Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Le puntate de “Il Re del Gancio” dal 16 al 20 dicembre. Pieno il successo del format di Giancarlo Passarella

Le puntate de “Il Re del Gancio” dal 16 al 20 dicembre. Pieno il successo del format di Giancarlo Passarella

Firenze. Uno dei programmi più richiesti dalle piccole radio che lo trasmettono quotidianamente settimana dopo settimana. E’ il format radio “Il Re del Gancio”, ideato e condotto, autoprodotto e registrato alla grande da Giancarlo Passarella per aiutare non solo piccole radio, ma tutti i giovani artisti italiani che non hanno occasioni concrete per promuovere la loro musica. Giancarlo Passarella, non guasta ricordarlo anche questa settimana, è stato il primo in assoluto nel servizio pubblico a parlare di scouting. Già nel biennio 1986/87 mandava demo su Rai Stereo Uno, scoprendo Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi… Una voce storica dell’emittenza nazionale che oggi raggiunge tante piccole emittenti italiani ed anche straniere. Ecco quanto propone nelle puntate dal 16 al 20 dicembre.

Primo brano di lunedì 16 dicembre è “Una notte e forse mai più” degli Eiffel 65, band dance torinese nata nel 1998 negli studi della casa discografica torinese Bliss Corporation (lasciata nel 2006) che ha fatto veramente un grosso successo internazionale. “…Ma so già che prima o poi all’improvviso ritornerai / e mi chiedo se quel giorno ti ricorderai / Non ci credo sei proprio tu / sei diversa, ma dimmi come stai…”. Dopo un periodo di stasi la band ha ripreso nel 2010 con questa formazione: Jeffrey Jey (voce, vocoder), Maury. all’anagrafe Maurizio Lobina (tastiere, sintetizzatore, pianoforte) e DJ Gabry Ponte (CDJ, remixer, campionatore, programmazione). Proseguono parallelamente all’attività del trio dei progetti solisti che vedono il frontman del gruppo Jeffrey Jey impegnato nell’inizio di una carriera da solista iniziata con la pubblicazione del singolo “Out of your arms”, Maury Lobina impegnato in produzioni per altri artisti quali i Moderni e nella carriera da disc-jockey, e Gabry Ponte impiegato nella sua carriera da Dj e produttore. che ha fatto veramente un grosso successo internazionale “Ma so già che prima o poi all’improvviso ritornerai / e mi chiedo se quel giorno ti ricorderai / Non ci credo sei proprio tu / sei diversa, ma dimmi come stai …”.

Secondo brano: “Just in Time” dei bergamaschi Coffee Orchestral che presentano un genere acustico, indie, folk. Matteo Amico (chitarra, voce), Lorenzo Mangili (basso) ed Annalisa Locatelli (voce), i componenti della band, ci portano in un viaggio fluttuante ed onirico: è un brano tratto dal loro primo cd, uscito per la Jestrai Records ed intitolato “Tobacco Symphony”, un mix tra Tom Waits ed i Led Zeppelin più soft. A questo album ha fatto seguito quello intitolato “Chocolate Suitcase”.

Martedì 17 dicembre, il primo brano s’intitola “Vacanze romane” dei Matia Bazar.. Nel 1983 i Matia Bazar partecipano al Festival di Sanremo, vincendo il Premio della Critica. Il brano ottiene una straordinaria popolarità ed anticipa l’uscita di  “Tango”, album dalle nuove sonorità elettroniche. Attualmente la band è di nuovo con Silvia Mezzanotte come vocalist (gli altri componenti sono: Piero Cassano (voce, tastiere, chitarra), Fabio Perversi (pianoforte, violino, cori) e Giancarlo Gonzi (batteria, percussioni, cori

Titolo del secondo brano “Leipzig”. E della band Lia Fail.  Sono in 7 e vengono da Bologna. “Leipzig” è Lipsia (precisa Giancarlo Passarella). Presentano un sound a metà tra i Death In June e gli Steeleye Span, non trascurando il dark teutonico, ma anche il gothic, senza però cadere nel metal.

