Home » NEWS FUORI REGIONE » Oscuri Presagi, un’opera di Nicola Andreace pubblicata sul numero speciale della rivista Effetto Arte Collection

Oscuri Presagi, un’opera di Nicola Andreace pubblicata sul numero speciale della rivista Effetto Arte Collection

Massafra. Nicola Andreace quest’anno con le sue opere ha portato il suo nome e quello di Massafra in varie località italiane ed estere, partecipando a eventi visivi d’interesse internazionale: Firenze, Premio Brunelleschi,19-21 gennaio; Ro Ferrarese, Collezione Sgarbi (febbraio); Venezia, Biennale delle Nazioni 16-19 marzo; Monreale (Premio internaz.Van Gogh, Museo Guglielmo II, 14-29-aprile; Copenaghen, Danimarca, (20-22 aprile).

Il consulente artistico Rino Lucia, l’editore Sandro Serradifalco, e Paolo Levi hanno invitato Nicola Andreace, per  il suo impegno e valore stilistico, per la passione che riversa in ogni singolo elaborato, a mandare un’opera presso la loro Redazione. E’ stata inviata Oscuri Presagi (2003, tecnica mista su tela, cm. 50×70), la cui immagine, senza selezione, è stata pubblicata sul numero speciale  Effetto Art Collection, accompagnata dal seguente testo critico di Marco Rebuzzi, conservatore del Museo Diocesano Gonzaga di Mantova: <<Le opere di Nicola Andreace, spaziando dall’astrazione al figurativo, esprimono sempre una profonda ricerca concettuale che dà vita a un linguaggio colto e complesso. Egli nell’ultima fase della sua produzione perviene a un linguaggio originale e moderno dove reminiscenze artistiche si alternano a istanze contemporanee. L’artista lavora con un tratto deciso e cromie dai toni forti, ponendo attenzione ai contrasti che permettono all’osservatore di spaziare dalla situazione rappresentata ai confini del proprio immaginario. In un continuo gioco di ricerca e sperimentazione, fantasia e tecnica s’incontrano  per sollecitare lo spirito ad indagare le diverse sfaccettature del nostro vivere>>.

La composizione Oscuri presagi ci mostra la natura danneggiata e sconvolta o da piogge torrenziali o da arsure canicolari: un ragazzo con una fascina di legna sulle spalle percorre con fatica una strada rossa desertificata, riarsa dal sole, mentre fa da sfondo uno squallido  paesaggio allagato. Il quadro testimonia   la precarietà del nostro tempo nel campo ecologico, ma attesta anche  con il colore verde il suggerimento  del nostro artista all’Uomo, che potrà  salvaguardare il suo futuro, se avrà saputo tutelare l’ambiente, il territorio e la cultura locale. Mario Penelope, storico e critico d’arte, scriveva <<Di fronte ai problemi, Andreace si pone in una continua dialettica critica, riproponendoli in chiave di pura dichiarazione ideologica con un linguaggio espressivo emblematico e simbologico, fortemente incisivo al quale fa da supporto un’innegabile perizia tecnica ed una fertile inventiva. Un linguaggio che punta su una sintesi dinamica delle immagini con inquadrature e tagli che aiutano a tradurre il fatto di cronaca in un messaggio altamente drammatico>> e Paolo Levi aggiungeva <<Andreace è un sensibile interprete del mondo, capace di catturare ogni simbolica emozione visiva attraverso opere che rivelano una spontanea creatività e un’incessante indagine artistica. Un’arte che riporta alla luce le sensazioni più recondite dell’anima>>.

Nella foto: l’opera Oscuri Presagi di Nicola Andreace.
(A. N. F.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!