Home » NEWS FUORI REGIONE » Massafra. Seduta consiliare sulla questione ex “Ospedale”. Tanti gli interventi. Presente anche il direttore generale dell’ASL Taranto

Massafra. Seduta consiliare sulla questione ex “Ospedale”. Tanti gli interventi. Presente anche il direttore generale dell’ASL Taranto

Massafra. Si è tenuta ieri, 26 marzo, una seduta consiliare monotematica.  In apertura di seduta il presidente del Consiglio Comunale, Giandomenico Pilolli, ha introdotto i lavori evidenziando il perché di un Consiglio monotematico sulla questione ex “Ospedale” di Massafra, anche alla luce delle promesse fatte e allo stato attuale delle cose, non ultima la chiusura del laboratorio di analisi.

Alla seduta erano presenti il direttore generale della ASL di Taranto, dott. Fabrizio Scattaglia, il direttore amministrativo ASL, dott. Paolo Quarato e il dott. Gregorio Colacicco, direttore del Distretto Socio-Sanitario n. 2.

Primo ad intervenire è stato il capogruppo PD, Vito Miccolis, che in termini lapidari ha affermato: “rivogliamo il laboratorio di analisi”.

Il capogruppo Pelillo, nel contestare le scelte sanitarie assunte in sede regionale, ha chiesto a gran voce quella verifica puntuale sui servizi promessi a Massafra. “Pretendo (ha dichiarato Fernando Pelillo, capogruppo di “La Puglia Prima di Tutto”)) il diritto alla salute. Voglio capire perché in alcune comunità si fanno deroghe, mentre per noi non si mantiene quello che ci era stato promesso. Si attivi per il rientro del laboratorio di analisi”.

“Noi capiamo (ha detto il capogruppo “Unione di Centro” Vita Massaro) che dopo la chiusura del laboratorio andranno via da Massafra altri servizi importanti. Ora diciamo basta”.

Nicola Zanframundo ha chiesto il perché della chiusura del laboratorio.

Il capogruppo del SEL Maurizio Baccaro ha parlato dei servizi offerti attualmente dalla struttura sanitaria. “La chiusura del laboratorio (ha detto Baccaro) non intacca minimamente il servizio al cittadino. Il centro prelievi sarà operativo e pertanto non si può parlare di disservizio”.

Il capogruppo del PdL, Cosimo Giannotta ha posto l’indice sulle emergenze che si verrebbero a creare con la chiusura del servizio.

Il dr. Scattaglia ha parlato di norme nazionali che prevedono per ogni ASL un unico laboratorio, di tutela per tutti i cittadini in egual misura, di evoluzione della tecnologia e di accessibilità al servizio.

Il direttore ha dichiarato che nessun disagio sarà subito dal cittadino ed i tempi di “analisi per l’utente” continueranno ad essere gli stessi.

“Per Massafra, al di fuori del laboratorio analisi (ha evidenziato Scattaglia) non è previsto altro taglio”.

Il direttore si è anche soffermato sul numero dei posti- letto e sul potenziamento della rete territoriale.

Il direttore del Distretto Socio-Sanitario n. 2, dr. Colacicco, si è soffermato sui futuri progetti della ASL e su come questa stia puntando molto sul Centro Polifunzionale Territoriale, sulla “Casa della Salute”, sulle professionalità che operano all’interno del presidio sanitario di Massafra.

Miccolis, replicando, ha parlato di accanimento nei confronti dei cittadini massafresi e ha enunciato i probabili disagi che invece subiranno i cittadini con la chiusura del laboratorio di analisi. Pelillo ha chiesto di bloccare il provvedimento di chiusura del laboratorio e di verificare la possibilità di potenziare i servizi a Massafra.

La seduta è stata chiusa dal sindaco Martino Tamburrano che ha invitato ad incontrare il nuovo assessore regionale alla Sanità per individuare condizioni diverse e pretendere una riprogrammazione dei servizi sul territorio. Il sindaco ha stigmatizzato il comportamento della ASL che ha avviato un provvedimento importante senza confrontarsi né avvisare la Città. “La chiusura del laboratorio (ha detto Tamburrano) è un segnale che va letto in modo approfondito e al quale non si può rimanere indifferenti”.

Dopo una sospensione, il sindaco ha proposto ai vertici della ASL di sospendere il provvedimento di chiusura del laboratorio e di aggiornare a mercoledì 3 aprile 2013  un incontro con i capigruppo consiliari, presso la direzione generale, finalizzato alla risoluzione delle ultime problematiche connesse al Presidio Sanitario massafrese.

“Inoltre è intendimento (ha detto Tamburrano) di allargare il “tavolo di lavoro” in sede regionale”).

Fabrizio Scattaglia si è riservato di fornire, entro 24 ore, una risposta alla proposta del sindaco, votata all’unanimità dal Consiglio.

Nella foto un momento della seduta comunale, mentre parla il dott. Scattaglia.
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!