Home » NEWS FUORI REGIONE » Massafra. Sabato 4° appuntamento della Rassegna Letteraria “Risvegli”. Presentazione libro postumo di Luca Orioli “Il mio nome è Luca Orioli” (Giuseppe Laterza Ed.)

Massafra. Sabato 4° appuntamento della Rassegna Letteraria “Risvegli”. Presentazione libro postumo di Luca Orioli “Il mio nome è Luca Orioli” (Giuseppe Laterza Ed.)

Massafra. Sabato 21 giugno (ore 19.30) presso il Teatro Comunale “Nicola Resta” si terrà il 4° appuntamento della Rassegna Letteraria “RISVEGLI”. A cura dell’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con “Il Ventaglio”, viene presentato il libro  “IL MIO NOME E’ LUCA ORIOLI” (Giuseppe Laterza Ed.) E’ il libro postumo di Luca Orioli, una raccolta di poesie (a cura di Franca Coppola e Isabella Urbano) con introduzione di Olimpia Fuina Orioli, scritte dal giovane dal 1981 al 1988, l’anno in cui è morto in circostanze tragiche e non chiarite, precisamente nella notte del 23 marzo. Contributi di Olimpia Fuina Oorioli, Barbara Benedettelli, Don Marcello Cozzi e Mario Santoro.

C’è una verità che vogliamo sussurrare, a bassa voce, la voce di Luca, che ho custodito gelosa in tutti questi anni e che spero oggi possa diventare ricchezza per tanti giovani – dice mamma Olimpia – la fedeltà a quella verità non ha accettato rimaneggiamenti, correzioni alle poesie: quella è la voce di Luca, autentica e dirompente

Luca Orioli non è solo il “fidanzatino di Policoro”. Il nome di Luca per la prima volta, a 25 anni dalla sua tragica scomparsa, esce dalle cronache giudiziarie, dalle battaglie per le verità negate, per dire la sua, raccontare i pensieri e l’amore per la vita di un giovane come tanti, nel modo che riesce a pochi: la poesia.

La presentazione di “Il mio nome è Luca Orioli” segna un nuovo inizio: raccontare Luca a partire dalle sue parole, dalle sue poesie, dalla sua vita, e non dal giorno della sua morte -

Interverranno: Giovanna Greco (direttore artistico de “Il Ventaglio”, Caterina Laterza  (responsabile Edizioni Laterza).

La declamazione di alcune poesie di Luca sono affidate a Giancarlo Luce (direttore artistico della residenza teatrale “TeatriAbitati”) e a Francesco Casulli (direttore artistico della Compagnia teatrale “LA RUPE”). Momento di danza a cura dell’A.S.D. LIBERDANZA di Massafra.

Coordina l’editore e giornalista Antonio Dellisanti.

All’incontro, sarà presente Olimpia Fuina Orioli, madre di Luca

Pubblichiamo qui di seguito, fornitaci dall’addetto stampa della rassegna, Marilina Mastrangelo, una nota, tratta da “Il Metapontino (a firma di Gianluca Pizzolla).


I dubbi di Olimpia Fuina-Orioli e la perizia dell’anatomopatologo, Francesco Introna. Su questi due elementi si è intrecciata la disputa più recente sulla morte dei Fidanzatini di Policoro, Luca Orioli (figlio di Olimpia) e Marirosa Andreotta, trovati morti a Policoro il 23 marzo del 1988 nel bagno della casa della ragazza. La mamma di Luca, con un nuovo pool di periti, ha avanzato sospetti sulla perizia di Introna, la donna, tra gli altri aspetti, ha messo in discussione che la salma analizzata fosse quella del figlio (ipotesi respinta da Introna che ha fatto riferimento all’esistenza dei filmati dei Carabinieri che hanno documentato tutto).

Nella sua perizia, l’anatomopatologo ha ricostruito i fatti, fatte le puntualizzazioni del caso, evidenziato alcune riserve e cautele, spiegate le modalità con cui è stato ricercato il monossido di carbonio, il gas killer che avrebbe ucciso Luca e indotto in Marirosa un malessere tale da determinare la caduta della ragazza, durante la quale si sarebbe verificato l’urto nucale contro la manopola del rubinetto, e l’annegamento terminale avvenuto nella vasca.

Luca, stando alla perizia, avrebbe tentato di soccorrere la fidanzata, ma era astenico, anche lui aveva inalato il gas killer. Ha provato a prendere Marirosa da una gamba ma è sopravvenuto il coma: si accascia a terra fino alla morte.

