Home » NEWS FUORI REGIONE » La Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto è contraria alla norma per patentino e revisione per i trattori agricoli

La Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto è contraria alla norma per patentino e revisione per i trattori agricoli

Taranto. Il prossimo 12 marzo entrerà in vigore il patentino per la guida dei trattori: la Cia, Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto, è fortemente contraria a tale norma.

L’accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 prevede l’obbligo formativo e il conseguimento del patentino per chi utilizza i trattori agricoli comprendendo anche le professionalità più esperte. Il giudizio della Cia su tutto ciò é negativo, in quanto tale accordo rischia di divenire l’ennesimo aggravio burocratico ed economico a carico delle aziende agricole. La Cia non condivide assolutamente la scelta di far ricadere sul datore di lavoro l’onere economico di tale formazione. Inoltre, a pochi giorni dall’entrata in vigore del provvedimento, fissata per il 12 marzo, non c’è traccia del decreto attuativo e non c’è traccia di proroga, fortemente richiesta dalle organizzazioni di categoria. E’ una norma assurda  per una serie di motivi; primo fra tutti l’aggravio dei costi per le aziende agricole in un periodo di profonda crisi economica, con migliaia di aziende agricole che già hanno chiuso i battenti e con tante altre in una situazione davvero critica; secondo motivo è quello relativo agli agricoltori che guidano i trattori da decenni, in alcuni casi anche da mezzo secolo e che hanno acquisito una professionalità ben oltre le nozioni che si fornirebbero con la formazione prevista dalle attuali norme. Chiediamo, dunque, la abrogazione di tale norma, che potrebbe rimanere valida solo per i nuovi trattoristi che intendono specializzarsi nella guida dei trattori agricoli e che, dunque, potrebbero acquisire, a loro spese, l’abilitazione.

Stesso discorso vale per la revisione delle macchine agricole, scaturita dalla emanazione del decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012 convertito in legge 221/2012 e per la quale non è stato ancora emanato il decreto attuativo (che doveva essere emanato entro e non oltre il 28 febbraio scorso).

Un’altra norma assurda e che graverà come un macigno sulla testa degli agricoltori che saranno costretti, se tutto ciò dovesse concretizzarsi, a sopportare migliaia e migliaia di euro per revisionare le macchine agricole. Anche di questa norma la Cia chiede l’abrogazione, per la specificità delle macchine agricole, che hanno caratteristiche costruttive diverse dagli altri veicoli e, soprattutto, per il fatto che, quelle in dotazione delle aziende agricole, circolano su strada in modo limitato. Anche su questo si registra incertezza e nessuna proroga.

Il dato di fatto essenziale è che se tali norme dovesse concretizzarsi, rappresenterebbero un ulteriore appesantimento burocratico per le aziende agricole. Siamo, purtroppo, in presenza di un ulteriore e gravoso adempimento burocratico che avrà effetti devastanti per le aziende agricole.

Ricordiamo, infatti, che un’azienda agricola, per assolvere a tutti gli adempimenti burocratici imposti spende, in media, 2 euro ogni ora di lavoro, 20 euro al giorno, 600 euro al mese, 7200 euro l’anno. Non basta. Occorrono otto giorni al mese, cento giorni all’anno, per riempire le carte richieste dalla pubblica amministrazione centrale e locale.
(Franco Gigante)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!