Home » BACHECA WEB » Notte di San Lorenzo tra musica, poesia e stelle cadenti

Notte di San Lorenzo tra musica, poesia e stelle cadenti

L’appuntamento annuale, che ci vede protagonisti spettatori ad osservare l’universo nella quiete della natura, con lo sguardo fisso al cielo, è certamente il 10 di Agosto per una notte di San Lorenzo ricolma di feste e di desideri, che ci fanno sognare ed anche pensare alle canzoni dedicate a quest’evento: ”Notte di San Lorenzo” (1983) di Franco Simone ; “La notte di San Lorenzo” (di C.Sanfilippo 1995) cantata da Cristiano De André ; “…E stelle stan piovendo” (di M.Piccoli 1974) cantata da Mia Martini ; “É caduta una stella” (2006) di Luca Carboni ; “Notte dei desideri” (di Lorenzo Cherubini e Michele Canova 2011) cantata da Jovanotti ed altre ancora …

I versi poetici più noti dedicati a questa magica notte sono ad esempio: “Le stelle cadenti” del XV Canto del Paradiso di Dante Alighieri ; “10 agosto” di Giovanni Pascoli ; “Stella cadente” di Trilussa

 Purtroppo la notte scorsa, molti “guardoni” a caccia di stelle sono rimasti delusi con un fastidioso torcicollo e con un pugno di mosche !

 Io sono stata più fortunata, ma anche più previdente informandomi come ogni anno dalle previsioni ad esempio dell’astrofisica Margherita Hack e sono stata premiata: riposandomi solo alcune ore ed alzandomi di buon ora ho visto una stella cadente alle 4:20 circa di stanotte. (Millesimo-Liguri​a-prov.Savona)

 La data delle stelle cadenti (lacrime del Santo spagnolo Lorenzo) è il 10 agosto (giorno del suo martirio nel 258 in Roma). La pioggia meteorica delle Perseidi (cometa Swift Tuttle passata nell’800, nel 1992 e prossimamente nel 2126) varia da 20 a 100 avvistamenti all’ora con un picco massimo per il 12 e 13 agosto.

 Per essere sicuri di vedere le stelle cadenti ecco le “finestre buie” in cui la Luna è tramontata e sono più visibili in un cielo più buio:

Tra le 3:43 e le 6:12 del 11 agosto
Tra le 4:48 e le 6:13 del 12 agosto
Tra le 5:52 e le 6:14 del 13 agosto

 Non perdiamo gli appuntamenti 2011 visto che questo fenomeno sta diminuendo di anno in anno!
Buona meravigliosa visione e tanti desideri accontentati… speriamo per tutti!

 Ripropongo alla lettura i testi di “Stella cadente” di Trilussa e “Notte di San Lorenzo” di Franco Simone, quale diversa chiave di lettura di un incontro amoroso abbinato alla famosa notte estiva, perché scommetto quintali d’oro che, i desideri più segreti pronunciati nei nostri pensieri abbinati alla magica polvere di stelle, che appare e scompare in cielo, siano per la maggior parte dedicati all’amore.

 Stella cadente – 1951 – Trilussa 

Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d’agosto tanto belle
ch’er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
ad ognuna che casca penso spesso
a le speranze che se porta appresso.

Perchè la gente immagina sur serio
che chi se sbriga a chiede qualche cosa
finche la striscia resta luminosa,
la stella je soddisfa er desiderio;
ma, se se smorza prima, bonanotte:
la speranzella se ne va a fa’ fotte.

Jersera, ar Pincio, in via d’esperimento,
guardai la stella e chiesi:”Bramerei
de ritrovamme a tuppertù co’ lei
come trent’anni fa: per un momento.
Come starà Lullù? Dov’è finita
la donna ch’ho più amato ne la vita?”

Allora chiusi gli occhi e ripensai
a le gioje, a le pene, a li rimorsi,
ar primo giorno quanno ce discorsi,
a quela sera che ce liticai…
E rivedevo tutto a mano a mano,
in un nebbione piucchemmai lontano.

Ma ner ricordo debbole e confuso
ecco che m’è riapparsa la biondina
Quanno venne da me quela mattina,
giovene, bella, dritta come un fuso,
che me diceva sottovoce:”E’ tanto
che sospiravo de tornatte accanto!”

Er fatto me pareva così vero
che feci fra de me:- Questa è la prova
che la gioja passata se ritrova
solo nel labirinto der pensiero.
Qualunquesia speranza è un brutto tiro
de l’illusione che ce pija in giro – .

