Home » NEWS FUORI REGIONE » L’olio d’oliva tunisino e le ripercussioni economiche sull’agricoltura jonica

L’olio d’oliva tunisino e le ripercussioni economiche sull’agricoltura jonica

Taranto. La Cia Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto è perplessa sulla proposta della Commissione Europea di autorizzare un accesso temporaneo supplementare di olio d’oliva tunisino nel mercato dell’Unione Europea. Pur condividendo la necessità di intervenire a supporto dell’economia del Paese in questa contingenza eccezionale, è ugualmente doveroso interrogarsi sulle ripercussioni economiche di una scelta del genere su un settore così rilevante per l’agricoltura comunitaria, italiana e, soprattutto, del nostro territorio, come quello dell’olio d’oliva.

Ci sono sicuramente segnali di ripresa del settore in Italia e da noi, con la campagna olivicola 2015 che sarà sicuramente migliore rispetto ai risultati disastrosi dello scorso anno. In più l’impegno del Governo sulle risorse a sostegno dell’olio d’oliva incentiva i nostri operatori a impegnarsi anche in investimenti di medio e lungo periodo. È chiaro che in questa situazione, con un comparto che sta tentando di reagire alla crisi, ipotizzare l’ingresso facilitato di ulteriori 35 mila tonnellate di olio tunisino in Europa preoccupa fortemente gli olivicoltori italiani, che temono una diminuzione competitiva sui prezzi.

Se l’obiettivo dell’Europa è essere solidali con i Paesi terzi tramite azioni commerciali di privilegio, non va dimenticato però che non si può sempre penalizzare il settore primario. Le negoziazioni dell’Unione Europea non possono considerare come “merce di scambio” sempre i prodotti dell’agricoltura e soprattutto decisioni così importanti, prima di essere adottate, devono tenere conto dell’impatto economico e delle richieste degli operatori europei.

Nelle prossime settimane sarà decisivo l’intervento di Parlamento e Consiglio dell’Unione Europea per rivedere questa proposta legislativa e intervenire nei confronti della Commissione affinché non si dimentichi che la solidarietà va anche dimostrata agli agricoltori europei che stanno attraversando crisi importanti in molti settori, come hanno dimostrato i 6 mila produttori agricoli che hanno manifestato a Bruxelles lo scorso 7 settembre.
(Franco Gigante)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!