Home » CULTURA » Il calcare altro non è che acqua fossilizzata.. Il Maestro dice che la pietra è la struttura portante del pianeta, la sua ‘spina dorsale’, la memoria dell’Universo, cos’ anche il silenzio ha la sua musica..

Il calcare altro non è che acqua fossilizzata.. Il Maestro dice che la pietra è la struttura portante del pianeta, la sua ‘spina dorsale’, la memoria dell’Universo, cos’ anche il silenzio ha la sua musica..

“In principio fu il suono…” –  (suono come ‘verbo’), così esordisce il giorno 15 luglio scorso il Maestro Pinuccio Sciola, con un riferimento chiaramente biblico, (per la precisione al Prologo del Vangelo di Giovanni), nel corso di una serata  dedicata alla sua attività di scultore,  nell’ambito di una rassegna  orientata su vari temi di carattere culturale.

Il Maestro Sciola non ha bisogno di presentazioni, essendo un artista conosciuto in tutto il mondo, soprattutto per le sue ‘pietre sonore’, sculture su calcare e basalto, i quali producono vibrazioni e suoni particolarissimi, che non ci si aspetterebbe da una materia inerte. Suoni non aspri o rudi, ma quasi melodici, comunque con le note di un’armonia che sorprende, come se la pietra fosse un ‘essere’ al quale la natura ha sempre imposto il silenzio, e ora, con le mani autorevoli di un’artista, all’improvviso ritrova modulazioni di suono attraverso un linguaggio non facilmente definibile. Siamo avvezzi a considerare muto il terzo regno della Natura, ossia quello minerale, a riconoscergli un ruolo certamente fondamentale in quanto materia, con i suoi giochi d’estro creati per rendere eclettico il paesaggio. Il paesaggio con le sue elevazioni, la maestà della montagna e le sue propaggini, tra picchi vertiginosi e crinali che incutono suggestione, trasmettendo mistero. Osservando con l’interesse dovuto, la pietra nelle sue infinite forme e rappresentazioni, ci si rende conto che è veramente materia ‘viva’, non elemento inerte, senz’anima. Non si può considerare un essere ‘vivente’ nell’accezione assoluta del termine, siamo troppo viziati di ovvietà e noncuranza, per capire che la materia ha necessità di simbiosi, di relazione profonda negli accessi più remoti della sua essenza primordiale, per essere compresa,  instaurando così un dialogo silenzioso. Certo si tratta di relazione tra ‘esseri’ di natura diversa, ma non per questo siamo autorizzati ad esprimere gerarchie che a noi non è concesso stabilire, perché semplicemente non ci compete. Ecco, in definitiva, l’umiltà è sempre quella virtù rara tra noi esseri umani, che abbiamo la convinzione di ritenerci al di sopra dell’arco di atmosfera che ci sovrasta, un passo più avanti nella prospettiva, oltre l’orizzonte che gli occhi riescono a raggiungere con i sensi.

La pietra in quanto materia imperversa ovunque, è la materia per eccellenza, protagonista di uno dei quattro elementi fondamentali dell’Universo, ossia la Terra. E secondo concezioni geologiche alla portata di tutti, il calcare, per esempio, non è altro che acqua fossilizzata, secondo processi chimici che risalgono all’origine. Il Maestro lo rimarca sempre questo particolare.

La pietra che metaforicamente è l’espressione più evidente dell’incontenibile energia dell’Universo, un soffio potente che genera estro nella materia,  presentandosi nelle sue multiformi ed eclettiche  manifestazioni, ha un’autorità enorme nel pianeta, austerità che si riscontrano nelle grandi catene montuose con il fascino dei luoghi in cui il silenzio ha le sue voci. La pietra parla, si esprime con suoni speciali. E del resto la voce ed i suoni non sono prerogativa dei soli esseri viventi, anche gli altri elementi della natura ‘parlano’, e si fanno sentire in modo preciso.. Basta ascoltare i sibili del vento o le sue raffiche, oppure il mare o lo scroscio della pioggia; si tratta di suoni che hanno un timbro primordiale, se ascoltiamo con la dovuta attenzione, sanno riportarci alle origini. A quando? Chiediamo dalla platea al Maestro Sciola.

Ed egli risponde: ‘a prima’. Prima.. ‘Cioè?’ – Qualcuno replica, sperando di arrivare ad una conclusione più logica. Ma il Maestro ripete ‘prima’. Ovvero l’Origine. In queste circostanze, quando l’artista ti sembra una sorta di medium, tra l’Universo e il profano, senti che il discorso va oltre, sfiora realtà quasi metafisiche, relazioni profonde tra gli esseri dei tre regni del pianeta, che ci sfuggono perché siamo troppo distratti, e poco inclini ad andare oltre le apparenze.

Torniamo all’aspetto essenziale dell’arte, alle sculture e alle pietre sonore del Maestro Sciola, ‘quello’ che fa parlare le pietre.. Non semplice, ma lui ci è riuscito, attraverso la sua sensibilità di artista, che sa cogliere il dialogo silenzioso della materia, la quale chiede soltanto, talvolta, di essere aiutata ad attraversare quella sottile ma resistente membrana di silenzio che l’avvolge.

Le pietre sonore del Maestro, mediante incisioni parallele, su diversi livelli, producono suoni che sembrano inverosimili. Con un archetto ‘esprimono’ armonie diverse, musica gradevole all’orecchio di chi ascolta, e percepisce quelle vibrazioni come fossero frutto di alchimie. Non ci si aspetta simili ‘performance’ da una materia che abbiamo sempre giudicato umile, scontata,  lungi dal rappresentare qualcosa che va ben al di là di questo. Sciola ha scolpito nel suo luogo d’origine – S. Sperate – un’infinità di opere in pietra, allestendo insieme ad altri artisti, un parco, dove si possono ammirare le sue creazioni, le sue pietre sonore, i semi della pace e tanto altro ancora. Centinaia di semi della pace, sono stati donati alla basilica di S. Francesco d’Assisi. Perché, spiega il Maestro, S. Francesco era solito dire che dall’impossibile si può arrivare al possibile, e pertanto anche la pace nel mondo può essere un traguardo accessibile, quando lo si volesse.

Pinuccio Sciola ha esposto le sue opere ovunque nel mondo, ha partecipato ad un’infinità di manifestazioni artistiche nelle quali la scultura è stata protagonista, riscuotendo sempre l’interesse  dei critici e degli appassionati. Le pietre sonore sono tuttora oggetto di studio, che rientra nella sfera dell’Architettura e della Fisica, oltre a quella  più diretta, ossia il mondo dell’Arte.
(Virginia Murru)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!