LA RICOSTRUZIONE

- La madre di Marirosa quando entrò in casa trovò il riscaldamento centralizzato in funzione. Circostanza che “meravigliò” la signora: Marirosa, in casa, avrebbe dovuto spegnerlo. Nel corridoio vide il riflesso della luce proveniente dal bagno, sentì distintamente il rumore del caldobagno in funzione e, aperta la porta, notò il corpo della figlia all’interno della vasca con la testa sommersa. Istintivamente azionò la manopola per il deflusso dell’acqua dalla vasca. (Rapporto 142/2 CC Policoro, deposizione acquisita alle ore 00,30 del 24.3.1988). In altri documenti processuali (missiva del 19.5.1995 inviata al P.M.) la porta del bagno parrebbe essere stata descritta come socchiusa.

- La temperatura ambientale in casa era elevata al momento dell’arrivo di Luca Orioli e Marirosa Andreotta perché l’impianto autonomo di riscaldamento, posto in “manuale”, era in funzione.

- L’impianto autonomo di riscaldamento presentava caldaia e bruciatore in un vano tecnico esterno alla casa (Perizia Strada).

- La temperatura nel bagno al momento del rinvenimento delle salme era elevata (stimata sui 30°C perizia Lattarulo Sansotta + perizia Giordano). Al momento del rinvenimento delle salme, nel bagno vi era un termosifone in attività (connesso con l’impianto centralizzato della casa cfr perizia Lattarulo Sansotta) ed un termoventilatore elettrico (caldobagno) in funzione con l’interruttore del termostato inserito sul “Manual” a 1000 Watt e regolazione della temperatura fissata sul valore massimo possibile (valore 6) (CFR verbale dei CC, perizia Strada).

- L’impianto elettrico era funzionante e non vi era stato alcun cortocircuito.

- Le indagini successive evidenziarono una perfetta funzionalità sia dell’impianto elettrico che del Caldobagno che non mostrò alcuna potenzialità di dispersione alettrica, neanche in seguito a test esasperati. (Cfr Perizia Valecce, ctp Pugliese)

- Anche gli accertamenti sull’impianto elettrico parrebbero aver la normalità dello stesso.
– La caldaia per il solo riscaldamento dell’acqua era posizionata nel bagno,al di sopra della vasca e presentava oggettivi segni di affumicatura (documentati iconograficamente) in corrispondenza della ispezione della fiammella pilota (cfr documentazione iconografica perizia Strada, consulenza UACV 2009).
– L’impianto per il riscaldamento dell’acqua non era a norma per l’assenza nel vano ove era locata la caldaia (bagno), di alcun sistema di ventilazione esterna (cfr Consulenza Strada-Mastrantonio)
– Nessuna perizia tecnica fu mai disposta sullo stato e sul funzionamento della caldaia a gas presente nel bagno per il riscaldamento dell’acqua nell’immediatezza degli avvenimenti ovvero prima che la stessa fosse spostata.

- La giacca di Luca Orioli era appesa ad una sedia in cucina

- Non è chiaro chi posizionò i jeans di Luca sul bacino per occultare i genitali, né ci è dato sapere dove fossero locati i Jeans prima di essere posti sui genitali dell’Orioli.

- Dalla documentazione iconografica parrebbe che almeno la scarpa destra ed uno o due calzini dell’Orili fossero nel bagno.

Non ci è dato sapere dove fossero i vestiti di Marirosa indossati all’arrivo a casa.

- Il pigiama celeste a tuta, uno slip bianco, che (?) paia di collant, la maglietta intima di Marirosa, le ciabatte, l’orologio, il reggiseno ed un bracciale erano variamente disposti in sostanziale ordine, nell’interno del bagno.

- Al pari del bagno oltre alla scarpa destra e a un calzino era presente la camicia e la maglietta intima dell’Orioli. Sulla base di questi dati circostanziali e alla “luce dei seguenti paletti di riferimento medico legale: “il fungo mucoso per la salme rinvenute può essere considerato un segno fortemente indicativo per un annegamento […] Nella intossicazione da monossido di carbonio il fungo schiumoso è di raro riscontro e ove presente è connesso con l’edema polmonare dovuto, in parte, anche all’azione tossica del CO sugli alveoli polmonari; nell’intossicazione mortale da CO, il lasso di tempo intercorrente fra l’esposizione al gas e la perdita di conoscenza dipende dalla concentrazione di CO nell’aria inalata […] Dalla perizia Fedele-Mastrantonio si evince che in presenza di una caldaia a gas contraddistinta da un malfunzionamento ipotizzato lieve, sarebbero stati sufficienti 50 minuti di esposizione continuativa per indurre una sintomatologia significativa nei due giovani in assenza di particolare attività fisica. La concentrazione ambientale di CO, direttamente proporzionale ai di tempi di funzionamento de all’entità del malfunzionamento della caldaia, il tempo di esposizione e l’attività fisica espletata, rappresentano le tre principali variabili dipendenti interconnesse ne determinismo degli eventi […]. Tutto ciò supponendo comunque che la porta del bagno era chiusa o socchiusa.

