Home » NEWS FUORI REGIONE » Ottimamente celebrata a Massafra la Festa dell’Unità Nazionale – Giornata delle Forze Armate

Ottimamente celebrata a Massafra la Festa dell’Unità Nazionale – Giornata delle Forze Armate

Massafra. “Dopo tanti anni, prendere atto che non rimaniamo sordi a quel richiamo di libertà, di indipendenza e di buona convivenza civile, è motivo di orgoglio per tutti noi”.

Così il sindaco Martino Tamburrano, questa mattina, ha aperto il suo applaudito intervento, pronunciato in occasione della Festa dell’Unità Nazionale – Giornata delle Forze Armate, celebrata e organizzata dalla Civica Amministrazione, con l’ottimo coordinamento del dott. Francesco Resta e suoi collaboratori.

Il corteo cittadino, dopo essersi formato presso la casa comunale ed aver percorso Corso Italia, è giunto in Piazza Vittorio Emanuele per la deposizione di una corona di alloro al Monumento ai Caduti. Immancabile la Banda Musicale “Città di Massafra”  che ha, fra l’altro, eseguito l’inno “Fratelli d’Italia”.

Erano presenti: il comandante la Compagnia Carabinieri di Massafra Luigi Coppola, il comandante la Stazione Carabinieri Antonio Petrocca, il cap. della Polizia Locale Michele Locorotondo, l’Associazione Carabinieri, una rappresentanza delle “Guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon” e dei volontari della Croce Rossa Italiana, la Sezione Combattenti e Reduci, la Sezione Invalidi e Mutilati di Guerra, l’A.N.P.I., l’ANMIL, la Società Operaia, l’ARVM Protezione Civile di Massafra, autorità civili e militari, folte rappresentanze di alunni accompagnati da docenti e dirigenti degli Istituti d’Istruzione Superiore e Comprensivi e numerosi cittadini.

La celebrazione Eucaristica, in memoria dei caduti, è stata presieduta da don Michele Bianco. Nel corso dell’omelia don Michele traendo spunto da un episodio della vita di San Giovanni Bosco, si è soffermato sul ricordo di coloro che hanno sacrificato la propria vita per amore del prossimo e della Patria.

Il sindaco Tamburrano, rivolgendosi ai tanti giovani presenti, ha fra l’altro detto: “Leggete la Costituzione e troverete ogni risposta alle vostre domande sul perché i diritti/doveri personali, nella vita, vanno scritti e ripetuti all’infinito. Oltre al tablet, consultate anche la Costituzione e scoprirete come questa può esservi “amica” e “piacervi”. Per far questo chiedo aiuto a chi guida i ragazzi, mettendo in forma le loro conoscenze e aspirazioni. Gli investimenti nelle future generazioni, oggi – ha continuato il sindaco – sono gli unici a fare reddito e a non temere spread di alcun tipo.

Il sindaco ha chiuso il suo intervento con una frase di Schopenhauer: “Amiamo la patria non perché sia grande, ma perché è nostra”.

La cerimonia si è conclusa con un’amichevole stretta di mano di don Michele Bianco e don Salvatore Di Trani al sindaco Tamburrano, al comandante della Compagnia Carabinieri Coppola, al comandante della Stazione Carabinieri Petrocca, al cap. della Polizia Locale Locorotondo, al presidente del Consiglio comunale Giandomenico Pilolli, al vice sindaco Antonio Viesti, all’assessore alla Cultura e all’Associazionismo Antonio Cerbino, all’assessore Raffaele Gentile, a diversi consiglieri comunali, al dirigente scolastico Stefano Milda, al presidente del Circolo Filatelico “Rospo” Nino Bellinvia e ad altre autorità e cittadini.

Nella foto il sindaco Martino Tamburrano nel suo intervento.
(E.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!