Home » IMPERIA, NEWS, PRIMO PIANO » Imperia. La Capitaneria di Porto traccia il bilancio 2013

Imperia. La Capitaneria di Porto traccia il bilancio 2013

Imperia. Il 2013 che volge al termine è stato un anno ricco di impegni per i militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Imperia, dell’Ufficio Circondariale marittimo di Sanremo e degli Uffici marittimi di Diano Marina, Riva Santo Stefano, Arma di Taggia, Bordighera e Ventimiglia.

Le operazioni di ricerca e soccorso in mare, in alcuni casi condotte in condizioni meteomarine particolarmente difficili ed in orario notturno, hanno permesso di portare in salvo 14 unità navali e complessivamente 70 persone, tra diportisti e subacquei.

Molto numerosi i controlli effettuati, sia a terra che a mare, dal personale dipendente nelle materie di competenza (in particolare, pesca marittima, tutela dell’ambiente marino e costiero, demanio marittimo, balneazione e diporto nautico, polizia marittima e sicurezza della navigazione e portuale).

A seguito di queste verifiche, sono state elevate 20 denunce per illeciti penali, principalmente per abusivismo demaniale ed in materia di pesca (cattiva conservazione del pescato), e sono stati accertati nel complesso 333 verbali per illeciti amministrativi.

Questi ultimi riguardano, in particolare, la filiera della pesca (mancanza di tracciabilità del prodotto ittico, etichettatura carente, pesca in zone vietate), il diporto (eccesso di velocità in prossimità della costa, stazionamento in zone vietate, mancanza dei documenti previsti) e la polizia portuale (sosta vietata in ambito portuale, accensione non autorizzata di fuochi).

Con riferimento alle attività più tipicamente amministrative, sono state emanate 163 ordinanze di sicurezza marittima; sono stati rilasciati, a seguito di visita, 87 certificati di sicurezza, tra unità da pesca, mezzi da traffico ed imbarcazioni da diporto; sono state rilasciate 152 patenti nautiche a seguito di apposite sessioni d’esame.

Particolare attenzione è stata conferita al mantenimento delle condizioni di sicurezza della navigazione e dei porti. Ad Imperia, dove si è avuto quest’anno il miglior risultato dal 2007 in termini di navi mercantili in arrivo al bacino portuale di Oneglia (complessivamente 21 navi per il trasporto di cemento e grano), è stata aggiornata la disciplina dei lavori subacquei, che ora prevede di norma la necessità di preventiva


autorizzazione tranne nei casi urgenti, che tuttavia restano soggetti a specifiche prescrizioni di sicurezza approvate con ordinanza.

Sempre ad Oneglia, è stata modificata la viabilità della banchina Aicardi e del piazzale retrostante (dove al momento si concentrano i traffici commerciali), prevedendo percorsi pedonali di sicurezza ed una rinnovata cartellonistica stradale.

Il porto vecchio di Sanremo recentemente è stato oggetto, invece, di un intervento di pulizia e sistemazione, nonché di rifacimento della segnaletica stradale e di rinforzo strutturale della scogliera esterna del molo frangiflutti.

Questi i principali risultati conseguiti nell’ambito del Compartimento Marittimo di Imperia, oltre ai quali vanno ricordate molte iniziative di carattere preventivo, alle quali viene data molta importanza, volte a sensibilizzare gli utenti del mare (diportisti,  pescatori sportivi, assistenti bagnanti, gestori di stabilimenti balneari e porti turistici) ed in particolare i giovani e gli studenti di ogni ordine e grado, sulle tematiche riguardanti la sicurezza della balneazione e la tutela dell’ambiente.

Tra queste iniziative si segnalano i cosiddetti “Campi Giovani”, che hanno consentito a 24 ragazzi provenienti da tutta Italia, che si sono alternati per periodi settimanali durante tutta l’estate, di vivere un’esperienza in Capitaneria di Porto, partecipando a tutte le principali attività operative della Guardia Costiera (tra cui i controlli sulle spiagge e sul demanio marittimo, le uscite in motovedetta, le verifiche nei porti).

In sintesi, emerge un dato d’interesse sulla scorta del confronto con l’anno precedente: in relazione al numero dei controlli effettuati dai militari dipendenti, paragonabile al dato del 2012, il numero complessivo di illeciti riscontrati, sia penali che amministrativi, risulta più basso, con ciò confermando una tendenza che si era già in parte profilata nel corso della stagione estiva.

Questa tendenza riguarda tutti i principali settori di competenza (pesca marittima, diporto nautico, polizia portuale, abusivismo demaniale) e fa ritenere positivo il bilancio dell’anno che si sta per concludere, in quanto attribuibile alla capillare presenza sul territorio dei militari dipendenti ed alle attività di prevenzione, tra cui, oltre alle iniziative divulgative sul tema della sicurezza in mare sopra ricordate, il rilascio del “bollino blu” alle imbarcazioni da diporto in regola, che ha stimolato la partecipazione attiva e convinta degli stessi diportisti.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!