Home » LA POSTA, PRIMO PIANO » Gli “eroi” della Francia

Gli “eroi” della Francia

Per caso, mi sono trovata in Francia proprio quando i “Blu” hanno vinto la coppa del mondo di calcio.

Non voglio sottolineare cosa sia successo la sera stessa, domenica, quando la gente a centinaia di migliaia  ha affollato Parigi (e le altre città), 149 auto sono state incendiate solo nell’Île de France (regione dove si trova Parigi) e sono stati lamentati (ma neppure tanto) vari tentativi di molestie e  stupri. Dico neppure tanto perché la notiziola delle numerose molestie è stata data il giorno dopo piccola piccola.

Non voglio nemmeno insistere sul fatto che, per tutta la sera, i canali televisivi di notizie non abbiano parlato assolutamente di niente altro.

Sappiamo bene che il calcio sia un soggetto per il quale la gente perde la testa e che la comunicazione, oggi, non sia formativa e informativa ma serva solo a fare audience.

Il giorno dopo, però, la gente, sempre centinaia di migliaia, ha nuovamente affollato gli Champs Éysées (enorme viale di Parigi), per tutto il giorno, sotto il sole. Attendeva gli “eroi” che avrebbero sfilato là, trionfalmente, intorno alle 18.

In serata, gli “eroi”, infine, insieme a 1000 giovani e 300 sportivi,  sono stati ricevuti all’Eliseo dal presidente Macron e dalla moglie.

Per tutta la giornata di lunedì e gran parte del martedì, dunque, i canali di notizie non hanno neppure provato a cambiare argomento (a quanto pare, in Francia o altrove, non è successo nulla), il titolo fisso era “I campioni del mondo di ritorno in Francia” con visione continuativa dell’enorme folla parigina acclamante che, tra l’altro, finalmente, a quanto sembra, ha vinto la paura del terrorismo.

Gli slogan più comuni pronunciati da Macron e dai commentatori erano: “Grazie di averci resi fieri”, “Équipe forte e fiera della Francia”.

Questi “eroi”, che non hanno sconfitto il cancro né la fame nel mondo, saranno insigniti della Legion d’onore tra pochi mesi.

In Francia, la gente è multicolore molto più che in Italia.

Tutta quella gente di ogni colore ha continuato a sventolare bandiere francesi, magari con il viso e i capelli dipinti di rosso, bianco, blu, cantando, saltando, urlando.

Ovunque, erano stampati messaggi augurali per i “Blu”: sui palazzi comunali, sulle strutture turistiche, sui bus…

Populismo? Nazionalismo?

Macron, intanto, si è comportato come un bambino che, finalmente, ha ottenuto un giocattolo nuovo.

Ha urlato, saltellato, mimato, abbracciato, scherzato, ovunque, in Russia e in Francia.

Chissà se è seriamente appassionato di calcio o se ha colto l’occasione per rafforzare, nel ritrovato  nazionalismo spinto dei paesi europei, le vecchie mire egemoniche e colonialiste mai sopite della Francia! O, chissà, se ha trovato un mezzo a buon mercato per rinverdire la sua popolarità tra la gente che si consola delle proprie e altrui sofferenze osannando i miti multimilionari!

Secondo gli ultimi sondaggi, 6 francesi su 10 pensano che Macron non sia un buon presidente.

Dal pomeriggio di martedì, i commentatori hanno anche cominciato a chiedersi se Macron non abbia fatto “troppo” per gli “eroi” francesi.

Qualcuno ha detto che si è comportato come se fosse il capitano della squadra.

Nel frattempo, il trattato di Schengen è stato praticamente sospeso.

Senza controllo dei documenti non si attraversa la frontiera.
Renata Rusca Zargar
http://www.senzafine.info/

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!