Home » IMPERIA, STANZA DELLA POESIA » Poesia dialettale: i risultati del concorso “Bellissimi versi 2013″

Poesia dialettale: i risultati del concorso “Bellissimi versi 2013″

Dolcedo. La frazione di Bellissimi di Dolcedo, nella Val Prino, è conosciuta per la radicata tradizione delle mongolfiere di carta, ma pochi e determinati soci dell’Associazione “Amici di Bellissimi” che lì opera, non si limitano ad agire in questo restrittivo campo, ma hanno all’attivo per il 2013 tante originali manifestazioni: la passeggiata botanica e la passeggiala con i cani, teatro vernacolare e concerto di chitarra classica, murales sulle pareti delle case e concorso di poesia dialettale…

Proprio per quanto riguarda quest’ultimo singolare evento, domenica 4 agosto, nella piazzetta della chiesa, è stata resa pubblica la graduatoria della quarta edizione del concorso ”Bellissimi versi 2013” dal tema “ Le piante che ci hanno visto nascere e crescere”.

Quest’anno il livello delle poesie è stato ottimo e ai primi posti si sono classificati: “Maniman” in dialetto di Sanremo di Mario Calvini al primo posto. “Sun turnà” di Andreina Solari di Leivi (Genova Tigullio) al secondo. Al terzo posto “Insci’a bunda d’ina fascia” in dialetto de La Mortola di Roberto Rovelli.

Il premio della giuria popolare, riunitasi mercoledì sera 31 luglio e che ha visto un buon apporto di giurati, anche dalla città, ha conferito il suo premio a Mauro Maccario di Soldano con “A cereixa de candu sun nau”.


Hanno presenziato alla manifestazione il professor Luciano Calzamiglia, che ha dato un breve assaggio del suo ultimo lavoro letterario “Alberi e boschi sacri nella vita dell’uomo”, il comandante della Forestale dottor Giovanni Vetrone, Paolo Anselmi rappresentante della Cia, tra gli sponsor dell’evento, insieme al frantoio Ghiglione di Dolcedo, alla Agenzia turistica Blumen-Riviera e la ditta Fratelli Carli di Imperia.

Al concorso sono giunti componimenti da tutta la Liguria, dalla Mortola a Leivi, celebrando l’olivo, il corbezzolo ed anche il ciliegio e l’acacia. In tutte si è letto il profondo sentimento che lega ognuno degli autori ad una o più piante, che ne hanno in qualche modo influenzato l’infanzia o la stessa vita. Sicuramente, vista la nostra situazione geografica, il più citato è stato l’olivo, ma non è mancato chi, con la non poca originalità ha composto una lirica sulla …pianta dei piedi”. Infatti tra le poesie premiate si sono distinti tre componimenti sull’olivo, premiati ex-equo, e la poesia di Paolo Berardi “Ina cianta strana”. A Laura Marvaldi con “Settà sutta…”, a Livio Tamagno con “Urhìva”, a Luigi Lupi con “U mé uhjvu” i complimenti della giuria per aver cantato la pianta principe dell’entroterra.

Durante il pomeriggio si sono alternati alla lettura delle poesie, vecchi brani musicali in dialetto ligure, eseguiti da Franco Bessone, voce e chitarra, e da Giuliano Giuliani alla fisarmonica.

Gli appartenenti all’Associazione Amici di Bellissimi possono dirsi molto soddisfatti dell’evento culturale che ha visto  un così grande consenso di pubblico non solo locale e si preparano per la grande festa del primo di settembre. 
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!