Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Giovani e big in primo piano nel format radio “Il Re del Gancio” ideato e condotto da Giancarlo Passarella

Giovani e big in primo piano nel format radio “Il Re del Gancio” ideato e condotto da Giancarlo Passarella

Firenze. Il format radio “Il Re del Gancio”, ideato e condotto dal super Giancarlo Passarella (e dallo stesso autoprodotto), prosegue a proporre con successo giovani artisti (senza chiedere loro di pagare alcun contributo) accanto ai big italiani e stranieri.

Il format radio è una striscia, di dieci minuti, originale e propositiva, messa in programmazione dalle emittenti radiofoniche (sono oltre cento, una decina anche straniere, e il numero aumenta di giorno in giorno…) che ne fan richiesta e alle quali è spedito gratuitamente. Uno show, “Il Re del Gancio”, che si è rivelato di grande aiuto per le piccole radio che faticano a rimanere vive! Non c’è dubbio, Giancarlo Passarella fa proprio servizio pubblico come la Rai. Ricordiamo che, storicamente, Passarella è stato il primo talent scout radiofonico (nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno programmava brani tratti da demo su cassetta, scoprendo Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi e tanti altri).

Lunedì 19 ottobre

Come primo brano Giancarlo ci fa ascoltare “Heart of Gold”, una rara versione live del cantautore canadese Neil Young (suona chitarra, armonica a bocca e pianoforte) che Passarella definisce dei cantori della poesia rock prestata alla musica che, come alla fine degli anni ’60, anche oggi comunica emozioni e si batte per le sue battaglie politiche. Ha inciso 39 album in studio (“The Monsanto Years”, 2015, è l’ultimo) e 12 dal vivo. Uscite anche quattro raccolte. Autore, fra l’altro, delle colonne sonore “Journey Through the Past”, “Where the Buffalo Roam”, “Philadelphia”, “Dead Man”.

Il secondo brano che si ascolta è “Arianna” dei fiorentini Rio Mezzanino. Il brano è tratto dal cd “Economy with upgrade”, pubblicato da Danza Cosmica nel 2008. Sempre nel 2008 il gruppo ha anche realizzato lo spettacolo “The Sky Underground”. Songs for the living and the dead” con la regia e montaggio di Andrea Montagnani e Dimitri Chimenti.

Nel 2010 ha prodotto l’EP “Together to get out”, il videoclip dal singolo “Sleep toge-ther” (regia Alessandra Gori, fotografia Michele Nassuato) e il film-documentario “Cancelli di fumo” (regia Francesco Bussalai, premiato al Tekfestival 2010 di Roma) con la colonna sonora dei Rio Mezzanino.

La musica dei Rio Mezzanino “risuona” anche attraverso alcune pagine dei romanzi “Nero ri-flesso” (2009) e “Dopotutto” (2010) scritti da Elias Mandreu e pubblicati da Il Maestrale. Ultimo album “Love is a Radio” (2012). Componenti: Antonio Bacchiddu (vocals), Federica Fabbri (guitars & vocals), Leonardo Baggiani (bass & vocals), Orietta Giunti (drums & vocals) e Giuseppe Viesti (percussions).

Martedì 20 ottobre

Primo brano di oggi in scaletta è “Canzone della Libertà” ed è di Sergio Endrigo. Sul suo sito ufficiale nel 2004 fu lanciato l’appello per ristampare l’album “Nuove Canzoni d’Amore”, pubblicato per la prima volta nel 1971 dalla Fonit Cetra: è uscito il 25 gennaio 2008 in cd, con ben tre bonus track, diventando un abbraccio tra Endrigo e i suoi fans. Il
22 novembre 2011 è uscito per la prima volta ristampato su cd ”Mari del Sud” del 1982. Ricordiamo che Simone Cristicchi è uno dei giovani artisti che sta aiutando a rivalutare Endrigo come poeta.

