Home » MUSICA, SAVONA » Le stelle della sera, l’ Ensemble de Harpes Sébastien Érard a Laigueglia

Le stelle della sera, l’ Ensemble de Harpes Sébastien Érard a Laigueglia

Laigueglia. Si aprirà venerdì 1 luglio alle ore 21.15 la rassegna culturale Di Voci e d’Accordo, promossa e organizzata dalla Parrocchia di San Matteo, con un’eccezionale presenza, quella del quartetto di arpe Sébastien Érard composto da Mara Galassi, Elena Spotti, Ann Fierens, Chiara Granata.

Sébastien Érard, liutaio francese vissuto tra il XVIII e il XIX secolo, raggiunge la notorietà grazie all’invenzione di un sofisticato meccanismo a pedali tutt’ora utilizzato dai moderni fabbricanti di arpe, le cronache dell’epoca raccontano della perfezione dei suo strumenti, primi nel mondo per perfezione e innovazione. E saranno proprio quattro arpe Érard, datate tra il 1816 e il 1829 e provenienti da Parigi e Londra, a impreziosire il concerto del 1 luglio.

Il repertorio de Le stelle della sera, comprenderà una serie di brani ispirati a Napoli: oltre a Georg Friedrich Haendel con la Chaconne in re minore, si ascolteranno infatti brani di Domenico Scarlatti, Giovanni Caramiello e Lauro Rossi, musicisti dell’area partenopea vissuti in epoca Barocca (Scarlatti) e moderna (Rossi e Caramiello, entrambi autori del XIX secolo). L’arpa a pedali trova infatti terreno fertile a Napoli alla fine del XVIII secolo, dando vita a una vera e propria scuola dalla quale escono, oltre ai fratelli Caramiello (Giovanni e Sebastiano), diplomati di riconosciuto valore. Lauro Rossi inizia invece la sua carriera a teatro, con la produzione di numerose opere e commedie e di composizioni che confermano lo sviluppo della pratica degli ensemble di arpe. I gruppi strumentali di arpe sono formazioni sensibili alle sfumature dinamiche, e duttili alle forme principali della musica di questo periodo, tanto che le sedi di maggiore concentrazione degli strumenti diventano anche i laboratori di sperimentazione timbrica per le arpe prima del loro inserimento nell’orchestra moderna.

È proprio questo spirito e gusto per una musica scoperta dentro alle possibilità tecniche e sonore di strumenti originali che ispira il programma dell’Ensemble de harpes Sébastien Érard. A eseguirlo, quattro arpiste professioniste. Mara Galassi, diplomata presso il Conservatorio di Pesaro, ha seguito corsi di perfezionamento in tutta Europa con prestigiosi insegnanti e ha suonato con le orchestre della Rai di Milano e Napoli, del Maggio Musicale Fiorentino, dell’Opera di Genova, oltre ad essere stata Prima Arpa presso il Teatro Massimo di Palermo. Dal 1984 si dedica all’esecuzione sull’arpa doppia del repertorio rinascimentale e barocco ed è socio fondatore della Historical Harp Society. Svolge intensa attività concertistica come solista e in collaborazione con i più prestigiosi gruppi di musica antica d’Europa.

Elena Spotti, diplomata in arpa moderna e arpa barocca, ha collaborato come prima arpa con varie orchestre tra cui Pomeriggi Musicali di Milano, Teatro Bellini di Catania, RAI di Milano, Teatro Fenice di Venezia, Maggio Fiorentino, Teatro Regio di Torino, dal 1996 è prima arpa dell’orchestra del Teatro Coccia di Novara. Ha partecipato a vari progetti e registrazioni di musica contemporanea, l’approfondimento della musica barocca le ha permesso di svolgere tra il 2002 e il 2005 con Mara Galassi su arpe originali settecentesche, numerosi concerti in varie città italiane.

Ann Fierens, belga, ha studiato arpa moderna al Conservatorio di Gent e partecipato a varie master-class. Dal 2003 si è dedicata allo studio dell’arpa a movimento semplice e si è trasferita a Milano per studiare con Mara Galassi  e seguire corsi di specializzazione. Nel 2007 ha conseguito il Diploma in Arpa a movimento semplice, presentando un programma tardo-classico e preromantico e uno studio sull’arpa come strumento di basso continuo nel repertorio francese del 18° secolo. Suona come solista in Belgio, Olanda, Francia, Italia e Grecia ed ha interpretato i concerti di Wagenseil, J.Ch. Bach, W.A. Mozart, Gossec e Haendel.

Chiara Granata, dopo aver compiuto gli studi tradizionali conseguendo il diploma al conservatorio G. Verdi di Milano, si è specializzata nell’esecuzione della musica antica su strumenti originali, studiando con Mara Galassi. Suona una copia dell’arpa Barberini (Roma 1632) ricostruita nel 2006 da D. Pontiggia, e un’arpa originale Naderman. (Parigi,1820 c.a.) e collabora con diversi ensembles di musica barocca e classica. Ha affiancato all’attività musicale di questi anni una più ampia formazione umanistica, conseguendo nel 1998 la Laurea con lode in filosofia all’Università Statale di Milano, attraverso una tesi sull’estetica musicale barocca a partire dalla riflessione del filosofo René Descartes. Ha pubblicato diversi studi e svolge regolarmente attività didattica e di divulgazione musicale tenendo corsi di arpa, storia della musica e guida all’ascolto in diverse scuole e istituzioni milanesi.

Il prossimo appuntamento concertistico sarà venerdì 8 luglio, con una serata dedicata ad Antonio Vivaldi dal Gruppo vocale e strumentale Jubilus, diretto da Enrico Sobrero.





Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!