Home » NEWS FUORI REGIONE » Grandi eventi filatelici internazionali. Il Presidente della Federazione fra le Società Filateliche Italiane scrive al Presidente della Repubblica

Grandi eventi filatelici internazionali. Il Presidente della Federazione fra le Società Filateliche Italiane scrive al Presidente della Repubblica

Rimini. Nel 2015 si terrà a Milano l’Expo 2015, evento d’importanza universale per la presentazione dell’Italia e della sua eccellenza nel mondo. Per tale occasione la Federazione ha proposto a Poste Italiane l’organizzazione di un altro grande evento filatelico internazionale a Milano, con la collaborazione fra Poste Italiane SpA e la Federazione fra le Società Filateliche Italiane. L’attuale situazione economica ha sinora suggerito a Poste Italiane di non accogliere ancora la richiesta. E proprio per questo che giovedì scorso, 18 luglio 2013, il Presidente della Federazione fra le Società Filateliche Italiane (Federazione alla quale aderiscono i filatelisti italiani nelle organizzazioni internazionali e la maggioranza delle associazioni filateliche italiane) ha scritto una lettera all’on. Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica,  e per conoscenza all’on. Enrico Letta, Presidente del Consiglio dei ministri, al dott. Flavio Zanonato, Ministro per lo sviluppo economico, al dott. Antonio Catricalà, Viceministro per lo sviluppo economico e all’ing. Massimo Sarmi, Amministratore Delegato Poste Italiane SpA.

Ecco qui di seguito il testo della lettera.

Signor Presidente,

la Federazione fra le Società Filateliche Italiane, che presiedo, ha come proprio scopo sociale riunire e organizzare i collezionisti filatelici italiani (oggi ne coordina più di 20.000), rappresentarli negli organismi internazionali e promuovere ogni iniziativa dedicata allo sviluppo della filatelia, intesa come sana e diffusa espressione ludica, culturale ed economica della società.

Tra le iniziative volte a ciò, una delle più importanti è l’organizzazione di grandi eventi filatelici internazionali, ove collezionisti, operatori economici, amministrazioni postali si incontrano. Si tratta di manifestazioni di grande respiro, che richiedono anni di preparazione, e che vengono organizzate senza frequenza prestabilita, di solito in occasione d’importanti commemorazioni o di grandi eventi, dalle Federazioni filateliche nazionali con le strutture postali nazionali: il peso economico dell’organizzazione non sarebbe infatti sostenibile da organizzazioni private di volontariato.

In Italia la Federazione assieme all’Amministrazione postale italiana o Poste Italiane SpA ha organizzato Italia 76, Italia 85, Genova 92, Italia 98 e Italia 2009. Quest’ultima, cui Lei aveva concesso il proprio Alto Patronato, si è svolta a Roma, ha ottenuto un grande successo e unanime riconoscimento da parte dei numerosi intervenuti internazionali per l’importanza, l’esattezza e l’accuratezza dell’organizzazione e dell’esito. Il ricordo dell’evento è ancora vivo e presente in Europa e nel mondo.

Ugualmente, dal punto di vista economico ha ottenuto un grande successo, perché il notevole esborso effettuato da Poste Italiane SpA è stato più che ripagato dall’incasso straordinario delle vendite delle carte-valori postali e degli altri oggetti da collezione, che ha permesso di chiudere il bilancio economico di Poste Italiane SpA in notevole attivo, così come quello propagandistico, culturale, di prestigio internazionale della filatelia italiana.

Quel felice risultato è stato possibile grazie alla sinergia e al lavoro comune, ciascuno per le proprie competenze, di Poste Italiane SpA e della Federazione fra le Società Filateliche Italiane, che insieme (anche con gli altri operatori filatelici) hanno ottenuto il miglior risultato.

Ora, signor Presidente, come Le è ben noto, nel 2015 si terrà a Milano l’Expo 2015. Ella ha già espresso belle parole sull’importanza universale dell’evento per la presentazione dell’Italia e della sua eccellenza nel mondo. Mi permetto di riprenderle: l’Expo, Lei ha affermato, testimonierà «il valore nazionale e unitario che ha per epicentro Milano, ma rappresenta e coinvolge tutto il Paese», e permetterà di dare l’apporto italiano «allo sviluppo di una feconda cooperazione tra diversi continenti».

Parole che calzano come non altre anche alla filatelia, disciplina capace di affratellamento e conoscenza internazionale, divulgazione culturale e sviluppo economico.

Proprio per questo motivo, da tempo la Federazione ha proposto a Poste Italiane l’organizzazione di un altro grande evento filatelico internazionale a Milano in quell’occasione, Italia 2015, da realizzarsi con modalità simili alla precedente, cioè con la stessa feconda collaborazione fra Poste Italiane SpA e la Federazione fra le Società Filateliche Italiane. L’attuale situazione economica ha sinora suggerito a Poste Italiane di non accogliere ancora la richiesta, nonostante la decisione – stante le necessità pratiche organizzative – sia ormai urgentissima e praticamente indifferibile.

Le Sue parole, però, mi hanno fatto comprendere il Suo interessamento a quel grande evento internazionale e mi hanno quindi suggerito di richiedere un Suo risolutivo interessamento all’evento, perorandone la causa – se lo ritiene – presso le competenti sedi governative della Presidenza del Consiglio e del Ministero per lo sviluppo economico, competente per la filatelia, nonché presso l’azienda Poste Italiane.

Sono certo che, se Lei lo ritenesse, il Suo diretto interessamento potrebbe permettere l’organizzazione di un magnifico evento, che si tradurrebbe in un altro esempio dell’eccellenza italiana nel mondo, nonché in un consistente ritorno economico per l’Ente finanziatore mentre la Federazione, che è un’associazione senza scopo di lucro che lavora con l’opera volontaristica di moltissimi propri aderenti, continuerebbe nella propria attività statutaria di diffusione della filatelia italiana nel mondo.

Confidando in un Suo cenno, signor Presidente, l’occasione mi è grata per ringraziarLa e inviarLe il più cordiale e rispettoso saluto da parte mia personale e dei filatelisti italiani

ing. Piero Macrelli


Rimini, 18 luglio 2013


Ricordiamo ai lettori che l’ing. Macrelli ha anche ha dato notizia dell’invio di questa lettera anche ai presidenti delle Società federate ed ai titolari di incarichi federali.

Nelle foto: l’on. Giorgio Napolitano; l’ing. Piero Macrelli
(N.B.)



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!