Home » LA POSTA » Pasqua 2019. Messaggio di Marietta di Sario

Pasqua 2019. Messaggio di Marietta di Sario

Abbiamo ricevuto, e pubblichiamo volentieri, gli auguri che ci ha fatto pervenire Marietta Di Sario che ha più volte parlato con noi su queste pagine. E’ una donna 66enne lucana che vive a Carpi (fa parte dell’Unitalsi Consiglio Sotto Sezione Carpi), invalida al 100% agli arti inferiori e superiori, a causa degli effetti devastanti della poliomielite che l’ha colpita quando aveva solamente quattro anni. Da allora è costretta a vivere inchiodata su una sedia a rotelle. Da sola non riesce a compiere neppure il più banale gesto. Dipende completamente, in tutto e per tutto, dagli altri.

Ecco qui di seguito il suo scritto raccolto da coloro che stanno con lei.

Carpi, Pasqua 2019.

Se penso alla Pasqua, la prima immagine che mi viene in mente è lo stupore provato dai discepoli alla vista del loro Maestro straziato sulla croce. “Poi si erano allontanati da quel luogo, Gerusalemme, per lasciarsi alle spalle quell’enorme e incontenibile sofferenza”. Ancora una volta la verità aveva avuto il sopravvento: siamo tutti condannati alla morte. Fintantoché alcune donne andate al sepolcro di buon mattino, non avevano trovato il corpo di Gesù.

È da quel giorno, il giorno della Resurrezione, che tutto è cambiato: siamo destinati per sempre ad una nuova vita, con Dio che è sempre con noi e non ci lascia mai nella vita come nella morte. Certo, la croce resta. È lì ad attenderci, una croce piantata dentro la vita di ognuno di noi. Può essere un lutto, una malattia, un’ingiustizia, un’incomprensione, una catastrofe naturale o una guerra. È la nostra croce, che facciamo tanta fatica ad abbracciare. Perché non siamo e non saremo mai pronti.

Gesù, invece, ci insegna ad andare “fino alla fine” cioè fino in fondo all’amore: non c’è amore più grande che dare la propria vita. E il Signore è per le cose grandi. Noi invece ci fermiamo molto prima delle nostre possibilità di amare, perché abbiamo paura di smarrire tutto quanto crediamo ci appartenga, sia nostro di diritto. Diamo una parte di noi e ci accontentiamo. Dio invece dona tutto è se stesso donando il Figlio.

L’amore di Cristo ci accompagna per tutto il tempo del nostro cammino finché non impariamo a vivere come Lui, risorgendo in Lui. In un mondo che non tollera tutto ciò che è sacrificio dove si fa di tutto per evitare la croce, Gesù sceglie di portarla per noi fino all’ultimo respiro. La Pasqua è già qui in ogni piccola parte di noi ogniqualvolta riusciamo a vivere e sentirci come dei salvati, mettendocela tutta e facendo funzionare tutte le forze che sono in noi. Solo così scopriremo che dare la vita, la propria vita, per amore significa avere un riflesso della Resurrezione.

Buona Pasqua a tutti da Marietta.

Nella foto Marietta Di Sario.


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!