Home » LA POSTA » Il traguardo dei miei sessant’anni

Il traguardo dei miei sessant’anni

Cari lettori, ci ha di nuovo scritto Marietta Di Sario. Abbiamo avuto modo più volte di parlare con lei. Anzi è stata lei a parlare con noi. E questa volta lo fa in occasione del suo compleanno compiuto nei giorni scorsi.

Carpi. La mia vita per molto tempo è stata appesa a un filo e per sempre lo sarà. Questo filo è rappresentato dalla generosità delle persone che mi stanno accanto e che si prendono cura di me da cinquant’anni. Era l’estate del 1959, avevo quattro anni, nella mia mente c’è il ricordo di un sole splendente, tutto pareva procedere spensieratamente quando un profondo dolore fisico cominciò a indebolirmi fino a non farmi più camminare autonomamente, stavo sprofondando nell’abisso di una lunga malattia. La situazione si fece sempre più critica fino a quando persi definitivamente l’uso di tutti i movimenti del mio corpo, l’unica possibilità che mi si prospettava era quella di una vita interamente dipendente dagli altri. Soltanto allora potei sentire l’immenso e potente dono di Dio che mi ricordava che niente Gli è impossibile e nulla al mondo può spegnere l’amore che Egli ha infondato in ciascuno di noi. Dentro di me avvertivo di avere ancora tanta voglia di lottare e di non arrendermi di fronte alla malattia e che questa sarebbe diventata l’opportunità più grande della mia vita.

Fu da quel momento che cominciai a sviluppare una profonda devozione verso Maria madre di Dio. La Madonna svelò il suo volto materno facendomi scoprire che il tratto distintivo di ciascuno di noi è la capacità di saper amare. Maria, causa della nostra letizia, porta del Cielo e Arca dell’Alleanza, mi ricorda che la tristezza è il mio peggior nemico e che la mia malattia deve in qualche modo poter contribuire alla felicità altrui. Perciò, cari amici, vi propongo una preghiera che mi è molto cara e che vorrei condividere con voi in questo momento.

Recita così:


Maria, mia Regina, dammi la gioia del saper amare. Maggiormente quelli che mi sono vicini, con i loro difetti e grazie ai loro difetti. Donami questa che è la vera felicità: saper amare chi ci vuole del male.

Dammi la tua forza, fa che sia sempre più buona e che le cattiverie mie e altrui non indeboliscano il mio animo. Dammi la capacità di saper vedere in ogni avvenimento la mano della Provvidenza sia esso un lieto evento o un momento di dolore. Ricordami che da ogni dolore feconda qualcosa di buono se è accompagnato e unito alle sofferenze del tuo amato Figlio.

Difendimi dalla tristezza e aiutami a essere fonte di gioia e ottimismo per tutti quelli che incontro nel cammino della vita.

Ti bacio immensamente come tua figlia e ti prego di starmi sempre vicina. Ogni mia preghiera e azioni cominci sempre con te e con te finisca.

Marietta Di Sario


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!