Home » NEWS FUORI REGIONE » La Grande Guerra ‘‘100 anni dopo’’ ricordata dalla comunità italiana di Nizza

La Grande Guerra ‘‘100 anni dopo’’ ricordata dalla comunità italiana di Nizza

Nizza. Il progetto “100 anni dopo “,  dedicato alla ‘‘Grande Guerra’’, è rivolto principalmente a tutti i cittadini d’Europa, affinché la memoria di una tragedia diventi risorsa per una cultura di pace, e nel contempo sensibilizzare vecchie e nuove generazioni, nel divenire “protagonisti” delle commemorazioni, in occasione del suo centenario. Ricco e denso è il calendario degli eventi che avranno luogo nel Consolato d’Italia e in altre sedi della città di Nizza e di Carros.

Da martedì 25 settembre, è in corso al Consolato d’Italia, una mostra di giornali italiani e francesi, “La stampa durante la Grande Guerra’’ curata dal noto giornalista Alberto Toscano  che, nel pomeriggio del 25, presso l’Espace Garibaldi, ha dato il via all’apertura degli eventi, con una interessante conferenza sul tema della mostra.

Venerdì 28 settembre, una nuova conferenza relativa alla presenza della comunità italiana a Nizza durante e dopo la Grande Guerra, è stata presentata nel teatro del consolato, dallo scrittore Yvan Gastaut, professore di storia contemporanea all’Università di Nice Sophia Antipolis, il quale ha ricordato le problematiche degli italiani relativi a quel priodo, così come ha evidenziato il valore artistico e creativo di alcuni di essi, all’origine delle più prestigiose architetture che simbolizzano la città di Nizza. La serata si è conclusa con il concerto del coro alpino “Monte Saccarello” di Imperia, che ha saputo toccare le corde più sensibili dell’animo, con canti che ricordavano la Grande Guerra.

Il ciclo degli eventi proseguirà il 10 novembre a Nice Saint Isidore, e l’11 novembre a Carros, sala Juliette Greco, con lo spettacolo ‘‘Letture e Canti dal Fronte 1914-1918’’, dove si propone di ascoltare la memoria, attraverso parole e canti.

Il 4 novembre, la fine della Grande Guerra verrà commemorata davanti al Monumento ai Morti di Nice Saint Isidore, l’unico nella città ad avere la ripartizione fra morti italiani e francesi, con la deposizione di fiori e con i canti della fanfara dei Sapeurs-Pompiers de la Ville de Nice. Il 3 novembre, nel giardino de Consolato Italiano a Nizza, ci sarà un alzabandiera in presenza delle Autorità.

Infine, il 7 dicembre, ci sarà uno spettacolo di burattini con una breve conferenza del maestro burattinaio Albert Bagno sulla loro importanza. Seguirà uno spettacolo tenuto dalla Compagnia Niemen. Si concluderà con un video riassuntivo dei vari eventi con sottofondo il canto pacifista del Corou de Berra “Non, Non plus des combats”.

Il progetto é dovuto all’iniziativa di alcuni appassionati di cultura italiana e francese, legato al gruppo culturale del Comites di Nizza, con il parternariato del Consolato Italiano di Nizza, del Comitato di Quartiere e delle Feste di Nice Saint Isidore, nonché con l’attribuzione di alcune sale pubbliche da parte della Mission Centenaire de la Ville de Nice.

La comunità italiana di Nizza esprime un doveroso ringraziamento a Patrizia Gallo, Pellegrina Fischetti, Marie Renzini, Josephine Titone Mithieux, Nadia Boaretto, Beppe Pettazzi, Mario Clemente Angelillo, Guido Pepe.

Nella prima foto il giornalista Alberto Toscano.
Nella seconda foto Maria Salamone, Patrizia Gallo  e Olimpia Ghione.
(C.S.)







Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!