Home » NEWS FUORI REGIONE » Massafra. Il 23 marzo nell’Antica Chiesa Madre concerto di musica sacra con canti gregoriani finalizzato al restauro volume stampato nel 1759

Massafra. Il 23 marzo nell’Antica Chiesa Madre concerto di musica sacra con canti gregoriani finalizzato al restauro volume stampato nel 1759

Massafra. Sabato 23 marzo, alle ore 19.00, Concerto di musica sacra con canti gregoriani, finalizzato al restauro del volume “Antiphonarium Romanum de Tempore et Sanctis” stampato nel 1759, nell’Antica Chiesa Madre (grazie alla gentile concessione del Rettore Mons. Prof. Cosimo Damiano Fonseca), nella quale mesi addietro si sono conclusi i lavori di restauro della “sontuosa Cappella” settecentesca, restauri tenacemente e finanziariamente voluti da Comasia Fonseca  ed inaugurati da un indimenticabile concerto-preghiera di Al Bano.

Il concerto sarà tenuto dal Coro musicale-culturale “Resurrexi” ( fondato presso il Conservatorio “Duni” di Matera)  diretto da Daria Palmisano. All’organo il maestro di fama internazionale Gian Vito Tannoia, considerato un organista dalla formazione completa.

Il concerto (la grafica del manifesto e dell’invito è stata curata dal Maestro Nicola Andreace) è promosso dall’U.P.G.I., FIDAPA,  Lions Club “Le Cripte” Massafra-Mottola, Biblioteca Comunale Assessorato alla Cultura, Consulta delle Associazioni e Associazione Culturale Musicale “Resurrexi”. Collaborazione, inoltre, delle Associazioni: LA.TO.GA., Associazione Teatrale La Rupe, Circolo Filatelico “A. Rospo”, Segmenti d’Arte, Archeogruppo “E. Jacovelli”, Lega Ambiente, Terra di Puglia, Leo Club “Le Cripte” Massafra-Mottola, Pro Loco, Associazione Teatrale il Ventaglio e Presidio del Libro. Collaborano anche i Fratelli Eramo (Commercio carni) di Via Lamarmora e di Corso Roma.

L’iniziativa, finalizzata al restauro del volume sopra citato, non è improvvisata ma legata all’attenzione che Massafra dimostra di avere da sempre per i libri.

Il concerto vuole richiamare l’attenzione sul lascito dei Cappuccini e sul suo iniziale recupero.

Del Convento dei Cappuccini di Massafra non si conosce la data precisa di costruzione, che comunque (come ci precisa il prof. Gino Convertino, presidente dell’UPGI) è da porre non dopo gli anni ottanta del Cinquecento. La  tradizione locale, infatti, fissa la data al 1580. Quel convento fu un luogo nel quale era evidente la povertà evangelica rivendicata dalla riforma dell’Ordine francescano determinata nel 1528 da Matteo Bassi di Carpegna. Ma la povertà del luogo non impedì al convento di qualificarsi come luogo di alta cultura, perché vi venne fondata la più antica Biblioteca di cui si ha notizia per Massafra. In quella biblioteca vi furono non solo libri di argomento sacro, ma anche moltissimi libri riguardanti le scienze “profane” come la matematica e la geometria, e molti di quei libri, in pregevoli edizioni cinquecentine, sono giunti fino a noi. L’eredità è pervenuta al Comune di Massafra in modo fortunoso quando subito dopo l’Unità, lo Stato che aveva bisogno di recuperare le ingenti spese delle Guerre d’Indipendenza, con un atto di assai discutibile base giuridica, confiscò i beni della Chiesa. I risultati furono fallimentari. A nulla valse ai Cappuccini di Massafra di essere stati fieramente anti-borbonici e filo unitari; dovettero anch’essi abbandonare il loro convento che venne assegnato al Comune di Massafra, che ne ereditò anche la ricca biblioteca. I libri, probabilmente però già saccheggiati (come specifica ancora il prof. Convertino) vennero trasferiti nel salone consiliare del Comune e lì conservati per decenni, insieme con un centinaio di volumi della Biblioteca Circolante costituita dagli insegnanti Giovanni Albanese e Giuseppe Nardone delle scuole elementari di Massafra e realizzata da Raffaele Grippa. Lì rimasero a lungo dormienti finchè negli anni cinquanta quel patrimonio librario non fu trasferito in un apposito ampio locale costruito nella Gravina di San Marco accanto al ponte Garibaldi. Furono gli anni d’oro della biblioteca, curata da Paolo Catucci e Attilio Caprara. Passata la direzione, la biblioteca si spense e i libri furono ammassati in locali aperti agli agenti atmosferici . Tornata a nuova vita ad opera di Loris Rossi dopo vari pellegrinaggi per locali diversi la biblioteca è infine approdata nel Castello medioevale e dispone di un patrimonio di circa 20.000 (ventimila) volumi di cui gli 836 del Fondo Cappuccini sono il fiore all’occhiello.

