Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Nuove puntate dello show quotidiano “Il Re del Gancio” ideato e condotto da Giancarlo Passarella. Oltre 100 le radio che lo trasmettono

Nuove puntate dello show quotidiano “Il Re del Gancio” ideato e condotto da Giancarlo Passarella. Oltre 100 le radio che lo trasmettono

Firenze. Altri nuovi appuntamenti con “Il Re Gancio” (dal 23 al 27 settembre), il programma ideato e condotto dal “sempre” super Giancarlo Passarella. Format da tempo diventato uno dei programmi più richiesti in Italia ed ora anche all’estero dalle piccole radio che lo trasmettono quotidianamente. E’ autoprodotto e registrato alla grande dallo stesso Passarella per aiutare non solo le piccole radio, ma tutti i giovani artisti italiani che non hanno occasioni concrete per promuovere la loro musica. Show quotidiano di Giancarlo Passarella che è stato (l’abbiamo ripetuto altre volte, ma non guasta…) il primo in assoluto nel servizio pubblico a parlare di scouting. Già nel biennio 1986/87 mandava demo su Rai Stereo Uno, scoprendo Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi… Una voce storica dell’emittenza nazionale che oggi raggiunge ogni piccola emittente italiana, dando voce al nuovo che avanza. Ecco alcune notizie delle prossime puntate de “Il Re del Gancio” che vengono gratuitamente trasmesse ogni giorno in onda su 110  emittenti.

Agli artisti che desiderano avere una recensione su MusicalNews.Com  consigliamo di prendere contatto direttamente con el diretur Giancarlo Passarella (passarella@musicalnews.com) al quale è affidato il comitato di redazione, del quale fanno parte: Dario Albelli, Paolo Ansali, Pippo Augliera, Salvatore De Falco, Nicola DeRio, Manlio Di Giovanni, Paolo Farina, Roberto Fava, Emanuele Gentile, Massimo Giuliano, Laura Gorini, Antonella Gucci, Ambrosia Imbornone, Silvio Mancinelli, Jacopo Meille, Alessandro Michelucci, Martina Neri, Giuseppe Panella, Antonio Ranalli (vice diretur!), Stefania Schintu, Alessandro Sgritta, Stefano Trentadue.

Ricordiamo che lo scorso 27 settembre Giancarlo Passarella, sempre attivissimo nel mondo dello spettacolo, ha presentato a Bologna (insieme ad Antonio Parisi) il network televisivo nazionale Le 100 TV, iniziativa della R.E.A. RadioTelevisioni Europee Associate, di cui è presidente Antonio Diomede.

Sempreverde” di Mario Venuti è il primo brano in scaletta lunedì 30 settembre. Nato a Siracusa nell’ottobre del 1963, ha esordito con il botto nella discografia italiana, grazie alla band dei Denovo, con i quali ha registrato parecchi dischi (“Niente insetti su Wilma” – Suono, 1984;
”Unicanisai” – Kindergarten, 1985;
”Persuasione”– Kindergarten, 1987;
”Così fan tutti” – Polygram, 1988;
”Venuti dalle Madonie a cercar carbone” – Polygram, 1989), Questo brano è del 1994 e fa parte dell’album “Un po’ di febbre”, che ha segnato l’inizio di una intensa attività solista che l’ha portato ad incidere diversi album, l’ultimo dei quali s’intitola “L’ultimo romantico”. Segnaliamo anche il DVD live “Materia viva”.

Il secondo brano s’intitola “Il Mio Sud” del musicista, medico e ricercatore Cataldo Perri, calabrese, definito il “Cantautore del Mediterraneo”. Ha al suo attivo tre cd: “Rotte saracene”, “Bastimenti” e “Guellarè”. Da quest’ultimo ascoltiamo il brano che apre un cd che ha avuto riconoscimenti e premi importanti, compreso quello dallo staff di Demo di Radio1, show di Pergolani & Marengo al Calabria DemoFest 2011…

Primo brano di martedì 1 ottobre è “Un Uomo Navigato” di Roberto Vecchioni. Brano che apre il disco “Elisir” (pubblicato nel 1976), dove il tema conduttore di tutto l’album è il viaggio: l’atmosfera languida poi diventa più rock, strizzando l’occhio a Neil Young, Bob Dylan e Leonard Cohen. Ricordiamo che la copertina dell’album “Elisir” raffigura un prezioso gioco dell’oca, opera di Mario Vivono che ha allora elaborato un’idea di Michelangelo Romano, pignolo ottimo produttore.