Da queste premesse, Introna ha scritto che: “Luca e Marirosa si recano insieme in casa Andreatta e decidono di fare la doccia insieme. La casa è già calda ma Marirosa non spegne il riscaldamento verosimilmente per creare una condizione confortevole anche dopo il bagno. Luca inizia a spogliarsi in cucina e sposta il caldobagno nel bagno dove lo accende a mezza potenza in posizione manual. Verosimilmente viene aperto il rubinetto dell’acqua calda e chiusa la porta sì da favorire nell’interno del bagno un piacevole ambiente caldo-umido. Marirosa verosimilmente si spoglia in camera sua ed entra nel bagno con il pigiama a mò di tuta. Entrambi i ragazzi chiudono o socchiudono la porta e iniziano a spogliarsi mentre la vasca si sta riempendo.

Marirosa entra nella vasca con acqua calda e mentre sta in piedi, apre il doccino ed inizia a docciarsi. La caldaia continua ad essere in attività. Luca non entra nella vasca e dopo essersi spogliato aiuta Marirosa. Non è dato sapere né quanto tepo i due ragazzi trascorrono nel bagno con la caldaia in attività, né cosa fanno nel frattempo certo è che abbondanti schizzi d’acqua finiscono sul pavimento del bagno. La vasca continua a riempirsi. Non ci è dato sapere quando la caldaia smette di funzionare per la chiusura del rubinetto dell’acqua calda. Del tutto attendibilmente ad un certo punto Marirosa inizia a sentirsi male, verosimilmente con la doccia ancora in funzione, perde conoscenza e cade nella vasca, verosimilmente offrendo le spalle al muro su cui è locata la caldaia.

In fase di caduta impatta il capo contro la manopola del rubinettto procurandosi la ferita lacera a livello occipitale. Luca cerca di aiutarla, chiude il rubinetto dell’acqua, cerca di estrarla dalla vasca tirandola per la gamba destra, altra acqua cade sul pavimento ma Luca è astenico, fiacco a causa del CO inalato e si accascia al suolo ove, in coma continua ad inalare CO fino alla morte, mentre Marirosa muore annegata nella vasca da bagno. La porta, verosimilmente socchiusa consente quindi di disperdere la concenrtazione ambientale di CO negli ambienti circostanti”.

LA RICERCA DEL GAS KILLER

Le salme di Luca e Marirosa presentavano strutture muscolari ancora riconoscibili sebbene mummificate. (Deciso viraggio peggiorativo con evoluzione verso la prescheletrizzazione e mummificazione dei tessuti molli residui). Per questo motivo il sistema di indagine scelto da Introna è stato quello di cercare il CO legato alla mioglobina mediante metodi di microdiffusione e fissazione. La tecnica è diversa da quella scelta da Umani Ronchi e De Zorzi nel 1996 quando fu eseguita la prima autopsia.

Anche gli esiti sono diversi. Si legge nella perizia: “Alla luce della negatività delle indagini condotte dal prof Umani Ronchi e dei campioni biologici disponibili si è effettuata un’indagine mediante ricerca elettiva del CO inglobato nei tessuti muscolari profondi mediante reazione chimica con cloruro di palladio in soluzione acida. L’indagine così condotta, su ileopsoas e sul muscolo femorale, ha costantemente evidenziato nella salma di Luca Orioli la presenza di di CO in misura media di 0,702 per cento grammi di tessuto muscolare testato”. Valori più modesti sono stati ritrovati nel corpo di Marirosa: 0.06 g%. Quanto basta per “supporre concretamente che anche Andreotta Marirosa inalò monossido di carbonio prima di morire”.

Per informazioni: Giornalista Marilina Mastrangelo -  Cell- 3498851313: e-mail:  marilinamastrangelo@libero.it; marilinamastrangelo@alice.it

Nella foto la copertina del libro.
(Nino Bellinvia)



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!