Però ce fu la mano der Destino:
perchè doppo nemmanco un quarto d’ora,
giro la testa e vedo una signora
ch’annava a spasso con un cagnolino.
Una de quelle bionde ossiggenate
che perloppiù ricicceno d’estate.

- Chissà – pensai – che pure ‘sta grassona
co’ quer po’ po’ de robba che je balla
nun sia stata carina? – E ner guardalla
trovai ch’assomigliava a ‘na persona…
Speciarmente er nasino pe’ l’insù
me ricordava quello de Lullù…

Era lei? Nu’ lo so. Da certe mosse,
da la maniera de guardà la gente,
avrei detto: – E’ Lullù sicuramente…-
Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse
richiusi l’occhi e ritornai da quella
ch’avevo combinato co’ la stella.

 Notte di San Lorenzo 1983 – Franco Simone

 NOTTE DI SAN LORENZO
DI AUTOGRILL E BENZINA
MA CHE NOTTE POVERA
SENZA UN CHIARO DI LUNA
AH AH AH
NOTTE CHE LA TRISTEZZA
SCENDE DALL’INFINITO
CUORE NON SALTARE MA IO
MI SENTO PERDUTO
NOTTE DI SAN LORENZO
NOTTE BUIA E SGOMENTO
MENTRE VIAGGIO DA SOLO
STANOTTE NON SONO CONTENTO
QUANTO E’ LUNGA L’AUTOSTRADA
MOSTRI COME CALAMITA
SE INCONTRASSI ADULTA
LA MIA FORTUNA
AL MIO FILM STANOTTE STANOTTE
CAMBIEREI QUALCHE SCENA
NOTTE DI SAN LORENZO
BATTI CUORE CHE CRESCE
QUESTA NOTTE E’ UNA NOTTE
STREGATA LA VITA FINISCE
SENZA STELLE NÉ LUNA
NEL SILENZIO DEL CIELO
QUESTA NOTTE
SPIETATA HA DECISO
DI TOGLIERSI IL VELO

NOTTE DI SAN LORENZO
MUOVI PIANO LE MANI
ARIA NUOVA IN MACCHINA TU
TU TI SVEGLI E MI CHIAMI
AH AH AH
NOTTE DI SAN LORENZO
SE TI HO FATTA SALIRE
SENZA NOME NE GUANTI DI SETA
ACCAREZZAMI IL CUORE
CAMBIA FACCIA L’AUTOSTRADA
MIELE DOLCE TRA LE DITA
DIECI STELLE TORNANO PER CADERE
PER CAPIRE TUTTA LA NOTTE
CI VOGLIONO MONTAGNE D’AMORE
NOTTE DI SAN LORENZO
IN UN AUTO CHE CORRE
UNA DONNA HA PORTATO IL PROFUMO
DI MILLE CHITARRE
NOTTE DI SAN LORENZO
MI ABBANDONO AL RICHIAMO
QUESTA STELLA CADUTA VICINO
MI PORTA LONTANO

 A conclusione ecco un mio piccolo aforisma:

Di San Lorenzo furono lacrime, 
oggi quel desiderio, di perle di serenità,
sempre sia vivo, nel cuore, nelle anime, 
dell’intera fragile e bizzarra Umanità. 

 By Simona Bellone 10 agosto 2011

 Ass. culturale caARTEiv – Millesimo – SV

http://www.caarteiv.it 

 San Lorenzo

http://it.wikipedia.org/wiki/San_Lorenzo

 ADN KRONOS Notte di San Lorenzo

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Notte-di-San-Lorenzo-piu-brillarella-che-mai-con-la-luna-che-esce-di-scena_797200974.html

 Orari per vedere le stelle cadenti:

http://www.ilsussidiario.net/News/Curiosita/2011/8/10/STELLE-CADENTI-Notte-di-San-Lorenzo-ecco-giorni-e-orari-ideali-per-l-osservazione/200005/

 Sciame meteorico delle Perseidi:

http://it.wikipedia.org/wiki/Perseidi

 Cometa Swift-Tuttle:

http://it.wikipedia.org/wiki/Swift-Tuttle

 ”Stella cadente” 1951 – Trilussa 

http://www.webalice.it/ugerco/autorivari/stelcad.htm

“Notte di San Lorenzo” 1983 – Franco Simone (Boario Terme BS)

http://www.facebook.com/video/video.php?v=2276422556077
(Simona Bellone)



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!