Si tratta di volumi databili tra il 1500 e il 1830, attualmente illeggibili, ma integri, rovinati dall’umidità, che i dipendenti regionali, assegnati al Comune di Massafra ed operanti nella Biblioteca Comunale, hanno opportunamente inventariato e catalogato.

Il loro recupero e la loro restituzione alla lettura e allo studio dei cittadini passano attraverso un forte investimento, che da una prima indagine di mercato si aggira su un milione di euro.

Siamo in tempi di  magra; le casse delle istituzioni pubbliche sono  vuote, comunque il recupero dei libri che compongono il Lascito si fa urgente. Si sono mosse le associazioni  che  indicano l’unico percorso utile: sensibilizzare la pubblica opinione,  fare appello ai cittadini. Un piccolo gesto di generosità fatto da  tutti potrà creare il fondo necessario per restituire alla comunità il suo patrimonio.

Si chiede “Un gesto di amore per il nostro patrimonio culturale”.

Da sottolineare che Il Lions Club “Le Cripte” Massafra-Mottola ha già stanziato 2.000,00 euro per il recupero dell’Antifonario che verrà esposto durante il concerto. Porteranno il saluto mons. Prof. Cosimo Damiano Fonseca (rettore dell’Antica Chiesa) e il sindaco dott. Martino Carmelo Tamburrano.

A quanti interverranno al concerto ed ai nostri lettori ci piace ricordare che l’organista M° Gian Vito Tannoia è stato l’unico italiano finalista ai Concorsi Internazionali di Praga (1989) e Dublino (1995), nonché vincitore della prima borsa di studio al Corso internazionale di improvvisazione organistica e del 2° premio al Concorso Nazionale di organo antico di Rodi Garganico (FG).

E’ considerato un organista dalla formazione completa grazie anche agli studi musicologici (laurea in Lettere), musicali (diplomi di organo, composizione organistica, fisarmonica classica) e teologici (Facoltà Teologica Pugliese).

Nel 2004, in occasione di un concerto in Germania la critica del Main Post esprimeva entusiastici consensi sulla sua musicalità. Anche il celebre compositore Peter Eben si è particolarmente congratulato in occasione dell’esecuzione di Laudes a Praga nel 1989.

Unisce profondità espressiva a virtuosità, privilegia in particolare il repertorio organistico del XX secolo ed esegue abitualmente brani dal XVI secolo in poi. Ha collaborato in veste di solista con orchestre prestigiose: Orquesta Sinfonica Municipal de Caracas (Venezuela), “Orchestra da camera di Ravenna”, Moldovan State Television Orchestra, Collegium Musicum, Orchestra N. Piccinni.

E’ regolarmente invitato a tenere récitals e concerti su famosi organi in Europa (Londra Westminster Cathedral, Oxford, Barcellona, Madrid, Praga, Parigi, Roma, Ravenna, Londra, Varsavia, ecc.), Asia e America. In occasione della Celebrazione Giubilare presieduta da Giovanni Paolo II in S. Paolo fuori le Mura (Roma) è stato invitato in veste di organista a collaborare con l’orchestra Esagramma di Milano (trasmissione diretta in mondovisione).

Ha al suo attivo pubblicazioni di libri, composizioni e saggi. Come organista ha eseguito l’opera integrale di Olivier Messiaen e di W. A. Mozart.

Svolge attività di docenza quale titolare della cattedra di Organo e Canto Gregoriano presso il Conservatorio di Musica di Matera (vincitore del concorso nazionale per esami).

Nelle foto: Mons. Cosimo Damiano Fonseca, Accademico dei Lincei, in una foto di Giovanni Monaco; l’organista M° Gian Vito Tannoia; il manifesto.invito dell’evento, opera dell’artista Nicola Andreace.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!