Il secondo brano è “Senti Che Puzza” de L’Altroparlante  di Napoli. Punto alto del cd “Finchè c’è rete c’è speranza, dove si esalta il coraggio del rock politico e del rap militante di Gino Mangurno, il fulcro del progetto L’Altroparlante, emerso grazie ad Internet e del radio show Demo. Scritti e arrangiati da Gino Magurno, i brani contenuti in “Finché c’è rete c’è speranza” compongono una sorta di web album sia perché traggono ispirazione da notizie e commenti raccolti in rete sia perché alcuni di essi vengono pubblicati su cd dopo essere stati diffusi con successo sui principali social network.

Mercoledì 2 ottobre  come primo brano Giancarlo Passarella ci fa ascoltare “Black Betty” di Tom Jones. Adorabile brano dei Ram Jam del 1977, rifatto in maniera memorabile e soul da Tom Jones: la versione dei Meat Loaf è un’altra perla che si ricorda, ma questa del vecchio leone Tom Jones (come afferma Giancarlo) è da collezione.

L’altro brano che viene presentato è “La fine della storia” del cantautore parmense Francesco Camattini. Periodo difficile per i cantautori, sommersi dal commercio e dal soldo che canta al posto delle parole:  Camattini ci regala un bel cd tra Calderon de La Barca, Dylan Dog, Sofocle ed il jazz swing di Paolo Conte.

Primo brano di giovedì 3 ottobre è “Deviazioni” di Vasco Rossi. Siamo nel primo periodo del Blasco. …E non mi dire che sei puro come un giglio / che sei un padre perché c’hai un figlio… / credi che basti avere un figlio / per essere un uomo e non un coniglio / Quante deviazioni hai… L’artista ha già inciso 28 album (17 in studio, 9 live e 2 raccolte). L’ultimo singolo di Vasco Rossi è “L’uomo più semplice”. Presto il nuovo album.

Il secondo brano della giornata è “GroundMan” di TLeary. La band siciliana (chitarra in alluminio, basso, sinth, effetti, scratch, voce) è formata da dj DocTrashZ e Janpaolo Peritore, quest’ultimo coinvolto anche nel progetto “Mandragora”: 9 brani in un cd rumorista ed innovativo, un pò Devo ed anche Kraftwerk, ma i nomi a cui si ispirano sono davvero tanti… Tleary è progetto di Janpaolo “tleary” Peritore (chitarrista dei Mandragora e bassista dei TheSabucinaBoys). Nel 2004 Tleary registra una versione sperimentale (10′) di “Vegetable Man” di Syd Barrett, pubblicata nel vinile “Vegetable Man 10” project” (Ovni Records) dove figura anche Hugh Hopper (bassista di Syd Barrett). Tleary è stato invitato per la rinomata “Antologia italiana-Poeti Contemporanei” (ed. Libro Italiano).

Ed eccoci a venerdì 4 ottobre.  Il primo brano che Giancarlo Passarella ci fa ascoltare è la leggendaria “Mas Che Nada” di Sergio Mendes & Black Eyed Peas, portata al successo planetario nel 1966 nonostante fosse stata scritta tre anni prima da Jorge Ben: Sergio Mendes ha continuato a mietere successi anche negli anni successivi con il suo personalissimo stile contaminato da bossa nova, jazz, samba e pop. Divertente anche il testo utilizzato… “Meglio che niente / i Black Eyed Peas sono arrivati / per rendere tutto più infuocato / noi battiamo per coloro che iniziano la festa / bollendo come lava / come lava, riscalda come una sauna…”.

Il secondo, e ultimo brano, è “Jonathan” degli Algebra, band beneventana nata nel periodo buio del rock progressive degli anni Ottanta, anticipò tra alti e bassi, scioglimenti e riunioni la rinascita del neoprogressive. Ai componenti della prima ora, il cantante-chitarrista Mario Giammetti ed il tastierista Rino Pastore, si sono aggiunti il batterista Francesco Ciani, la sassofonista Maria Giammetti sorella di Mario, il fisarmonicista Roberto Polcino. Il disco ospita le voci di due esponenti del progressive italiano degli anni ’70 come Aldo Tagliapietra (Le Orme) e Lino Vairetti (Osanna), più il cantautore Goran Kuzminac e il rocker Graziano Romani. Suonano anche John e Steve Hackett, chitarrista dei Genesis…

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivete pertanto Cataldo Perri, L’Altroparlante, Francesco Camattini, TLeary e Algebra nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella e Roberto Vecchioni ad Eboli 2005; Cataldo Perri al Calabria DemoFest 2011; copertina singolo “Luomo più semplice” di Vasco Rossi
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!