Home » NEWS FUORI REGIONE » Potenziali Fonti di Inquinamento nel Territorio Massafrese? Precisazioni del sindaco Martino Tamburrano

Potenziali Fonti di Inquinamento nel Territorio Massafrese? Precisazioni del sindaco Martino Tamburrano

Massafra. Facendo seguito ad articoli di stampa, pubblicati ieri, venerdì 10 gennaio, su alcuni quotidiani, inerenti a “presunte fonti di inquinamento” nel territorio di Massafra (come ci comunica il dott.Francesco Resta, Capo di Gabinetto – Addetto Stampa del Comune di Massafra), il sindaco Martino Tamburrano precisa di aver ricevuto una nota informativa dell’ARPA Puglia sul superamento del tenore massimo di “diossine o simili” riscontrato in un allevamento nel territorio di Massafra. Dalle conclusioni della nota si evinceva che – afferma il sindaco – l’Arpa riteneva doveroso procedere agli approfondimenti del caso in relazione alla potenziale contaminazione delle matrici ambientali al fine di quantificare il livello di rischio esistente e si chiedeva alla Provincia di Taranto, in qualità di autorità competente, di voler assumere le determinazioni del caso in considerazione delle criticità riscontrate. Contestualmente si rendeva edotto il sindaco di Massafra delle problematiche in merito al superamento del tenore massimo di “diossine o simili” al fine di consentire l’adozione di eventuali provvedimenti di competenza.

Il sindaco Tamburrano, prontamente, prendendo atto della gravità dell’esposto di potenziale inquinamento, chiedeva al direttore generale ARPA Puglia, prof. Giorgio Assennato, di voler adottare ogni iniziativa utile ad accertare con scienza, coscienza ed in modo inequivocabile il rischio esistente, al fine di salvaguardare la salute pubblica. Tale missiva era partecipata anche al commissario straordinario della Provincia di Taranto, dott. Mario Tafaro.

Tamburrano, non ricevendo alcun segno di riscontro in merito, il 30 dicembre scorso si rivolgeva al Dipartimento di Prevenzione dell’ASL di Taranto e reiterava l’urgente richiesta di notizie al fine di valutare con certezza gli eventuali rischi per la salute pubblica derivanti da potenziali fonti di inquinamento esistenti. La citata richiesta veniva trasmessa anche alla Provincia di Taranto, alla Regione Puglia ed all’ARPA Puglia.

Oggi – dichiara il sindaco – apprendo dalla stampa di diossina nel latte, di veleni e di paura. La domanda nasce spontanea: l’ARPA ha nuovi e “dati” certi o si crea solo allarmismo in un momento particolare ed in un territorio già penalizzato e additato come “pericoloso?”

Prima di divulgare tali importanti notizie – continua il sindaco - forse è bene interloquire direttamente con chi attende precise risposte. Vecchi “metodi comunicativi”, così “brillantemente attecchiti” in Provincia di Taranto, non sono validi per Massafra.

Sono fortemente intenzionato – conclude, determinato, Tamburrano – proprio prendendo spunto da quest’ultima vicenda, a chiedere le dimissioni della dirigenza ARPA. A quest’ultima e al prof. Assennato chiedo certezze e non allarmismi. Se il territorio è inquinato me lo si dica in modo chiaro e adotterò tutti i consequenziali e opportuni atti a tutela della salute pubblica.

Nella foto il sindaco Martino Tamburrano.
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!