Home » GENOVA, IMPERIA, NEWS, PRIMO PIANO, SAVONA » Operazione Nemo. Sequestrate dai CC altre 3 anfore e reperti archeologici

Operazione Nemo. Sequestrate dai CC altre 3 anfore e reperti archeologici

Alassio. I carabinieri della Compagnia di Alassio (nell’ambito dell’operazione Nemo) hanno indagato un pensionato genovese di 83 anni di nome M.L. per furto aggravato in concorso di materiale archeologico poiché nella sua abitazione sono state ritrovate un’anfora romana tipo dressel 2/4 (come quelle del relitto Felix di Diano Marina), un’anfora greco italica di probabile origine siciliana, un vaso greco a figure nere e il piede di un’antica statua. Il pensionato residente a Genova, di fatto era domiciliato a Borgio-Verezzi.

Un altro indagato imperiese ha invece deciso di collaborare ed ha consegnato un’anfora romana del tipo dressel 1/a (quelle del nuovo relitto scoperto dai carabinieri subacquei ad Imperia), che aveva nascosto a casa di un amico e per questo non era stata ritrovata dai carabinieri di Alassio durante le perquisizioni nella sua abitazione.

Ad Imperia nei giorni scorsi sono stati ritrovati dei cocci e parti varie di anfore romane sul litorale. Questo può voler significare che qualche persona che aveva reperti archeologici nella propria abitazione, spaventata  dalle indagini e dalle numerose perquisizioni, ha deciso di liberarsene lasciando i reperti in luoghi ove potevano essere facilmente ritrovati.
(C.S.)



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!