Home » NEWS FUORI REGIONE » Massafra. In primo piano nella seduta consiliare dell’8 ottobre la “raccolta differenziata”

Massafra. In primo piano nella seduta consiliare dell’8 ottobre la “raccolta differenziata”

Massafra. Le problematiche inerenti allo stato d’attuazione della “raccolta differenziata” hanno occupato gran parte della seduta consiliare di ieri, 8 ottobre, che in alcune fasi è stata molto “animata”.

Il consigliere Pelillo ha evidenziato come la discussione sarebbe servita a chiarire, senza polemiche, cosa sia necessario per rendere più efficiente la “raccolta”. L’assessore al Servizio R.S.U., Raffaele Gentile, ha ripercorso le situazioni che hanno generato quella attuale, partendo dalla lunga revisione contrattuale venuta fuori in seguito alla gara di appalto. L’assessore ha sottolineato come vi siano alcuni atteggiamenti che impediscano la normalizzazione della “raccolta porta a porta totale”. Alcune delle criticità verificatesi (ha continuato Gentile) dopo nostri suggerimenti stanno pian piano rientrando. Stiamo pensando alla modifica del calendario, soprattutto per quanto riguarda la doppia tipologia, come ad esempio la raccolta della “plastica”. E’ prossima all’appalto (ha affermato l’assessore) la realizzazione di sei isole ecologiche interrate, dove sarà possibile pesare e ricevere dei “bonus” da utilizzare in un circuito commerciale.

Altri punti trattati da Gentile sono stati quello del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti per strada e del costo della revisione contrattuale ammontante a 250.000 euro. Questo servizio (ha concluso l’assessore) con gli accorgimenti proposti, con un miglioramento dei mezzi e un maggiore impegno e senso civico potrà andare a regime.

Il dirigente del Settore Ecologia, arch. Luigi Traetta, ha affermato che, in poco meno di due mesi, la percentuale di raccolta differenziata si è assestata al 40%. Traetta ha ricordato che entro il 31 dicembre 2014, bisogna raggiungere la quota del 65% per non subire un aggravamento con la ecotassa.

Il consigliere Putignano ha proposto la sostituzione del “porta a porta” con la messa a dimora di numerose isole ecologiche nelle varie zone cittadine e con la creazione di un incentivo economico per i cittadini.

Miccolis, nel chiedere le dimissioni di Gentile, ha parlato di danno alla collettività ed ha puntato l’indice contro l’amministrazione per il modo in cui gestisce il servizio, per come l’assessore competente abbia scaricato su altri le responsabilità e per l’aggravio di costi per i cittadini.

Zanframundo ha chiesto un approfondimento nell’elaborazione della rimodulazione del calendario. Le criticità rimangono (ha concluso Zanframundo) ma il sistema di raccolta differenziata è perfettibile.

Baccaro ha detto che è una “follia” fissare per tutta la città lo stesso calendario di raccolta ed ha chiesto un meccanismo incentivante per chi differenzia (tariffa puntuale). Gli sconti (ha continuato Baccaro) vanno applicati per la tassa degli anni successivi e occorre rivedere il sistema, applicando quanto già approvato in merito dal Consiglio.  Baccaro ha chiesto le dimissioni del sindaco.

E’ un fallimento totale (ha detto il consigliere Mazzarano) del modello pensato ed è il momento di prenderne atto, ripensandolo. I cittadini (ha concluso il consigliere) vedono il combinato fra le tasse che arrivano e l’igiene davanti alle proprie abitazioni. Pelillo si è soffermato sulla diversità d’impostazione tra capitolato e quanto approvato in Consiglio, tra la data di inizio fissata ed il reale avvio del servizio. Il consigliere ha parlato di mancanza di studi di settore necessari a risolvere le varie problematiche. Miraglia, parlando di disorganizzazione, ha chiesto che il numero verde dell’azienda sia effettivamente operativo.

Il sindaco Tamburrano è intervenuto nella discussione mettendo in luce il lavoro dell’amministrazione e un affaticamento della struttura. Il sindaco si è reso disponibile alla più ampia collaborazione, finalizzata alla risoluzione delle problematiche in atto, nella certezza di raggiungere una normalizzazione del servizio.

Gentile ha replicato ribadendo le proposte presentate precedentemente in Consiglio ed ha rimandato alla commissione competente il loro approfondimento.

Con 13 voti favorevoli e 1 astenuto è stato approvato il regolamento per l’utilizzo in concessione delle palestre scolastiche.

Approvato anche il progetto definitivo ai fini espropriativi della rete idrica in località “Parco di Guerra”.

Nel corso del dibattito il sindaco Tamburrano si è soffermato brevemente sulla sua nuova carica a presidente della Provincia di Taranto, evidenziando come la sua elezione vada al di là della propria appartenenza e sia finalizzata al “bene” del territorio.

Nella foto di Luigi Serio un momento della seduta consigliare.
(N.B.)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!