Home » NEWS FUORI REGIONE » Martedì 23 settembre esce “Una nave in una foresta” dei Subsonica

Martedì 23 settembre esce “Una nave in una foresta” dei Subsonica

Milano. “La foresta ci indica lo smarrimento che ci circonda: noi guardiamo all’indietro con lucidità e disincanto ma con il tentativo di riflettere sugli attuali stati d’animo, guardando al futuro perché non ci possiamo permettere di fuggire e non pensare di salvaguardare il nostro ambiente naturale”.

É il grido di dolore lanciato dai Subsonica alla presentazione del loro nuovo album “Una nave in una foresta”, in uscita martedì 23 settembre nei negozi di dischi e negli store digitali per Universal.

Sanuel, Boosta, C Max, Ninja e Vicio hanno realizzato un album con dieci storie di persone che combattono, sperano, attendono un cambiamento, sfidano il precipizio, facendo affidamento sulle proprie risorse, una lettura individuale del presente e non individualista.

“Abbiamo realizzato un lavoro di ricongiunzione dal disco precedente e rappresenta un riallineamento delle nostre creatività – ha detto Samuel – Dopo diciotto anni che siamo insieme, abbiamo rimesso in moto questa macchina, ci siamo raccontate tante cose e ritrovati gli stimoli per scrivere e fare un disco, con i tempi dilatati che abbiamo fra uno e l’altro. Il lato positivo è che non abbiamo smarrito la nostra via, non essendoci chiusi nella ricerca, ma per provocarci con la voglia e la passione di sempre, elementi che si sono incastrati mettendo in campo tante energie, organicità a livello musicale.

Il disco si fa ascoltare per le pulsazioni profonde, i suoni avvolgenti che oscillano tra il fascino della penombra e la luce piena.

“É nato in una casa in piena foresta – ha rivelato Ninja – L’ho visto nascere da cuoco, perché mi piace cucinare: unire cinque caratteristiche differenti è stato il nostro obiettivo e in questo cd vedo una maggiore consapevolezza che siamo un vero gruppo”.

L’album ha debuttato in preorder su iTunes direttamente al primo posto della classifica dei dischi più venduti.

“Tutto il lavoro rappresenta l’onestà nel dialogo con chi ci segue – ha ammesso Boosta – Abbiamo cercato di costituire qualcosa di nuovo, raccolto sfumature e immagini per raccontare il presente, le persone, gli attori di questo nostro poema, che sono collegati da questo desiderio e obbligo di vivere il presente”.

I brani “Di domenica”, “Una nave in una foresta” e “I cerchi degli alberi” sono entrati direttamente ai primi tre posti della classifica.

“Il desiderio di ricerca non preclude a cercare che la musica sia un contenitore ma anche un racconto, una cornice musicale di profonda riconoscibilità – ha aggiunto C Max – Nel nostro dna c’è la ricerca, vedere sviluppata la canzone e partiamo dai grandi del passato come Battisti. Parlavamo di assenza del futuro nell’album precedente ma ora abbiamo la consapevolezza di potercela fare con le nostre forze, nonostante il buio che ci circonda, perchè dopo la tempesta c’è la calma”.

L’album si chiude con “Il terzo Paradiso”.

“Questo brano ospita Michelangelo Pistoletto, uno dei massimi protagonisti dell’arte contemporanea – ha accennato Samuel – Ci ha voluto coinvolgere nella sua opera planetaria “Terzo Paradiso” e il pezzo tratta delle necessità di unire il primo del legame uomo-natura al secondo dell’emancipazione tecnologica con i rischi che comporta per la salute del nostro habitat. Il terzo Paradiso ci deve fra riflettere sulle nostre capacità di essere tecnologici per entrare in una nuova relazione con la natura, l’ambiente e il futuro del nostro pianeta”.

I Subsonica andranno in tour in alcuni palasport italiani, il 31 ottobre a Jesolo, il 1 novembre a Pesaro, il 7 a Napoli, l’8 a Bari, il 13 a Torino, il 15 a Verona, il 21 a Roma, il 27 a Bologna, il 28 a Firenze, il 29 a Genova e il 1 dicembre.

“Dal vivo saremo supportati da una tecnologia molto innovativa, con molta trasparenza, e la novità per l’Italia delle luci led – ha anticipato Vicio – Il pubblico interagirerà con noi, protagonista di un progetto artistico molto all’avanguardia e uno spettacolo accessibile sotto l’aspetto economico; il palco è la parte che ci piace di più, perché il concerto non è virtuale come può essere un disco scaricabile: il pubblico è davanti, con noi sul palco”.
(Franco Gigante)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!