Home » NEWS FUORI REGIONE » La Cia di Taranto per manifestare il dissenso degli agricoltori a Bari

La Cia di Taranto per manifestare il dissenso degli agricoltori a Bari

Bari. Con autobus partiti dai comuni di Castellaneta, Ginosa, Martina Franca, Massafra e Avetrana, la delegazione della Cia Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto, guidata da vice presidente vicario Raffaele Ignazzi, dal direttore Vito Rubino, dai componenti di giunta Francesco Bianco e Francesco Bruni, e dal presidente provinciale dell’Associazione Pensionati Michele D’Ambrosio, ha preso parte alla manifestare regionale “Giornata di mobilitazione a tutela dell’agricoltura e dell’agroalimentare pugliese” in piazza Libertà dinanzi al Palazzo del Governo a Bari per difendere l’intero settore degli agricoltori che sta resistendo alla crisi che rischia di finire soffocato dalle troppe e ingiuste tasse e da scelte politiche sbagliate; erano diverse migliaia gli agricoltori pugliesi che vi hanno preso parte, indetta da Agrinsieme Puglia con il coordinamento delle organizzazioni agricole Cia Confederazione Italiana Agricoltori, Confagricoltura, e Alleanza delle Cooperative settore agroalimentare (Legacoop, Confcooperative, Agci ).

Nel corso del sit in è stato messo in evidenza come l’agricoltura pugliese stia attraversando un momento di crisi senza precedenti, con migliaia di aziende che negli ultimi anni hanno chiuso i battenti e tante altre che saranno costrette a farlo, con perdita di ulteriori posti di lavoro, se non si adottano adeguate politiche di sostegno al comparto agricolo.

Si è trattato di una manifestazione convocata per riportare l’attenzione del Governo nazionale e regionale, della rappresentanza politica e dei cittadini sui tanti problemi irrisolti del settore agricolo e agroalimentare, che nonostante tutto continua a rappresentare uno dei principali “motori” dell’economia italiana in termini di reddito prodotto e occupazione.

Alla iniziativa hanno partecipato numerosi parlamentari pugliesi, esponenti del governo regionale, consiglieri regionali, sindaci e candidati alla carica di governatore della Regione Puglia per le prossime elezioni regionali.

Nel corso del presidio è stato presentato il documento con le proposte e le richieste di Agrinsieme Puglia e Copagri Puglia al Governo nazionale e alla Regione Puglia, per far fronte a quella che è diventata una vera e propria emergenza. Lo stesso documento è stato consegnato al Prefetto di Bari.

Tredici i punti riportati nel documento tra cui la tanto contestata IMU agricola, la dotazione di gasolio agricolo alle aziende, la PAC, il PSR, la semplificazione burocratica, l’emergenza Xilella e diverse altre questioni.

“L’Imu è una tassa iniqua e insostenibile e serve un intervento di revisione strutturale del decreto con la cancellazione o modifica sostanziale della norma che riduce sensibilmente i territori esenti da Imu – ha dichiarato Raffaele Carrabba, presidente Cia Confederazione italiana Agricoltori Puglia nonché coordinatore regionale di Agrinsieme – I terreni utilizzati dagli agricoltori sono beni strumentali delle imprese agricole. Gli agricoltori non vogliono continuare ad essere considerati come una categoria assistita ma come aziende a cui applicare norme che consentano di operare con dignità ed equità fiscale. In questo 2015 ci sarà, inoltre, la riduzione sui premi Pac (che dal 2015 al 2020 si abbatteranno di oltre il 40%) e la riduzione del 26% nell’assegnazione del carburante agricolo. Siamo in ritardo con l’attuazione della riforma della Pac. Dopo il primo decreto ministeriale di novembre si stanno rimettendo in discussione orientamenti e decisioni già assunti a suo tempo, mentre gli agricoltori devono con cognizione predisporre i piani produttivi. È necessario non applicare, per questo primo anno di entrata in vigore della riforma, le penalità per non rispetto del greening. Anche sulla definizione del Piani di Sviluppo Rurale da parte dell’UE – ha concluso Carrabba – Siamo in forte ritardo. Le imprese agricole non possono attendere oltre misure essenziali per la gestione delle loro aziende”.

“Gli indici di congruità disposti dalla Regione Puglia sono un fardello a carico della competitività delle aziende agricole pugliesi. L’orientamento generale, condiviso a tutti i livelli, vede nell’innovazione tecnologica e nella riduzione dei costi della manodopera la chiave di volta per il miglioramento della competitività delle imprese agricole – ha spiegato Umberto Bucci, presidente di Confagricoltura Puglia – Ma in Puglia la Regione di fatto impone alle aziende dei limiti di impiego minimo della manodopera. Siamo senza riserve contrari  al lavoro non regolare, ma questa sciagurata norma, in realtà, crea ostacoli proprio a quelle aziende che invece operano nella legalità. È assolutamente indispensabile abolire il sistema degli indici di congruità – ha concluso Bucci – Perché è un grave freno per la competitività delle aziende pugliesi”.

“La Puglia ha una struttura produttiva agricola fatta da una miriade di piccole aziende che rappresenta un vincolo allo sviluppo – ha evidenziato Angelo Petruzzella, coordinatore regionale dell’Alleanza delle Cooperative Italiane settore agroalimentare (Legacoop, Confcooperative, Agci) – Aggregare le aziende agricole,  in Cooperative e Organizzazioni di Produttori è dunque indispensabile per affrontare la sfida dell’efficienza tecnica e dei mercati globali.  Il sistema cooperativo e delle OP della Puglia è in grado di affrontare e vincere questa sfida ma ha bisogno di strumenti e risorse. Le scelte fatte dalla Regione insieme alle  organizzazioni agricole , con il PSR  e la Legge sulla cooperazione , vanno in questa direzione. Questo indirizzo però deve essere portato avanti con la massima coerenza  e rafforzato negli strumenti di attuazione ad iniziare dai Bandi del PSR. Non è un buon segnale così,  l’assenza di risorse  nel bilancio di previsione 2015 per la legge sulla  cooperazione. Ma a tal proposito è indispensabile un intervento più generale, forte e innovativo, per sostenere l’accesso al credito delle cooperative e delle imprese agricole, senza il quale si riduce la stessa possibilità di fare investimenti con il prossimo PSR. Così come chiediamo alla Regione – ha concluso Petruzzella – Una forte azione verso il Ministero per una rapida definizione delle nuove regole per il riconoscimento delle Organizzazioni dei Produttori”.

“Consideriamo prioritaria la cancellazione o comunque la sostanziale modifica dell’Imu – ha sottolineato Tommaso Battista, presidente Copagri Puglia – Questa tassa non fa che aumentare l’abbandono dell’agricoltura, soprattutto da parte di quei giovani che si stanno avvicinando alla terra grazie alle opportunità offerte dal nuovo PSR e dalla nuova PAC. Un’altra richiesta fondamentale per il lavoro agricolo riguarda la concessione delle agevolazioni sul carburante che il governo da quest’anno ha ulteriormente ridotto del 26,11%. Chiediamo di dare attuazione al D.M. sul pacchetto latte rafforzando il ruolo delle OP e AOP al fine di strutturare e dar corso agli accordi interprofessionali permettendo di avere il prezzo del latte alla stalla che sia remunerativo rispetto ai di produzione. L’agricoltore non chiede assistenza ma solo di essere libero da burocratizzazione e costi insostenibili. È poi indispensabile – ha concluso Battista – Attivare un fondo di garanzia per le imprese per consentire l’accesso agli investimenti”.
(F.G.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!