Home » NEWS FUORI REGIONE » Nota di Biagio Prisciano sul clima d’incertezza che si vive all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto

Nota di Biagio Prisciano sul clima d’incertezza che si vive all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto

Taranto. In considerazione dell’attuale momento storico del territorio, legato al clima di incertezza che si vive all’interno dello stabilimento dell’Ilva di Taranto, a causa della paventata decisione del Tribunale sulle emissioni nocive, la Fim Cisl di Taranto, attraverso l’esecutivo di fabbrica Ilva Biagio Prisciano, lo stato d’animo dei lavoratori carpito sulle varie postazioni di lavoro.

Un’attesa spasmodica, tra preoccupazioni e speranze. I lavoratori dell’Ilva di Taranto sembrano smarriti di fronte all’insistente susseguirsi di voci legate ad un’eventuale sequestro, da parte della magistratura, di alcuni impianti dello stabilimento in cui operano. Un insediamento produttivo importante e strategico per l’intero sistema industriale italiano, che merita la giusta attenzione.

Sicuramente ereditiamo l’assenza di una lungimiranza. È mancato, negli anni passati, la giusta sinergia, che oggi contribuisce a rendere difficile, il regolare svolgimento dell’attività. In quest’ottica, occorre evidenziare come in Italia, non vengono effettuate bonifiche da oltre 12 anni; a Taranto da circa 50 anni.

Per attuare una efficace attività di bonifica negli insediamenti industriali di Taranto, la terapia da seguire, non può essere un semplice analgesico, ma una intensa cura d’urto. Questa città, devastata da decenni da divisioni, furbizie e angherie, merita maggiore attenzione da parte di tutte le istituzioni.

Nonostante tutto, riteniamo fondamentale e praticabile, una prospettiva che coniughi l’intera produzione industriale dell’Ilva, tale da conservare il ciclo integrale, con la sua sostenibilità ambientale, finalizzata al bene supremo di tutta la comunità jonica.

Alla luce di questo nuovo scenario, il ruolo dei delegati sindacali in fabbrica è diventato ancor più problematico. Siamo in una fase anomala, senza precedenti per noi giovani lavoratori, in considerazione anche del cambio generazionale che lo stabilimento ha registrato sin dal 1997. C’è in campo il rinnovo del contratto dei metalmeccanici, ma questo all’Ilva di Taranto – tra i lavoratori – passa in secondo piano. La priorità assoluta degli stessi è difendere il posto di lavoro. In questo periodo, in cui le certezze sembrano crollare, la sicurezza di ogni singolo lavoratore, insieme a quella delle proprie famiglie, sembra essere messa in discussione, l’ipotesi di trovarsi a casa senza lavoro, suscita più interesse e preoccupazione, rispetto ad una piattaforma contrattuale.

Una situazione non certamente facile da affrontare. Sulle teste di ognuno di noi pende la paventata ordinanza di chiusura. In questa fase la magistratura, che ha un ruolo sovrano, merita certamente grande rispetto. Ognuno – Ilva compresa – nell’ambito delle proprie competenze, dovrebbe mettere in campo il proprio valore aggiunto, evitando inutili spaccature, favorendo quindi il raggiungimento della tanta invocata sostenibilità ambientale. In determinate situazioni, infine, credo che noi lavoratori non possiamo permetterci ogni tipo di distinguo, a partire dalle diverse colorazioni degli elmetti che indossiamo in fabbrica, riscoprendo l’orgoglio metalmeccanico.

Nella foto: Biagio Prisciano. (Fim Cisl di Taranto)
(N.B.)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!