Il secondo brano è“ Ohj Manu Chao” di Peppa Marriti Band di S. Sofia d’Epiro, piccolo paese di origine Albanese in provincia di Cosenza. L’idea principale della band è di far conoscere la tradizione popolare delle minoranze albanesi, presenti nelle regioni italiane da oltre cinque secoli. Questo loro brano è tratto dal cd “RockArberesh” del 2005 al quale ha fatto seguito il cd “Kendo!” del 2009 con cui hanno vinto un premio di Demo, show di Radio1. “Kendò!” è anche compilation in “Ad esempio a me piace” (2009) e in “Il Premio dei Premi”. Nel 2013 le Edizioni Pendragon hanno stampato il il libro di Demetrio Corino “Rockarbëresh” – Peppa Marriti Band tra arcaismo e modernità.

Mercoledì 21 ottobre

Primo brano è “Amico Uligano” degli Elio e le Storie Tese. Brano (tratto dall’album “Esco Dal Mio Corpo E Ho Molta Paura”) che abbiamo ascoltato anche come sigla di una vecchia serie di Mai dire gol su Italia1, dove i tifosissimi interisti di Elio e le Storie Tese prendevano in giro la serietà del mondo del calcio in Italia. Erano stati dei vati, visti i vari scandali che sono scoppiati in seguito… Discografia: nove album in studio (l’ultimo nel 2013 “L’album biango”), due album di colonne sonore; sei album dal vivo; dodici Instant CD (CD Brulè). Da ricordare anche cinque raccolte, cinque cofanetti e ben cinquanta singoli, l’ultimo (2015) è “Primo giorno di scuola”. Ricordiamo anche diverse compilation contenenti brani inediti o versioni differenti da quelle degli album.

Secondo brano è “Nuvole” dei Neutra di Torino. Brano di punta del Cd “ElettriCittà” (pubblicato nel 2001), prodotto da Franz Di Cioccio: ora i Neutra sono diventati Il Dubbio di Davide, cambiando formazione e spostando alcuni membri nei vari ruoli. Una line-up variata…

Giovedì 22 ottobre

S’inizia con l’ascolto di “Heart of Glass” dei Blondie. Celebre brano che esalta lo sfolgorante inizio pop dei Blondie, dopo un esordio nel punk movement: la cantante Deborah Harry ha poi iniziato a esibirsi da sola con risultati alquanto altalenanti, ma questo “Heart of Glass” ormai è un evergreen!

Il secondo brano che è “Stella” del cantautore Dente. Giuseppe Peveri alias Dente, nasce a Fidenza nel 1976 ed ormai è una realtà cult. I suoi testi sono spesso caratterizzati da giochi di parole, alcuni più e alcuni meno immediati. Con i La Spina (con due album all’attivo) inizia la carriera per poi intraprendere una strada solista che lo porta nel 2006 a firmare per Jestrai, esordendo con il suo primo album ufficiale “Anice in bocca”. Ultimo album “Almanacco del giorno prima” (2014), ultimo EP “Chiuso dall’interno” (2014). “Invece tu” è il titolo dell’ultimo singolo (2014).

Venerdì 23 ottobre

Come penultimo brano della settimana, Passarella ci fa ascoltare “Madame George” di Van Morrison. George Ivan Morrison, il druido del rhythm’n’blues, è nato a Belfast nel 1945. Questo brano è tratto dall’album “Astral Weeks”, disco pervaso da un alone mistico e da una grande intensità: è un impasto di poesia e di innovative sonorità folk-jazz. “At The Movies: Soundtrack Hits” è il titolo della sua raccolta di brani ospitati in colonne sonore cinematografiche.

Ultimo brano in scaletta è “La Melanconia di Ireneo” di Daniele Faraotti, band bolognese composta dallo stesso Daniele Faraotti, Ernesto Geldes ed Enrico Mazzotti. Il brano, tratto dal ben amalgamato e coraggioso “Ciò Che Non Sei Più” (CD pubblicato da Alka Records nel 2008) è una particolare alchimia tra indie, rock, jazz-folk, progressive e altre influenze in modo eterogeneo elaborate: Faraotti poi ha proseguito la sua ricerca artistica.

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivete pertanto RioMezzanino, Peppa Marriti Band, Neutra, Dente e Daniele Faraotti nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella ed Angelo della Peppa Marriti  a “Special tv” a Canale10; Elio e le Storie Tese a “Mai Dire Goal”; la copertina del CD dei Neutra “ElettriCittà”.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!