Primo brano di mercoledì 18 dicembre è “Sempreverde” di Mario Venuti. Nato a Siracusa nell’ottobre del 1963, ha esordito con il botto nella discografia italiana, grazie alla band dei Denovo, con i quali ha registrato parecchi dischi (“Niente insetti su Wilma” – Suono, 1984;
”Unicanisai” – Kindergarten, 1985;
”Persuasione”– Kindergarten, 1987;
”Così fan tutti” – Polygram, 1988;
”Venuti dalle Madonie a cercar carbone” – Polygram, 1989), Questo brano è del 1994 e fa parte dell’album “Un po’ di febbre”, che ha segnato l’inizio di una intensa attività solista che l’ha portato ad incidere diversi album, l’ultimo dei quali s’intitola “L’ultimo romantico”. Segnaliamo anche il DVD live “Materia viva”.

Il secondo brano s’intitola “Il Mio Sud” del musicista – medico – ricercatore Cataldo Perri, calabrese, definito il “Cantautore del Mediterraneo”. Ha al suo attivo tre cd: “Rotte saracene”, “Bastimenti” e “Guellarè”. Da quest’ultimo ascoltiamo il brano che apre un cd che ha avuto riconoscimenti e premi importanti, compreso quello dallo staff di Demo di Radio1, show di Pergolani & Marengo, al Calabria Demo Festival 2011.

Giovedì 19 dicembre come primo brano ascoltiamo “Felicità” di Albano Carrisi. Uno dei brani cult della cultura italiana degli ultimi decenni: noi lo ascoltiamo nella rara versione senza Romina Power, fatto questo che ha scatenato un sacco di gossip, ma poi la coppia artisticamente si e’ riformata, grazie ad progetto russo…

Il secondo brano in scaletta è “Miserere”  del cantautore lucano, ma romano di adozione e napoletano di devozione, Canio Loguercio, arrivato a noi passando attraverso la New Wave. Prendete la tradizione napoletana e rendetela minimale. Poi coinvolgete Raiz, Peppe Servillo, Daniele Sanzone degli ‘A67 e Maria Pia De Vito e costituite una compagnia di guitti! Il brano è tratto dal libro con cd intitolato “Passioni”.

Venerdì 20 dicembre come primo brano Passarella ci fa ascoltare“Luna di Lana” della cantautrice Valeria Rossi. Nel 2001 si è affacciata sul panorama musicale italiano con il tormentone estivo di “Tre Parole” (inserito nel suo primo cd “Ricordatevi dei fiori”) che ha ottenuto tanto successo da essere tradotto e pubblicato anche in Spagna. Due anni dopo è uscito queste brano, poi inserito nel suo secondo cd “Osservi l’Aria”.

Il secondo brano, e ultimo della settimana, è Piccola dea” dei parmigiani Reflue, genere rock, pop, alternativo con Federico Del Santo (chitarra), Max Scaccaglia (basso), Gianluca Gozzi (tastiere) ai quali si sono aggiunti Roberto Colla (batterista), Michele Zilioli (cantante) e Carlo Martinelli (chitarrista, tecnico del suono). Nel 2002 pubblicano il demo “Slo-Mo” che contiene questo brano. A fine settembre 2006 invece il loro esordio discografico vero e proprio intitolato “A Collective Dream”, ma senza questo “Piccola Dea”, una perla soave. “We are kinda shy. Shyrec Camp Vol. 1” è il titolo del loro album uscito nel 2008.

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivete pertanto Coffee Orchestral, Lia Fail, Cataldo Perri, Canio Loguercio e Reflue nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella a Saschall 2011 indica il cielo; Albano e Romina Power in concerto a Mosca 2013; Reflue Collective Dream.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!