Home » NEWS FUORI REGIONE » Il 30 gennaio tesseramento Archeogruppo “E. Javovelli” e presentazione volume “I cavalli del re di Napoli a Massafra nel Quattrocento” di Roberto Caprara

Il 30 gennaio tesseramento Archeogruppo “E. Javovelli” e presentazione volume “I cavalli del re di Napoli a Massafra nel Quattrocento” di Roberto Caprara

Massafra. L’Archeogruppo “E. Jacovelli” (Centro di ricerche e studi storici, artistici, archeologici ed ambientali), in occasione del tesseramento soci 2015, ha organizzato per il 30 gennaio presso il Monastero di San Benedetto (ore 19.30) un incontro nel corso del quale ci sarà la presentazione del libro “I cavalli dei Re di Napoli a Massafra nel Quattrocento” di Roberto Caprara.

Relatore sarà lo stesso autore che già in un altro incontro aveva parlato della Massafra alla fine del XV secolo come anticipazione dell’ampio commento di cui l’autore ha corredato l’edizione diplomatica di un codice cartaceo del 1463-64 (sino al XVI secolo nelle terre del Sud già appartenute a Bisanzio, l’anno incominciava quattro mesi prima che nelle altre terre, col primo settembre) redatto dall’Erario regio, il notaio Antonio Caricello, che vi ha annotato le entrate e le uscite sino al 31 agosto del 1464.

Sottolineato che Massafra era allora città regia, cioè non dipendente da feudatari e che godeva di eccezionali privilegi fiscali, almeno dal 1419, come si apprende da un documento della regina Giovanna II d’Angiò, l’oratore ha delineato brevemente le vicende della fine della dinastia angioina e quelle della dinastia aragonese, dall’entrata in Napoli, nel 1442 di Alfonso il Magnanimo e conseguente fuga in Francia di Renato d’Angiò, sino all’intervento della Spagna nel 1502 che pose fine al Regno di Napoli, che divenne il “Viceregno” una trascurabile e malgovernata parte dell’Impero spagnolo, intraprendendo un inarrestabile cammino di decadenza sociale e culturale che è la remota origine della Questione Meridionale. La lettura del testo del Caricello consente di ricostruire in gran parte l’onomastica e la composizione sociale della Massafra alla fine del secolo XV, di conoscere in parte notevole la composizione del Capitolo dell’Insigne Collegiata, dall’Abate e Arciprete Pirro de Pirris, al Cantore, al Cantore del Capitolo cattedrale di Mottola, a numerosi Canonici.

A questo punto il prof. Caprara ha ironizzato sulla sopravvivenza di leggende prive di consistenza storica, come la datazione al tardo Cinquecento dell’antica Chiesa Madre, che invece un attento esame delle strutture vuole iniziata, come la Cattedrale di Matera, nel XIII secolo e terminata dopo il 1324 ma prima del 1350, come dimostrano i portali gotici sulle fiancate, occlusi nel Cinquecento. Gli interventi cinquecenteschi, che ne stravolsero la struttura interna e la facciata, videro l’aggiunta della Cappella del Sacramento, datata erroneamente al Settecento a causa dei dipinti del Carella che ne ornano le pareti, contro ogni evidenza dettata dall’iscrizione all’interno della cupola, che è del tempo di Francesco Pappacoda. Per confronto, ha proiettato un’immagine della Cattedrale di Todi, iniziata anch’essa nel XIII secolo e con facciata rifatta nel XVI. Sempre nella Chiesa Madre è l’attestazione più antica, datata 1533, del vero stemma civico di Massafra: un castello con tre torri simbolo delle città dotate di mura (come gli stemmi di Castellaneta e Ginosa, oltre che di molte città italiane) ed un leone rampante che gli osservatori superficiali hanno interpretato come quello dei Pappacoda. Una conferma di questo stemma si ha nel pavimento del presbiterio di San Benedetto, dove nel 1770 – quando i Pappacoda erano scomparsi da oltre un secolo e mezzo – venne riprodotta l’arma civica in marmi policromi, sicché ne conosciamo i colori: di rosso il castello, d’oro il leone rampante. Il castello con tre torri, espunto il leone che si riteneva dell’ormai dimenticata dinastia Pappacoda è ancora agli inizi dell’Ottocento nel sigillo del Comune di Massafra (atti del 1809 e 1811) e sul portone del Municipio in Piazza Garibaldi. L’ignoranza dell’araldica – e non solo – da parte degli interlocutori massafresi della Consulta Araldica Nazionale fecero sì che questa, non essendo stati prodotti argomenti adeguati, assegnasse al Comune di Massafra l’insulsa ed anonima torre che ancor oggi viene usata. Frutto del dilettantismo e della presunzione di chi discetta senza cognizione di causa e senza aver affrontato la fatica della ricerca, ancor oggi, purtroppo, spesso imperanti a Massafra. Dall’elenco dell’armamento del Castello Caprara desume che fosse in disarmo, tanto che, quando, perduta la libertà, era stata infeudata al transitorio feudatario Antonio Piscicello, questi, che aveva aderito alla seconda Congiura dei Baroni contro Ferrante d’Aragona, negli anni Ottanta del Quattrocento, per mettere a difesa il Castello stesso chiese in prestito bombarde all’Università (Amministrazione comunale) e balestre ai cittadini, armi che si rifiutò di restituire.

L’oratore ha parlato a lungo dell’allevamento degli stalloni regi, che erano i Corsieri napolitani (considerati i migliori cavalli del mondo) ed i Murgesi, oggi l’unica antica razza autoctona rimasta in Italia, e del trasferimento di cavalli da Massafra a Napoli. Desunti sempre dal Quaterno, sono i prezzi di molte merci ed oggetti e l’ammontare dei salari (comunque molto bassi) oltre che il potere d’acquisto del denaro.

Allora Caprara ebbe a conludere la sua esposizione con una breve elencazione dei principali termini dialettali e dei latinismi usati nel Quaterno, cosa che non poteva non interessare in modo particolare l’oratore che, ricordiamolo, ebbe una robusta formazione di linguista, alla scuola di Giovanni Nencioni e Giovanni Alessio, prima di dedicarsi all’archeologia ed alla storia.

Roberto Caprara, infatti, è notissimo archeologo e storico dell’architettura rupestre, “Premio Umanesimo della Pietra per la Storia”. Già docente di Archeologia Medioevale nell’Università di Sassari, si è dedicato professionalmente all’archeologia dopo essersi dimesso dall’insegnamento nel 1983. Fra l’altro ha condotto oltre una ventina di campagne di scavo e di ricerca in Puglia, in Toscana e soprattutto in Sardegna, dove ha vissuto per vent’anni.
Legato tenacemente a Massafra e alla Puglia, pur vivendo a Firenze da oltre quarant’anni, è stato, dagli anni settanta in poi, uno dei riconosciuti innovatori degli studi sui villaggi e le chiese rupestri.

Tra le sue ultime opere il libro di narrativa basato sull’Odissea omerica. “Vita di Ulisse”, con l’eloquente sottotitolo “Grandezza dell’età eroica e miseria dei nostri tempi” ed il secondo volume del “Dizionario etimologico e grammatica del dialetto parlato a Massafra” (Antonio Dellisanti Editore) che consigliamo a tutti i lettori. Come consigliamo anche il libro “I cavalli dei Re di Napoli a Massafra nel Quattrocento”.

Nelle foto: il prof. Roberto Caprara; il poster della serata del tesseramento Archeogruppo con la copertina del libro “I cavalli del re di Napoli a Massafra nel Quattrocento”.
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!