnato da un suggestivo video promozionale.

Sostenuto dal MiBACT, il segno distintivo fungerà da biglietto da visita per un piano di attività finalizzato a far sì che, come una fenice, il nostro territorio possa rinascere dalle ceneri dell’Ilva e degli altri impianti inquinanti che su di esso insistono.

Trovandoci tra il Materano, la Valle d’Itria e il Salento necessitiamo di divenire attrattivi come tali zone, d’altro canto facciamo pur sempre parte della Puglia, che è stata nuovamente indicata la regione più bella del mondo.

Il progetto è stato realizzato non più da singole municipalità, ma da 12 comuni – con Massafra capofila – che sono: Castellaneta, Crispiano, Ginosa, Grottaglie, Laterza, Montemesola, Mottola, Palagianello, Palagiano, San Marzano di San Giuseppe e Statte. Perché l’iniziativa sia effettivamente fruttuosa sarà comunque necessario il sostegno della Regione e della Provincia.

Se una delle nostre migliori caratteristiche è l’accoglienza, spesso, però, non ci si concentra altrettanto su coloro che da qui partono per non farvi più ritorno, e perciò è auspicabile che l’opera di valorizzazione che s’intende portare avanti contribuisca anche a diminuire il più possibile questa seconda circostanza.

Venendo allo specifico, il marchio mostra in modo essenziale e stilizzato le forme e i colori di questa terra, dal mare alle, appunto, gravine. Per quel che concerne il video, invece, è stato prodotto da FLUID ed è visionabile al seguente indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=iRpx4ZeXJ4g

Nelle foto: il marchio “Terra delle Gravine” e i sindaci e gli assessori intervenuti alla presentazione.
(Nicola Fabio Assi)


Articolo pubblicato da: LIGURIA 2000 NEWS

URL dell'articolo: http://www.liguria2000news.com/presentato-a-massafra-il-marchio-per-la-terra-delle-gravine.html

Copyright © 2007-2019 Liguria 2000 News 'Testata giornalistica telematica di informazione'