Home » NEWS, PRIMO PIANO, SAVONA » Minaccia di morte sua sorella. Carabinieri lo arrestano a Borghetto Santo Spirito. Rinchiuso nel carcere di Imperia

Minaccia di morte sua sorella. Carabinieri lo arrestano a Borghetto Santo Spirito. Rinchiuso nel carcere di Imperia

Albenga. Pensava di rimanere impunito il pluri-pregiudicato 56enne, di origini palermitane, arrestato ieri a Borghetto Santo Spirito, dai Carabinieri della locale Stazione in collaborazione con i colleghi della Sezione Operativa di Albenga.

L’uomo con un pesante trascorso giudiziario (era uscito dal carcere soltanto due mesi fa) aveva ripreso a perseguitare e maltrattare la propria sorella pretendendo soldi in virtù di un debito inesistente connesso a questioni familiari.

Le minacce pesanti, reiterate ed esplicite  connesse alla indubitabile pericolosità sociale del soggetto avevano indotto i Carabinieri a richiedere la misura cautelare del “divieto di avvicinamento” immediatamente trattata dalla Procura nell’ambito delle procedure di “codice rosso” e subito emessa dal Gip. Contestualmente era iniziata una sorveglianza discreta della donna da parte dei Militari.

Nonostante l’applicazione della misura, l’uomo aveva continuato imperterrito a minacciare la sorella, promettendole di farla saltare in aria  e a seguirla. Ciò ha indotto  Carabinieri e Procura a richiedere la detenzione in carcere. L’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminare ha dato così l’ordine dell’immediato di  arresto. I Carabinieri hanno provveduto a notificare l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti e dopo neanche un’ora, si è ritrovato rinchiuso nel penitenziario di Imperia.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!