Home » NEWS FUORI REGIONE » La scrittrice Antonietta Benagiano ha presentato presso la Galleria Comunale di Taranto una apprezza silloge lirica del prof. Franco Silvestri

La scrittrice Antonietta Benagiano ha presentato presso la Galleria Comunale di Taranto una apprezza silloge lirica del prof. Franco Silvestri

Massafra. Con il progetto “Autunno in Arte” dell’Associazione NovApulia, la Galleria Comunale di Taranto, ubicata nel Castello Aragonese, ha aperto i suoi spazi, oltre che ad artisti, anche a scrittori e poeti.

Nei giorni scorsi la scrittrice prof.ssa Antonietta Benagiano ha presentato la silloge lirica “Un giorno qualunque. Poesie modulari… a tempo” del massafrese prof. Franco Silvestri.

Dopo il cordiale saluto della Presidente di “NovApulia” Carla Fiore e del curatore del suddetto progetto dott. Massimo Giusti, la parola è passata alla Benagiano che ha salutato tutti cordialmente, elogiato il progetto e ringraziato dell’invito.

Il suo discorso, molto articolato sulle problematiche della presente società culturalmente massificata e digitalizzata, ha enucleato gli aspetti tuttora positivi della poesia, proprio per la funzione liberatoria dallo stato di solitudine interiore, ma anche per il suo potere sovversivo attraverso un linguaggio non convenzionale.

Ha, tra gli altri, ricordato John Kennedy, quanto disse all’Amherst College nel 1963 sul valore della poesia; e  poi José Luis Pardo con le sue affermazioni sul potere della parola, Maria Zambrano e la sua concezione di poesia prossima alla ragione “attraverso il martirio della lucidità”, senza tralasciare quanto della poesia digitalizzata dicono Kenneth Goldsmith e Marjorie Perloff, il pericolo del consumismo poetico.

La Benagiano è passata poi all’uomo Silvestri, individuo non massificato, alle sue molteplici attività, al suo modo di fare cultura attraverso associazioni, come “Kalliope” e “Il Corifeo”, finalizzate alla valorizzazione del territorio, allo sviluppo della comunità. Ha messo in pratica (ha detto) quanto sosteneva Voltaire, che “nulla è veramente buono per il soggetto se non è buono per la società”.

Si è soffermata sull’artista Silvestri, autore di opere presenti in mostre personali e collettive, al suo modo di fare poesia, all’ultima silloge lirica, dove il segno artistico e la parola sono in combinazione ad esprimere, senza infingimenti e ornamenti vacui, la condizione pesante di solitudine dell’uomo di oggi, la perdita dei miti, la realtà di vita disperata.

Un io (ha proseguito la Benagiano) che si fa talora memoria nostalgica e dolente, e diviene pure ironico e sarcastico varcando i confini del territorio per porsi e porci interrogativi sul mondo che continua a segnare trionfi che dovrebbe abbandonare, quelle ingiustizie e sopraffazioni globalizzate, la ineguaglianza che si fa anche razzismo.

Una silloge che porta avanti le ore di un giorno qualunque divenendo preziosità di emozioni e sentimenti, di riflessioni. E la lettura di liriche opportune ha confermato.

Il poeta Silvestri, dopo aver calorosamente ringraziato il critico Antonietta Benagiano per la puntuale interpretazione della sua poesia scarna ed essenziale, senza artifici volti al pathos, si è soffermato sul suo iter artistico e poetico, sul suo modo di concepire l’arte e la poesia.

E’ stato poi invitato il critico Giovanni Amodio a intervenire. Questi, dopo aver ribadito la necessità di fare cultura, di valorizzare artisti e scrittori del territorio spesso trascurati, ha elogiato gli organizzatori dell’evento, il dott. Massimo Giusti, figlio dell’artista scomparso, quanto è stato detto di Franco Silvestri, delle sue attività, la interpretazione della sua parola poetica.

Il grazie a tutti della Presidente Carla Fiore e di Massimo Giusti ha chiuso la serata dal pubblico ritenuta molto interessante.

Particolare il successo ottennuto dal prof. Silvestri e dalla relastrice, la prof.ssa Antonietta Benagiano, nota poetessa, scrittrice e saggista, che nello scorso luglio è stata una delle protagoniste della decima edizione del seminario “L’Arteterapia e le Psicologie del profondo” che per tre giorni si è tenuto a Napoli, organizzato dal CISAT (Centro Italiano Studi Arte-Terapia), in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Napoli e con il Libero Istituto Universitario per Stranieri “F. De Sanctis” e con l’adesione della Presidenza della Repubblica. La Benagiano ha fra l’altro pubblicato i libri di poesia (“Di quell’amor…”, “Poetiche sinapsi”, “Dove il mirto”, “Invano cerco”, “Vento nelle mani”, “Appunti al tramonto”,…), i libri di narrativa (“Quale Patria?”, “Anormalità normale”, “Fermare il tempo”, “Patér”, “Neppure soffrendo”,…). I libri di teatro (“La soluzione” – Dramma in tre atti, e “Nel Cosmo” – edito da Dellisanti Editore), e vari libri di saggistica, tra cui “Simone Weil: il dominio della Forza e la Libertà” e “E’ l’amor uno strano…”. Numerosi i saggi pubblicati anche su giornali e riviste.

Nella foto, da sx: il poeta prof. Franco Silvestri.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!