Home » NEWS FUORI REGIONE » I Lavoratori dell’Ilva di Taranto hanno accolto don Bosco: l’urna del Santo davanti allo stabilimento. Giorno di festa per sindacato e lavoratori

I Lavoratori dell’Ilva di Taranto hanno accolto don Bosco: l’urna del Santo davanti allo stabilimento. Giorno di festa per sindacato e lavoratori

Dall’Ufficio stampa FIM CISL Taranto Brindisi (Piazza Bettolo 1,C – 74121 Taranto) riceviamo questo comunicato con una dichiarazione del segretario generale della Fim-Cisl, Mimmo Panarelli.  Comunicato che pubblichiamo.

Taranto. I lavoratori dell’Ilva di Taranto, insieme alla delegazione sindacale, questa mattina hanno atteso con devota commozione l’arrivo davanti allo stabilimento dell’urna di San Giovanni Bosco.

«Esprimiamo la massima gratitudine all’Opera Salesiana – commenta il segretario generale della Fim-Cisl, Mimmo Panarelli – per averci regalato l’importante momento religioso, sociale e culturale».

«Accogliamo con grande gioia e sincera emozione,in un clima di preghiera – ha aggiunto Panarelli – le spoglie del “Santo dei giovani”, che anche nella nostra Taranto e in particolar modo tra i lavoratori non cessa di tramandare i propri preziosi insegnamenti attraverso la comunità salesiana. Una comunità punto di riferimento per la spiritualità e la formazione di centinaia di  ragazzi, che domani saranno chiamati a determinare il futuro del nostro Paese. Ringraziamo  Padre Nicola Preziuso, cappellano dell’Ilva, per aver supportato l’iniziativa della Comunità Salesiana. Grazie all’ispettore dei Salesiani, che ha donato ai lavoratori una copia del primo contratto di apprendistato, redatto da Don Bosco l’8 febbraio 1852, a Torino. Abbiamo deciso – dice  Panarelli – di esporlo nel Consiglio di fabbrica, affinché ognuno di noi possa fare tesoro del suo insegnamento».

Giovani e lavoro: i tempi cambiano ma, a distanza di quasi due secoli da quando san Giovanni Bosco dette vita a Torino ai primi oratori e alle scuole di formazione professionale, i problemi sono sempre gli stessi.

«Allora come oggi la questione è come offrire occasioni di lavoro, realmente formative e remunerate – conclude –  giovani di buona volontà che desiderano apprendere un mestiere».

I lavoratori presenti, davanti alla direzione Ilva, hanno ricevuto  il testo del primo contratto di “Apprendizzaggio”, oggi si dice apprendistato, con il quale il “santo sociale” torinese avviò nel 1851 l’esperienza della formazione sul lavoro dei giovani che accoglieva nel suo oratorio. Firmatari del contratto furono il vetraio Carlo Aimino e il giovane Giuseppe Bordone. Il testo, controfirmato da don Bosco, è molto dettagliato, si compone di 7 articoli che fissano diritti e doveri, tra i quali quelli di “prontezza, assiduità e attenzione ad essere docile” al “mastro suo padrone”. E nel contratto di don Bosco non manca la clausola che se il giovane si macchiasse di qualche “colpa per cui fosse mandato via dall’oratorio” allora cesserebbe ogni tutela da parte dello stesso, ma non il dovere di proseguire nell’apprendistato secondo quanto stabilito. Si fissa anche la paga: 1 lira al giorno il primo anno, 1 lira e 50 centesimi il secondo e 2 lire il terzo anno (con 15 giorni di vacanza).

Nella foto i lavoratori dell’ULVA di Taranto e il sindacato accolgono l’urna del Santo.

Taranto, 3 ottobre 2013

Ufficio stampa FIM-CISL

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!