Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Giancarlo Passarella e le nuove puntate del suo super format radio “Il Re del Gancio” che consigliamo a tutti

Giancarlo Passarella e le nuove puntate del suo super format radio “Il Re del Gancio” che consigliamo a tutti

Firenze. Ci siete? Allora pronti all’ascolto. Giancarlo Passarella ci presenta l’inimitabile radio format “Il Re del Gancio”, ideato, prodotto e condotto da lui stesso. E non solo. Lo spedisce gratuitamente alle piccole emittenti italiane e anche straniere (sono oltre 110). Come la Rai, anche lui fa servizio pubblico… Da una parte i giovani artisti italiani che non hanno occasioni concrete per promuovere la loro musica, dall’altra le piccole radio che faticano tanto a rimanere vive!

Queste emittenti devono continuare ad esistere, così da fare quel prezioso lavoro di collante con la realtà della provincia italiana: è una di quelle peculiarità (dice Passarella) di cui noi italiani non siamo coscienti. Lo show Il Re del Gancio è una piccola idea per aiutare queste due realtà a frequentarsi. Ricordiamo a tutti che storicamente Giancarlo Passarella è il primo talent scout radiofonico. Basta ricordare che nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno, una storica gloriosa realtà del servizio pubblico (rubrica “Ululati dall’Underground”), ha mandato in onda demo, scoprendo, tra gli altri, Ligabue, Rats, Fleurs du Mal, Bandabardò, Irene Grandi e altri.

E’ sempre impegnatissimo in spettacoli e manifestazioni varie e stare con lui è un gran piacere.

Ecco i nuovi appuntamenti da segnalare anche ai vostri amici: ve ne saranno grati.

Lunedì 15 maggio

Primo artista: 10 cc, gruppo musicale britannico.

Ebbe successo negli anni settanta. Il loro brano reggae “Dreadlock holiday”, scritto da Eric Stewart e Graham Gouldman, è stato il primo singolo del 1978, numero uno nel Regno Unito nel mese di agosto dello stesso anno (tratto  dal sesto album “Bloody Tourists”). Brano che è ancora oggi gettonato. …I don t like cricket no no / I love it / Don t you walk thru my words / You got to show some respect / Don t you walk thru my words / cause you ain t heard me out yet…

Secondo artista: Maurizio Galia, grafico/fumettaro, tastierista

Come “Maury e i Pronomi,” si muove tra Pink Floyd, Peter Gabriel, Franco Battiato e Lucio Battisti: in “Tanganica” gioca molto sulla rima baciata, sarcastica e maliziosa. Tra gli album: Maury e i Promemoria “Ziqqurat nel Canavese” (1997), Maury e i Pronomi “Tanganica, il passato e il futuro” (2000), Maury e i Pronomi “(Ec)citazioni Neoclassiche” (2004). Interesse  hanno destato le sue canzoni e musiche nei più disparati
angoli del mondo. Maurizio, torinese, diplomato in pittura, è fra l’altro anche grafico pubblicitario e illustratore per fumetti e libri.

Martedì 16 maggio

Primo artista: Olivia Newton-John, cantante e attrice australiana di origine britannica.

In Italia è nota soprattutto per la sua interpretazione del film musicale “Grease” con John Travolta. Passarella ci fa ascoltare “Hopelessly devoted to you” (brano di John Farrar), inserito nella colonna sonora di questo film. E’ la versione live della serata finale di consegna dei Grammy Awards. Trentasette le sue incisioni tra album studio, raccolte e colonne sonore.

Secondo artista: Looking 4 a Name, band progressive milanese.

La lezione della prima P.F.M. filtrata dalle intuizioni di Steve Vai e dal coraggio creativo dei Marillion. “Tetragram” è primo full-lenght ufficiale della band milanese dopo il precedente demo autoprodotto “Looking for”. Complimenti da Passarella a Francesco Panico, Federico Ghioni, Deneb Bucella, Larsen Premoli

Mercoledì 17 maggio

Primo artista: Lou Reed, cantautore, chitarrista e poeta statunitense.

Una delle sue più celebri canzoni è “Walk on the wild side”, che Passarella ci propone in una rara ed ammaliante registrazione dal vivo. Forse in prima fila c’era Laurie Anderson, allora sua neo sposa. Lou Reed ci ha lasciati il 23 ottobre 2013. L’ultimo suo album dal vivo (“Berlin: Live at St. Ann’s Warehouse”) l’aveva inciso nel 2008.

Secondo artista: Eridana, band hard rock romano

Un mainstream rock dalle forti tematiche, perché in “Eremo” il senso di isolamento di un eremita può essere voluto da una società che non ti capisce e ti emargina: nel 2015 hanno pubblicato “It decay”. Band composta da: Emanuele Bartoli alla chitarra e voce, Francesco Garrone alla batteria, Alessandro De Berti al basso.

Giovedì 18 maggio

Primo artista: Gerardina Trovato, cantautrice.

E’ del 2000 il brano “Mammone” che Giancarlo ci fa ascoltare. E’ stato pubblicato nell’album “Gechi, vampiri e altre storie” (raccolta con 2 inediti) per la Sugar di Caterina Caselli: un momento di grande successo per l’artista, poi entrata in un lungo silenzio, rotto solo all’inizio del 2012. Da ricordare che nel 2011 ha inciso il singolo “I Nuovi Mille” (con Lucariello) per i 150 anni dell’Unità di Italia, sigla del programma di RAI 2 I Nuovi Mille condotto da Federica Cellini. Suo ultimo singolo (2016) è “Energia Diretta”.

Secondo brano: The Arx, trio torinese

Trio di professionisti con alla batteria Alessia Mattalia. Misconosciuti in Italia, nonostante le quasi 50 mila copie vendute con il singolo che ascoltiamo “I wish you” in tutta Europa. Quando erano a Londra si facevano chiamare The Spins.

Venerdì 19 maggio

Primo artista: Mia Martini, cantante-cantautrice.

Passarella ci fa ascoltare il brano “Chain gang” di Sam Cooke diventato “Non pentirti dopo” che ci porta la primissima Mia Martini (pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè detta Mimì) che è stata una cantante italiana e in alcune occasioni anche cantautrice. La ricordiamo anche tutta scanzonata tra musica surf e beat, mentre si faceva chiamare ancora Mimì Bertè. Sorella maggiore di Loredana Bertè, morì nel 1995 a soli quarantasette anni in circostanze mai del tutto chiarite. A partire dal 1982, nacque Il Premio della Critica del Festival della canzone italiana “Mia Martini”, originariamente solo Premio della Critica del Festival della canzone italiana e, più informalmente, solo Premio della Critica. E’ un riconoscimento accessorio del Festival della canzone italiana di Sanremo. che viene assegnato  alla canzone e all’interprete che riscuote un giudizio positivo di qualità da parte dei giornalisti e critici musicali.


Secondo artista: The Great Marygoround, gruppo funky bresciano

Nel 2003 la band produceva “MessAge”, cd che si scrive proprio con la A maiuscola. Originali in modo naturale e funky con slanci istintivi: hanno dato alla luce un cd demo e poi si sono sciolti come neve al sole.

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivete pertanto Maurizio Galia, Looking 4 a Name, Eridana, The Arx e The Great Marygoround nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a info@ilredelgancio.it


Nelle foto: Giancarlo Passarella in una intervista televisiva nel 2011; copertina dell’album “Maury e i Pronomi” di Maurizio Galia; la copertina di “Chain Gang”, singolo di Sam Cooke.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!